Lavoro 12 Dicembre 2017

Sciopero, Federico Gelli (Pd): «Una vertenza che spero si possa risolvere presto»

«Dopo un incontro al Ministero con tutti gli stakeholder della sanità, siamo riusciti a strappare una promessa…», così ai nostri microfoni l’esperto della riforma della Responsabilità professionale in sanità

«Sono convinto e fiducioso che ci sia disponibilità e volontà da parte degli assessori alla sanità e delle Regioni di trovare soluzioni e risposte per il personale sanitario» lo ribadisce Federico Gelli, il Responsabile della Sanità del Pd, in merito alle polemiche per l’insufficienza del finanziamento previsto per il Fondo Sanitario Nazionale 2018, insoddisfazione sfociata in uno sciopero di 24 ore proclamato dai camici bianchi.

«È evidente che se non ci fossero risorse nel Bilancio soddisfare le richieste del mondo sanitario sarebbe più complesso e difficile, ma voglio ricordarvi che le Regioni già oggi possono rinnovare il contratto senza bisogno di risorse aggiuntive da parte dello Stato centrale. Questo ovviamente – prosegue Gelli – può creare elementi di disagio e di difficoltà nel garantire i Livelli Essenziali di Assistenza e assicurare prestazioni sanitarie. È chiaro che un incremento del Fondo Nazionale aiuterebbe e faciliterebbe in questa operazione».

«Quello che posso dire ai medici – sottolinea – è che li capisco: io indosso una giacca istituzionale ma sono un medico e so cosa vuol dire non ottenere il rinnovo del contratto da 7 anni. Potrei anche io togliere la giacca istituzionale e indossare il camice bianco per scendere in piazza con i colleghi, ma non lo faccio perché ho rispetto delle istituzioni e del mio ruolo, sono fiducioso che si troverà una soluzione».

«Tuttavia – ribadisce il deputato – quello che non riesco a capire è come mai questi argomenti siano emersi così con insistenza soltanto alla fine della Legislatura. Mi permetto di dire che probabilmente sarebbe stato meglio che si fossero trovati gli strumenti in questi anni, in questi 5 anni di mandato, senza necessità di arrivare all’ultimo treno, all’ultima carrozza dell’ultima fermata.  Nonostante tutto proveremo ugualmente a dare risposte ma per fare questo occorre che ognuno si prenda le proprie responsabilità».

Articoli correlati
Asl Roma 2, i dirigenti sanitari vicini allo sciopero per il taglio dei 10 minuti di pausa
Magliozzi (Cisl Medici Roma Capitale/Rieti): «Sono 5 anni che lottiamo con i colleghi del Sant'Eugenio, ora si sono uniti quelli del Pertini» 
di Vanessa Seffer
Sanità Privata e Rsa: 18 giugno lavoratori in sciopero per un contratto atteso da 13 anni
Cgil Cisl e Uil: «Braccia incrociate contro la vergogna di Aris e Aiop. Regione e Asl intervengano sugli accreditamenti»
Sanità privata e delle Rsa, proclamato lo stato di agitazione del personale
In una nota di FP Cgil, Cisl FP e Uil Fpl vengono annunciate iniziative di mobilitazione in tutti i territori: «Lavoratrici e lavoratori hanno diritto al rinnovo del contratto nazionale»
Coronavirus, Fondazione Italia in Salute a Conte: «Chi risarcirà i 12mila medici contagiati? Serve subito un fondo ad hoc»
Il presidente Gelli: «Serve inoltre una nuova norma per tutelare gli operatori sanitari che rischiano la propria vita nell'emergenza»
Medici 118, SNAMI vince ricorso contro USL Toscana Centro. Stop a doppio lavoro territorio-Pronto Soccorso
«Tale progetto esponeva a grave rischio sia organizzativo che lavorativo il medico nello svolgimento delle sue funzioni, con gravi possibili ricadute sulla salute dei cittadini assistiti», sottolinea una nota dello SNAMI Toscana guidato dal Segretario Gianluca Maccioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 9 luglio, sono 12.051.561 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 549.735 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 8 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)