Lavoro 2 Maggio 2022 09:30

Medici in fuga e maxipensionamenti, Zuccarelli (OMCeO): «Oggi fare il medico non ha più appeal»

Il punto su turni massacranti, formazione continua e aumento borse di specializzazione

Turni massacranti, stipendi inadeguati, lacune di personale. Archiviata l’emergenza Covid-19, la sanità italiana e gli operatori al loro interno si trovano a far fronte a sfide vecchie e nuove, declinate alla luce delle diverse e aumentate esigenze di salute della popolazione. I temi della formazione, quindi, della programmazione e delle condizioni di lavoro dei medici italiani, ma anche la solidarietà e lo spirito di vocazione, che in un momento come questo non possono mancare, sono i temi che Sanità Informazione ha voluto affrontare con Bruno Zuccarelli, presidente dell’OMCeO di Napoli.

Quanto è importante oggi per il professionista sanitario ottemperare all’obbligo di formazione continua in medicina?

«L’aggiornamento e la formazione continua sono sempre più importanti per tenere il passo con le evoluzioni della medicina negli ultimi cinquant’anni. Siamo passati in quest’arco di tempo dall’essere quasi all’età della pietra ad avere una medicina estremamente tecnologica dove, tuttavia, ci auguriamo che la risorsa umana governi sempre la macchina e non viceversa. Anche per questo l’Educazione Continua in Medicina è ancor più fondamentale. Dopo due anni di corsi online, poter tornare a relazionarsi in presenza è un valore aggiunto. Un medico non può non formarsi continuamente, altrimenti è fuori dal tempo presente».

Tantissimi medici di medicina generale in pensione nel 2024. Come si fa fronte a questo?

«Già nel 2010, inascoltati, lanciavamo un grido d’allarme sul fatto che a breve sarebbero mancati sia gli specialisti che i medici di medicina generale, chiedendo di investire maggiormente in borse di studio per le scuole di specializzazione. Bisogna dare atto però che da un anno a questa parte, grazie all’ex ministro Manfredi ma anche al ministro Speranza si è iniziato a porre rimedio aumentando i posti in specializzazione. Ci vorranno tuttavia diversi anni per andare a regime anche perché la gobba pensionistica è un’ulteriore aggravante. Ci aspettano anni complessi, e sentire di pazienti che non trovano un medico di medicina generale disponibile ci lascia attoniti e ci restituisce la misura di una programmazione scellerata risalente a dieci anni fa».

Per non parlare del problema atavico della fuga all’estero di molti medici italiani…

«La professione medica non è più molto attrattiva, non solo per motivi economici, sebbene i nostri stipendi restino tra i più bassi in Europa, ma soprattutto per ciò che comporta l’essere medico: troppo spesso significa essere aggrediti, picchiati, sottoposti a turni di lavoro massacranti e con carichi di lavoro eccessivi anche a causa di una crescente burocrazia. Questo fa sì che molti medici scelgano di andare all’estero, una scelta di libertà e di investimento. Su questo dobbiamo riflettere e fare i conti col fatto che nei prossimi anni rischiamo di non avere medici italiani che continuino la grande tradizione medica del nostro Paese».

Una notizia positiva, infine, la donazione di venticinquemila euro raccolti per l’Ucraina da parte dell’OMCeO di Napoli.

«Una grande iniziativa di cui dobbiamo dare atto ai medici chirurghi e odontoiatri di Napoli e provincia. Con grande generosità hanno donato questa somma che abbiamo consegnato in una cerimonia simbolica al console ucraino, e che sarà poi devoluta direttamente all’Ucraina per fornire assistenza. L’iniziativa non si ferma qui e le donazioni continueranno, per dare un segno tangibile della presenza e vicinanza della comunità medica partenopea all’Ucraina».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Perché andare nelle Case della Comunità, se lo studio medico è sotto casa? Risponde Pina Onotri (SMI)
Il Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani, in un’intervista a Sanità Informazione ripercorre le principali criticità del PNNR. Le proposte: «Modificare la legge 502/92 e studiare un meccanismo flessibile di equivalenza scelta/ore, che permetta ai medici con un carico assistenziale inferiore al massimale di coprire un debito orario nelle case di comunità, retribuiti a quota oraria o capitaria»
Medici e infermieri: patto su assistenza. Anelli (Fnomceo): «Regioni in ritardo sui fabbisogni»
Riuniti i due Comitati Centrali Fnomceo-Fnopi: «Da noi le indicazioni per la qualità e l’efficienza dei servizi. Ai cittadini vanno garantite le competenze delle due professioni». Anelli: «DM 71 ha sottostimato fabbisogno infermieri nelle case di comunità e non ha risolto il problema della carenza dei MMG»
Pediatri, medici del 118, guardie mediche: la carenza di camici bianchi investe il Molise
Nella regione si registra una grave carenza di pediatri ospedalieri e il Punto nascite di Isernia rischia di chiudere. Crudele (OMCeO Isernia): «Non bisogna fare avvisi per sei mesi a tempo determinato, ma concorsi che diano una stabilità». De Gregorio (OMCeO Campobasso): «La coperta è corta, abbiamo troppe sedi di guardia medica»
di Francesco Torre
Nei pronto soccorso piemontesi mancano 300 medici dei 640 previsti
La Simeu Regionale piemontese per quanto di propria competenza sui Pronto Soccorso precisa che si è conclusa da poco una ricognizione volta all’analisi della situazione dell’organico medico nei Pronto Soccorso della Regione
Medici contro l’ipotesi di usare gli infermieri come «supplenti» degli mmg
La Fnomceo e la Cimo-Fesmed rispondono all'assessore della Lombardia Letizia Moratti, secondo la quale gli infermieri potrebbe sostituire e contribuire alla carenza di medici di famiglia
di Redazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali