Lavoro 8 Aprile 2021 10:03

OMCeO Napoli, è Bruno Zuccarelli il nuovo presidente

L’appello all’unità: «Lavoriamo in sinergia per battere un nemico comune, la pandemia». Scotti vicepresidente, Frojo all’Albo Odontoiatri

È Bruno Zuccarelli il nuovo presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli, che torna dunque alla guida dell’ente dopo aver già ricoperto la carica dal 2012 al 2014, raccogliendo il testimone da Silvestro Scotti. Quest’ultimo resta parte integrante del Consiglio Direttivo, nel ruolo di vice presidente, e viene confermata Sandra Frojo alla guida dell’Albo Odontoiatri. Un mandato, quello del neopresidente Zuccarelli, che inizia all’insegna dell’unità e della coesione per il raggiungimento di obiettivi comuni. Uno fra tutti: vincere la battaglia contro il Covid-19.

«Viviamo un frangente complesso – afferma -. Oggi più che mai la categoria ha bisogno di restare unita e di avere comunità di intenti. Tra i nostri obiettivi, quello di preservare e difendere la dignità di tutta la categoria nella sua interezza. Mai come adesso è giusto ribadire che i medici non sono eroi, non aspirano ad esserlo, ma non accetteranno neanche di dover essere delle vittime o dei capri espiatori». Ecco cosa ha dichiarato alle nostre telecamere.

Presidente, quali saranno le principali priorità del suo mandato?

«La priorità principale sarà sicuramente affrontare l’emergenza Covid che ci sta già lacerando da un anno. Dobbiamo quindi proseguire il lavoro del presidente uscente Silvestro Scotti per favorire la sinergia della nostra categoria, in un momento epidemiologico estremamente delicato. Sarà fondamentale tutelare la dignità e il decoro della nostra professione: ci sono colleghi che negli ambulatori, negli ospedali, nelle università e nei propri studi non sempre vedono assicurati questi due aspetti nell’esercizio del loro lavoro. I colleghi del 118 vengono costantemente minacciati, aggrediti e picchiati. I pronto soccorso sono spesso messi a ferro e fuoco da cittadini che scaricano la loro rabbia contro cose e persone. Questo non è accettabile. Un’altra priorità consisterà nel recuperare l’attrattività del nostro sistema sanitario: molti operatori sanitari stanno letteralmente fuggendo perché impauriti o comunque non gratificati professionalmente. Il nostro obiettivo sarà non solo evitare che quest’emorragia continui, ma anche incentivare i colleghi già andati via a ritornare».

Cosa pensa dell’obbligo vaccinale per gli operatori sanitari?

«Io avrei preferito che non ci fosse quest’obbligo. La nostra categoria andava vaccinata a prescindere. Sicuramente è un obbligo tutelare la propria salute e quella del paziente. Il nostro Ordine, ci tengo a ricordarlo, è stato il primo a far vaccinare i suoi iscritti ricevendo sin da subito adesione in massa. Credo quindi che nella stragrande maggioranza dei casi gli operatori sanitari abbiano dimostrato la volontà di vaccinarsi, e le percentuali osservate in Regione Campania sfiorano il 100%. Quei pochi colleghi che non ritengono di vaccinarsi credo sia opportuno vadano a ricoprire altri ruoli lontano dai pazienti».

E per quanto riguarda lo scudo penale?

«Purtroppo è necessario. Stiamo parlando di medici che, obbligati a vaccinare, nell’esercizio delle loro funzioni rischiano di ricevere un avviso di garanzia. Ragioniamo a ritroso: il medico sente incombere la minaccia del pubblico ministero, un medico impaurito non vaccina, i suoi pazienti non ricevono il vaccino, ci sarebbe poi da calcolare quanti nuovi casi (e morti) Covid sono imputabili a questo circolo vizioso. E questi morti peserebbero sulla coscienza del medico o del pubblico ministero? Al di là di queste riflessioni, lo scudo penale serve affinché il medico sia sereno e scevro da timori in un momento così delicato. Restano certamente esclusi i casi di dolo e colpa grave».

Quale lezione ci sta insegnando l’esperienza della pandemia?

«La pandemia ha messo in luce la presenza, nel nostro Paese, di 21 sistemi sanitari completamente disomogenei tra loro. Sarà necessario tornare non al centralismo, bensì ad una programmazione da parte dello Stato che garantisca davvero i Livelli Essenziali di Assistenza, altrimenti continueremo ad avere null’altro che “dislivelli evidenti di assistenza” tra una Regione e un’altra. Questa è una delle principali criticità da tenere a mente per il prossimo futuro».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Zuccarelli (OMCeO Napoli): «Sanità a rischio collasso, subito quarta dose e assunzioni»
«Tra Covid-19 e fuga dagli ospedali pubblici il personale è all'osso. Rischiamo un autunno drammatico»
«Fede, salute e impegno civile», a Napoli celebrazioni solenni per Santa Apollonia, patrona dei dentisti
Lo scorso sabato a Napoli le celebrazioni in onore di Santa Apollonia, patrona dei dentisti
Decidere chi curare, negli ospedali è allarme “codice nero”. Zuccarelli (OMCeO Napoli): «Serve obbligo vaccinale»
Sulle diverse politiche europee di gestione dell’emergenza: «È necessaria unità e strategie comuni, a cominciare da una campagna vaccinale internazionale»
Atti vandalici OMCeO Trento, solidarietà dai medici di Napoli. Zuccarelli: «Intollerabile attacco»
«Quanto accaduto a Trento è molto preoccupante, qualcosa che deve far riflettere. Siamo ormai entrati in una nuova fase, dopo le parole e gli insulti, ora sulla professione medica si abbattono atteggiamenti camorristici». Così Bruno Zuccarelli, presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli e provincia, commenta il gesto di vandalismo messo in atto a Trento. Nella […]
Covid, OMCeO Napoli vicino ai suoi iscritti. Scotti e Zuccarelli: «Psicoterapeuti e avvocati per sostenere chi da un anno combatte in trincea»
Dopo aver siglato un protocollo d’intesa con Federlab Italia e Unione Industriali per assicurare ai medici partenopei, ai loro familiari e collaboratori l’accesso a test sierologici e tamponi molecolari ad un costo simbolico, l’Ordine dei Medici di Napoli continua a introdurre iniziative a sostegno dei propri iscritti, ancor più in questo momento di grande difficoltà […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...