Lavoro 9 Novembre 2021 12:50

Medici e infermieri senza vaccino: il punto sui sospesi. Alcuni lavorano ancora per carenze in organico

3.800 infermieri e 1.656 medici sospesi, 522 invece sono tornati indietro e si sono vaccinati contro Covid. A che punto siamo con i lavoratori della sanità che non hanno adempiuto all’obbligo vaccinale

Medici e infermieri senza vaccino: il punto sui sospesi. Alcuni lavorano ancora per carenze in organico

Circa 3.800 infermieri e 1.656 medici sospesi perché non vaccinati. È questo il verdetto a otto mesi da quando l’obbligo vaccinale per i sanitari è diventato legge, sebbene i provvedimenti “punitivi” siano stati messi in atto solo di recente. La Federazione degli Ordini dei Medici (FNOMCeO) e la Federazione degli Ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI) ricevono i dati dagli organi provinciali e mantengono un calcolo più preciso possibile, anche in base alla puntualità con cui le aziende comunicano i dati.

Il punto di FNOMCeO: 1.656 sospesi

Tra i medici, informa il presidente FNOMCeO Filippo Anelli, 522 sono tornati sui propri passi e hanno fatto l’iniezione anti-Covid dopo la sospensione. Mentre sono 78 gli Ordini (su 106) che hanno notificato almeno una sospensione di un iscritto. Le cifre sono comunque irrisorie, tiene a ribadire Anelli. Su 468mila professionisti iscritti la proporzione tra chi è regolarmente vaccinato e chi no è facilmente calcolabile. È una minoranza quella dei medici non vaccinati, sui quali la sospensione ha avuto in parte l’effetto sperato.

«La notifica della sospensione comunicata dalla Asl al sanitario e all’Ordine, per la sospensione dall’Albo, si è dimostrata un pungolo efficace per indurre alla vaccinazione i colleghi che, per un motivo o per l’altro, non avevano ancora adempiuto all’obbligo – spiega il presidente FNOMCeO -. Per questo è importante che non si interrompa il flusso, e che tutte le Asl comunichino al più presto agli Ordini i nominativi dei medici non ancora vaccinati. E ciò, sia per evitare che, come sta ancora accadendo almeno in 28 province, i sanitari continuino a operare a contatto con i pazienti; sia per poter convincere a effettuarla i colleghi che, per varie motivazioni, hanno rimandato la vaccinazione».

Il punto di FNOPI: 0,85% di iscritti sospesi

I numeri degli infermieri, 3.800 sospesi, sembrano più alti ma coprono lo 0,85% degli iscritti totali. Lo ha ricordato Luigi Pais del comitato centrale della Fnopi all’Adnkronos Salute. Però solo il 75% delle aziende sanitarie ha comunicato i dati, su questo c’è certezza. La ragione è da ritrovarsi nell’approccio scelto dalle singole aziende: per alcune il timore di trovarsi sotto con l’organico impedisce di agire tempestivamente nelle sospensioni. In altri casi invece, i controlli sui documenti sono lenti quindi colleghi che hanno già ricevuto notifica di sospensione non la vedono attuarsi e continuano a lavorare. Generando così anche malcontento negli altri infermieri, che vedono non applicata una norma in cui abbiano creduto.

Sulle terze dosi sia FNOMCeO che FNOPI riferiscono una buona aderenza da parte dei colleghi, sebbene in alcune Regioni si proceda più celermente che in altre. Agli Ordini però arrivano comunicazioni e richieste di chiarimento da parte degli iscritti. Dunque sono in molti a suggerire un eventuale obbligo di terza dose per le categorie di lavoratori che sono più vicini ai malati, proprio per evitare malintesi o che lavoratori più giovani aspettino più del tempo necessario per prenotarsi.

«Siamo in dirittura d’arrivo – ribadisce Anelli – non fermiamoci ora: tutti i cittadini hanno diritto a scegliere consapevolmente, con l’aiuto del medico. Il vaccino ci salva la vita: il medico ha il dovere di mettere a disposizione le sue conoscenze e competenze perché ogni cittadino riceva la miglior prevenzione e la miglior assistenza possibili».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ambrogino d’oro 2022 a Marisa Cantarelli, prima teorica italiana dell’assistenza infermieristica
È anche stata la prima in Italia a spostare il focus dell’assistenza dai compiti da assolvere alla persona da assistere, personalizzando in questo modo l’assistenza e apportando un contributo fondamentale per l’abolizione del mansionario e per la professionalizzazione degli infermieri italiani fino a favorire l’inserimento della formazione degli stessi in Università
Gli infermieri sono “Ovunque per il bene di tutti”. Il docufilm Fnopi che premia le eccellenze della professione
“Ovunque per il bene di tutti” è un percorso itinerante che racconta emozionanti storie di infermieri di famiglia e comunità che si sono distinti in diversi campi. L’assistenza sul territorio abbraccia la salute mentale, la pediatria, l'ausilio domiciliare, gli anziani e la scuola
ECM, ultimi due mesi per mettersi in regola. Anelli: «Assicurazione a rischio»
Dopo le lettere del Cogeaps alle Federazioni (trasmesse poi agli Ordini), i principali esponenti della sanità ribadiscono ai propri iscritti l’importanza di farsi trovare in regola alla scadenza del triennio
PNRR e nuove sfide in sanità: la centralità del ruolo dell’infermiere
«Le risorse in arrivo con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza comportano una serie di sfide che dobbiamo affrontare nell’ottica di una nuova, organizzata ed efficiente integrazione socio-sanitaria. Integrazione che non è poi così scontata»
di Barbara Mangiacavalli (Presidente Fnopi)
Medici stranieri assunti «in deroga», Anelli (Fnomceo) perplesso scrive a Mattarella
Il presidente di Fnomceo Anelli scrive una lettera al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per sollecitare l'attenzione sulla normativa che permette l'impiego di medici extracomunitari in deroga al normale iter di riconoscimento dei titoli e all'obbligo di iscrizione all'ordine
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa