Lavoro 4 Febbraio 2022 16:41

MMG, Monti (Lombardia) su Riforma Stato-Regioni: «Dipendenti o no, servono più strumenti e meno burocrazia»

Il presidente della Commissione sanità della Lombardia auspica un cambiamento importante. E sulla gestione regionale degli mmg dice: «Si spera, lo Stato gestisce il fabbisogno di medici nelle università e in 10 anni la Lombardia ha perso mille medici»

Per i medici di medicina generale potrebbero esserci novità all’orizzonte. A chiederlo sono le Regioni, in particolare la Lombardia, che non ha mai fatto mistero di volere maggiore autonomia di gestione, per garantire al territorio una copertura adeguata alle esigenze dei cittadini. Sanità Informazione ha fatto qualche domanda a questo proposito ad Emanuele Monti, presidente della Commissione Sanità per la Regione Lombardia.

Una richiesta che parte dall’Europa, presidente

«L’Europa ha vincolato sette miliardi del PNRR legati a fondi per la sanità a una riforma delle cure primarie, la legge relativa ai medici di base in Italia è ferma al 1978 e ne discutiamo da tanto tempo. Chiediamo un aggiornamento allo Stato, chiediamo di investire sui medici di famiglia e che ci siano più persone a disposizione. Noi abbiamo avuto negli ultimi 10 anni un taglio lineare di mille medici di base, con gli altri che devono raccogliere molti più pazienti facendo grande fatica. Lo abbiamo visto anche nel tilt che c’è stato sulla medicina territoriale visto durante la pandemia, legato al fatto che un medico ha in gestione tantissime persone. L’Europa è arrivata a chiedere azioni immediate, le Regioni stanno lavorando con il governo per trovare una soluzione.

Dipendenza o libera professione, un cambiamento importante…

«Io più volte mi sono espresso sull’argomento, non credo che il contratto di lavoro cambi il modo di lavorare. Che poi il medico sia dipendente o libero professionista come oggi non va ad incidere sull’erogazione del servizio, sul metodo e sul modo di lavorare. La verità è che bisogna rivedere una legge che è stata ferma per troppi anni, scaricando sulle Regioni un taglio netto sulla medicina territoriale che si è subito fortemente. Io spero che su questa riforma nazionale il ministro Speranza sia capace di renderla effettiva valorizzando e non tagliando, dando più strumenti e meno burocrazia».

C’è anche l’intenzione di spostare la gestione degli Mmg alle Regioni?

«Questa è la speranza, noi abbiamo chiesto più autonomia per le Regioni. Sulla sanità molte competenze sono in ambito regionale ma altre no, sull’ambito delle cure del territorio molte competenze sono rimaste allo Stato. L’accordo collettivo è gestito a livello nazionale e se ci sarà l’occasione di poter spostare il baricentro sulle Regioni, ci siamo resi conto che ad oggi tutto ciò che è gestito a livello regionale è più vicino ai cittadini e funziona meglio. Essendo più vicini a chi usufruisce del servizio anche gli errori vengono segnalati e corretti con velocità. Basti vedere che lo Stato gestisce il numero di mmg nella programmazione universitaria e abbiamo visto quanti errori sono stati fatti. Solo in Lombardia su settemila medici, mille sono stati tagliati in 10 anni. Un errore dettato da chi fa scelte molto lontano dal cittadino, a Roma e non a Milano».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sanità, Laboratorio Lombardia: a Milano per la prima volta confronto tra tutti i soggetti della filiera
L’appuntamento, dal titolo "Sanità Futura: quali prospettive per lo sviluppo del sistema lombardo?", è stata anche l’occasione per individuare le prossime iniziative in grado di supportare la messa a terra della riforma regionale del 2021 e del dm 77 sulla riorganizzazione della medicina territoriale
Sport in ricetta medica, Sbrollini (Iv): «Aiutiamo a crescere sani i giovani, SSN ne beneficerà»
La senatrice di Italia Viva ripresenterà il disegno di legge sullo sport in ricetta medica e sulle detrazioni fiscali per l’attività sportiva: «A volte, a causa di difficoltà economiche, il genitore rinuncia a mandare il figlio a fare sport perché ci sono altre priorità». Medici di medicina generale e pediatri favorevoli
Medicina generale, la denuncia di Fismu: «Riforma ancora in alto mare, manca atto di indirizzo»
Le proposte della Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti alla vigilia della segreteria nazionale di sabato del sindacato
Quanto guadagnano i medici di medicina generale?
di Francesco Pazienza, segretario generale SMI Puglia
di Francesco Pazienza, segretario generale SMI Puglia
Medicina generale, Bartoletti (FIMMG) ai pazienti: «Nessuno vi liquida, a ognuno il tempo che serve»
Con il vicepresidente FIMMG Bartoletti parliamo della specializzazione in medicina generale e della gestione dei pazienti, cosa rispondere a chi sostiene che il proprio medico non ha tempo?
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni