Lavoro 4 Febbraio 2022 16:41

MMG, Monti (Lombardia) su Riforma Stato-Regioni: «Dipendenti o no, servono più strumenti e meno burocrazia»

Il presidente della Commissione sanità della Lombardia auspica un cambiamento importante. E sulla gestione regionale degli mmg dice: «Si spera, lo Stato gestisce il fabbisogno di medici nelle università e in 10 anni la Lombardia ha perso mille medici»

Per i medici di medicina generale potrebbero esserci novità all’orizzonte. A chiederlo sono le Regioni, in particolare la Lombardia, che non ha mai fatto mistero di volere maggiore autonomia di gestione, per garantire al territorio una copertura adeguata alle esigenze dei cittadini. Sanità Informazione ha fatto qualche domanda a questo proposito ad Emanuele Monti, presidente della Commissione Sanità per la Regione Lombardia.

Una richiesta che parte dall’Europa, presidente

«L’Europa ha vincolato sette miliardi del PNRR legati a fondi per la sanità a una riforma delle cure primarie, la legge relativa ai medici di base in Italia è ferma al 1978 e ne discutiamo da tanto tempo. Chiediamo un aggiornamento allo Stato, chiediamo di investire sui medici di famiglia e che ci siano più persone a disposizione. Noi abbiamo avuto negli ultimi 10 anni un taglio lineare di mille medici di base, con gli altri che devono raccogliere molti più pazienti facendo grande fatica. Lo abbiamo visto anche nel tilt che c’è stato sulla medicina territoriale visto durante la pandemia, legato al fatto che un medico ha in gestione tantissime persone. L’Europa è arrivata a chiedere azioni immediate, le Regioni stanno lavorando con il governo per trovare una soluzione.

Dipendenza o libera professione, un cambiamento importante…

«Io più volte mi sono espresso sull’argomento, non credo che il contratto di lavoro cambi il modo di lavorare. Che poi il medico sia dipendente o libero professionista come oggi non va ad incidere sull’erogazione del servizio, sul metodo e sul modo di lavorare. La verità è che bisogna rivedere una legge che è stata ferma per troppi anni, scaricando sulle Regioni un taglio netto sulla medicina territoriale che si è subito fortemente. Io spero che su questa riforma nazionale il ministro Speranza sia capace di renderla effettiva valorizzando e non tagliando, dando più strumenti e meno burocrazia».

C’è anche l’intenzione di spostare la gestione degli Mmg alle Regioni?

«Questa è la speranza, noi abbiamo chiesto più autonomia per le Regioni. Sulla sanità molte competenze sono in ambito regionale ma altre no, sull’ambito delle cure del territorio molte competenze sono rimaste allo Stato. L’accordo collettivo è gestito a livello nazionale e se ci sarà l’occasione di poter spostare il baricentro sulle Regioni, ci siamo resi conto che ad oggi tutto ciò che è gestito a livello regionale è più vicino ai cittadini e funziona meglio. Essendo più vicini a chi usufruisce del servizio anche gli errori vengono segnalati e corretti con velocità. Basti vedere che lo Stato gestisce il numero di mmg nella programmazione universitaria e abbiamo visto quanti errori sono stati fatti. Solo in Lombardia su settemila medici, mille sono stati tagliati in 10 anni. Un errore dettato da chi fa scelte molto lontano dal cittadino, a Roma e non a Milano».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Milano, cittadini contro la Casa di Comunità: «No alla cattedrale nel deserto»
Raccolte 6000 firme dal Comitato Bonola per esprimere il malcontento a Regione Lombardia sulla Casa di Comunità che dovrebbe sorgere tra i palazzi di via Ugo Betti. La vicepresidente: «Mancano i medici di base e il terreno su cui dovrebbe sorgere la Casa di Comunità attende la bonifica dall’amianto»
Medicina territoriale, Cavicchi: «DM71 è una controriforma, non si può spaccare il medico di famiglia a metà»
Il professore di Sociologia delle organizzazioni sanitarie contesta la riforma dell’assistenza sanitaria territoriale in atto e mette in guardia dal rischio privatizzazione: «L’obiettivo è quello di mandare in pensione il medico di medicina generale pubblico e di sostituirlo con delle agenzie private, tremo all’idea»
di Francesco Torre
Medici di famiglia: «Di questo passo entro agosto saremo in piena emergenza». Prevale il test “fai da te” per non perdere le ferie
«Di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono che il Covid sia ormai una banale influenza, senza comprendere che il virus può ancora essere letale»
Osteosarcopenia: cosa fare quando ossa e muscoli non godono di buona salute
In Italia 5 milioni di persone sono affette da osteoporosi. La perdita di massa ossea e di quella muscolare sono processi fisiologici, ma entrambi concorrono a determinare un aumento della fragilità e del rischio fratture. Fondamentale la prevenzione con un corretto stile di vita, attività fisica e acquisizione di calcio, proteine e soprattutto vitamina D
Dalla Sicilia alla Lombardia: la “tratta” della PMA
Aurora denuncia a Sanità Informazione la sua storia ai limiti della legalità: in Sicilia la Procreazione medicalmente assistita è sempre stato un bene lusso e chi non poteva permetterselo andava fuori Regione. Ma dal 9 maggio l’assessorato alla Sanita siciliano ha bloccato la mobilità sanitaria. Aurora, Giacomo D’Amico, presidente di Hera e Antonino Guglielmino, presidente nazionale della SIRU svelano tutte le carte
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali