Lavoro 23 Gennaio 2020

Pensioni, ecco come fare richiesta per aumentare l’importo

MMG, pediatri di libera scelta e specialisti possono chiedere un incremento di aliquota ai fini pensionistici. C’è tempo fino al 31 gennaio 2020 per presentare la domanda alla Asl

Immagine articolo

Aumentare l’importo della pensione è possibile, ma bisogna agire entro il 31 gennaio. La comunicazione arriva dall’ENPAM, l’Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza dei Medici: fino alla fine di gennaio 2020 si può infatti inoltrare la domanda per aumentare la futura pensione versando un contributo aggiuntivo (la cosiddetta aliquota modulare). Ma vediamo a chi è offerta questa opportunità e che cosa bisogna fare per approfittarne.

CHI PUO’ FARLO 

I medici che lavorano in convenzione o in accreditamento con il SSN e, nello specifico, le seguenti categorie professionali: medici dell’assistenza primaria, della continuità assistenziale, dell’emergenza sanitaria territoriale, i pediatri di libera scelta e gli specialisti esterni accreditati ad personam.

COME FARE

Per poter sfruttare questa possibilità e ottenere una pensione più alta, i camici bianchi devono effettuare un versamento volontario di un’aliquota contributiva aggiuntiva a loro carico, compresa tra l’uno e il cinque per cento, finalizzata al calcolo di una quota di pensione ulteriore. Tutti gli interessati possono procedere inviando un modulo di adesione all’aliquota modulare alla Asl per la quale si lavora.
L’aliquota resta confermata per gli anni successivi: per questo, i medici che hanno già richiesto in passato un supplemento dell’assegno pensionistico non devono fare niente, salvo il caso in cui vogliano modificare la percentuale scelta. Per revocarla, si deve presentare specifica domanda sempre entro il 31 gennaio.

LE ALTRE SOLUZIONI PER AUMENTARE LA PENSIONE

Per i contribuenti che non possono giovarsi di questa opportunità, ricorda l’Enpam, esistono soluzioni alternative che hanno lo stesso obiettivo: avere una pensione più ricca. È possibile, infatti, riscattare i periodi che non sono coperti da contribuzione aumentando l’anzianità contributiva; allineare i contributi già pagati a una contribuzione più alta versata quando il reddito era maggiore perché si è lavorato di più (in questo modo si otterrà un importo più alto della pensione ma non dell’anzianità contributiva); infine, l’ultima strada da percorrere porta alla pensione complementare con l’adesione a FondoSanità, che consente una deducibilità delle somme fino a oltre cinquemila euro.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
In Italia il contact tracing non funziona. Le Asl in difficoltà da nord a sud
Solo 9 mila tracciatori nel nostro paese e oltre il 33% dei nuovi casi senza un link epidemiologico, ovvero fuori dal contact tracing. Nelle Asl emergono le criticità su tamponi e gestione posti letto, a Napoli non c'è più posto
Oliveti (Enpam): «Il medico di famiglia sia il primario del suo reparto»
«Il Covid ci lascia un futuro con tante fragilità, che obbligano anche la professione a pensare a quale sarà il proprio ruolo Per questo credo che il medico di famiglia debba diventare e sentirsi il primario del suo reparto di medicina fiduciaria, nell’interesse del cittadino che deve trovare un’assistenza primaria multidisciplinare»
Professioni sanitarie in servizio anche dopo la pensione, aggiornato il Dl Agosto
Anche le professioni sanitarie potranno rimanere in servizio dopo la pensione, aggiornato il Dl Agosto con un emendamento. Non oltre il 70esimo anno di età
Enpam, ulteriore proroga: entro il 15 ottobre scelta tra rinvio “breve” e “lungo”
L'opzione "rinvio lungo" è riservata a chi ha avuto un calo di fatturato del 33% e ai neo iscritti, va fatta entro il 15 ottobre 2020. Confermate le scadenze per la Quota B 2020
Enpam va verso un nuovo rinvio dei contributi previdenziali
Un ulteriore rinvio per il pagamento dei contributi previdenziali già sospesi per emergenza Covid. La nuova proposta di Enpam
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare