Lavoro 12 dicembre 2017

Sciopero, Federico Gelli (Pd): «Una vertenza che spero si possa risolvere presto»

«Dopo un incontro al Ministero con tutti gli stakeholder della sanità, siamo riusciti a strappare una promessa…», così ai nostri microfoni l’esperto della riforma della Responsabilità professionale in sanità

«Sono convinto e fiducioso che ci sia disponibilità e volontà da parte degli assessori alla sanità e delle Regioni di trovare soluzioni e risposte per il personale sanitario» lo ribadisce Federico Gelli, il Responsabile della Sanità del Pd, in merito alle polemiche per l’insufficienza del finanziamento previsto per il Fondo Sanitario Nazionale 2018, insoddisfazione sfociata in uno sciopero di 24 ore proclamato dai camici bianchi.

«È evidente che se non ci fossero risorse nel Bilancio soddisfare le richieste del mondo sanitario sarebbe più complesso e difficile, ma voglio ricordarvi che le Regioni già oggi possono rinnovare il contratto senza bisogno di risorse aggiuntive da parte dello Stato centrale. Questo ovviamente – prosegue Gelli – può creare elementi di disagio e di difficoltà nel garantire i Livelli Essenziali di Assistenza e assicurare prestazioni sanitarie. È chiaro che un incremento del Fondo Nazionale aiuterebbe e faciliterebbe in questa operazione».

«Quello che posso dire ai medici – sottolinea – è che li capisco: io indosso una giacca istituzionale ma sono un medico e so cosa vuol dire non ottenere il rinnovo del contratto da 7 anni. Potrei anche io togliere la giacca istituzionale e indossare il camice bianco per scendere in piazza con i colleghi, ma non lo faccio perché ho rispetto delle istituzioni e del mio ruolo, sono fiducioso che si troverà una soluzione».

«Tuttavia – ribadisce il deputato – quello che non riesco a capire è come mai questi argomenti siano emersi così con insistenza soltanto alla fine della Legislatura. Mi permetto di dire che probabilmente sarebbe stato meglio che si fossero trovati gli strumenti in questi anni, in questi 5 anni di mandato, senza necessità di arrivare all’ultimo treno, all’ultima carrozza dell’ultima fermata.  Nonostante tutto proveremo ugualmente a dare risposte ma per fare questo occorre che ognuno si prenda le proprie responsabilità».

Articoli correlati
Legge di Bilancio, educatori socio-pedagogici potranno lavorare anche nelle strutture sanitarie. Ascani (PD): «Sanità italiana ha bisogno di questi professionisti»
«Oggi diamo a queste figure la possibilità di spendersi nei presidi socio-sanitari e quindi finalmente diamo lo sbocco che quell’indirizzo avrebbe dovuto avere sin dall’inizio» sottolinea la deputata del Partito democratico che boccia la manovra: «Serviva più attenzione alle persone fragili, alle famiglie che sono più in difficoltà, ai portatori di disabilità»
Liste d’attesa, Bologna (M5S): «Ora Dg saranno valutati anche per questo. Sanità più trasparente e funzionale ci aiuterà a prevenire anche le aggressioni»
In legge di Bilancio previsti 350 milioni di euro per contrastare le lunghe attese. La neurologa Cinque Stelle annuncia: «Con Dl Fiscale altri fondi per la digitalizzazione»
Pubblicità sanitaria, stop a spot “promozionali o suggestivi”. Boldi (Lega): «Indurre scelta su basi propagandistiche danneggia utenti»
Passato in manovra l’emendamento proposto della deputata leghista Rossana Boldi che ‘depotenzia’ la legge Bersani sulla comunicazione sanitaria. In caso di violazioni il testo prevede che gli ordini professionali procedano in via disciplinare nei confronti dei professionisti o delle società iscritti segnalando tali violazioni all'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni
Liste d’attesa, Aceti (Cittadinanzattiva): «Prima voce di segnalazione per malcontento cittadini. Ecco cosa cambia con Piano Nazionale»
«50 milioni per abbattimento e interventi regionali. Ridiamo le gambe al SSN per tornare in piedi» Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Contratto medici, la protesta continua con stop a straordinari, assemblee e scioperi: «Istituzioni evitino crack SSN»
Le richieste dei sindacati: l'incremento del finanziamento del FSN, un vasto programma di assunzioni ed il finanziamento di almeno 3mila nuovi contratti di formazione specialistica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...