Lavoro 15 Ottobre 2019

Fisco, la novità per i medici: «Fondi europei per l’acquisto di apparecchiature e macchinari innovativi»

Il commercialista Marco Ginanneschi: «Dai rotativi all’iperammortamento del 250% per gli investimenti nella sanità 4.0, ecco come l’Unione europea può supportare le spese dei medici»

Immagine articolo

Anche i medici possono accedere ai fondi europei. Questa la novità delle ultime programmazioni UE, che fanno rientrare nella categoria di impresa anche il professionista. «I fondi europei hanno come obiettivo quello di aiutare i professionisti, come i medici, a dotarsi di macchinari e strumentazioni innovativi ed essenziali per lo svolgimento del loro lavoro, ma che spesso richiedono un investimento non sempre facile da affrontare». Così il commercialista Marco Ginanneschi, titolare di un prestigioso studio partner di Consulcesi, ha affrontato la tematica al simposio organizzato dal Gruppo oculisti ambulatoriali liberi (Goal) nell’ambito del congresso Aimo.

LEGGI ANCHE: CONGRESSO AIMO E SIMPOSIO GOAL, TORTORELLA: «LA BLOCKCHAIN CAMBIA LA SANITÀ, ANCHE PER GLI OCULISTI»

«In alcune Regioni, come nel Lazio, ci sono ad esempio bandi destinati alle imprese, anche individuali, fatti con strumenti che si chiamano rotativi. Si tratta – ha spiegato Ginanneschi – di prestiti agevolati a interesse zero che, una volta restituiti, alimentano il bacino che potrà rifinanziare altri professionisti».

«Ma passando a misure più corpose – ha continuato –, una circolare del ministero dello Sviluppo economico del marzo 2019 ha stabilito l’iperammortamento per gli investimenti in beni strumentali nella cosiddetta “sanità 4.0”, che quindi riguardino robotica e intelligenza artificiale. Il costo dei beni strumentali può essere quindi ammortizzato fino al 250%. Una misura fiscale che vale per tutte le modalità di acquisizione dei macchinari, anche il leasing».

«L’Unione europea ha stanziato 101 miliardi di euro per il programma della salute – ha concluso Ginanneschi -. Se c’è la possibilità di un supporto per l’acquisto di apparecchiature che possano facilitare concretamente la professione, perché non sfruttarla».

LEGGI ANCHE: EUROPEE, ANTONIO TAJANI (FORZA ITALIA): «FONDI EUROPEI PER FORMAZIONE DEI MEDICI E TECNOLOGIA»

Articoli correlati
GOAL, 10 anni di oftalmologia. Il 18 settembre l’evento nazionale a Milano
Al centro dell'evento uno “sguardo” al presente e al futuro: il ruolo degli oculisti ambulatoriali e novità di cura e assistenza
Anelli (FNOMCeO) su Recovery Fund: «Bene intesa, ora è tempo di riforme in Sanità»
Filippo Anelli, presidente FNOMCeO, si dice soddisfatto dei fondi in arrivo dall'Europa. «Occorre un piano per cambiare la sanità passando attraverso l’Ospedale, il Territorio, la Libera Professione. Non dobbiamo farci trovare impreparati»
In farmacia screening per la prevenzione di malattie oculari senza oculisti. L’allarme di Mazzacane (GOAL)
Il segretario del Gruppo Oculisti Ambulatoriali Liberi: «Rivedere il programma dell'iniziativa in un’ottica di collaborazione con i medici specialisti e di miglior servizio alla popolazione»
di Federica Bosco
Oftalmologia e innovazioni tecnologiche, Mazzacane (Goal): «Fondamentale formazione continua per stare al passo»
«Quel che oggi serve al medico – continua Mazzacane – è tornare ad essere un organizzatore del sistema sanitario e non può più essere considerato un ‘manovale’ della medicina».
di Giovanni Cedrone e Arnaldo Iodice
Congresso Aimo e simposio Goal, Tortorella: «La blockchain cambia la sanità, anche per gli oculisti »
Tra i temi affrontati, anche l’innovazione rappresentata dalla Blockchain. Tortorella (Consulcesi Tech): «È una tecnologia che verifica e congela l’accaduto. Fondamentale per certificare la formazione ECM»
di Giulia Cavalcanti e Cesare Buquicchio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 20 ottobre, sono 40.403.537 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.118.293 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 20 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...