Lavoro 16 Gennaio 2017

«Ecco cosa vuol dire davvero lavorare H24…». Vite da pronto soccorso? Parla Maria Pia Ruggieri (Simeu)

Perenne stato di emergenza e turni massacranti, ecco le condizioni in cui lavorano i camici bianchi negli ospedali italiani. Maria Pia Ruggieri Presidente Società italiana Medicina emergenza-urgenza: «Sistema Sanitario lacunoso e sovraffollamento, i pronto soccorso in pessime condizioni»

Le carenze dei pronto soccorso italiani sono tornate all’attenzione mediatica in questi giorni in seguito al caso dell’ospedale di Nola. La riduzione dei posti letto, le ristrettezze organizzative, i tagli alla sanità, in concomitanza con il picco di influenza stagionale e con l’ondata di maltempo che ha investito il Paese, hanno generato il collasso di alcune strutture. Per l’ennesima volta sono emerse le insufficienze del Sistema Sanitario e le difficili condizioni in cui lavorano i medici per non parlare della scarsa assistenza riservata ai pazienti. Su questo tema, ai microfoni di Sanità Informazione, interviene Maria Pia Ruggieri, Presidente Nazionale della Società Italiana di Medicina Emergenza-Urgenza che ci racconta il suo punto di vista.

Quella del medico nei pronto soccorso che vita è?

«La vita dei pronti soccorso italiani, insieme a quella delle persone e dei professionisti che ci lavorano, è una vita difficile – spiega Ruggieri -. Il pronto soccorso ha la porta aperta 365 giorni all’anno e accoglie tutti coloro che hanno necessità di assistenza. Però il Sistema Nazionale ha molti problemi nell’organizzazione, per cui ci si trova a gestire pazienti in emergenza urgenza ma poi a non sapere dove ricoverarli, da qui nasce il sovraffollamento che sfocia in una situazione difficile sia per gli operatori sanitari sia per i cittadini che vi accedono».

Riguardo il sovraffollamento è anche un problema di orari di lavoro?

«Certamente. Inevitabilmente il problema del sovraffollamento si intreccia con il dilemma dei turni di lavoro. E’ pur vero che il sistema dell’emergenza deve essere disponibile 24 ore su 24, 365 giorni l’anno. Dunque si tratta di un apparato che non può chiudere mai».

Gli orari di lavoro così intensi si legano al tema dell’usura del personale, eppure si fatica a riconoscere questo elemento in chiave pensionistica?

«Purtroppo sì. La professione medica non è considerata professione usurante. Eppure si tratta di un lavoro ad altissima intensità fisica ma soprattutto mentale. Il cronometro del medico è estremamente veloce e non si può mai fermare. Questo elemento dovrebbe essere tenuto in maggiore considerazione. Questo è uno dei tanti problemi che si trascina il Sistema Sanitario insieme all’organizzazione che ha dei buchi evidenti».

Articoli correlati
Napoli, San Giovanni Bosco: apre triage al Pronto soccorso
All’Ospedale San Giovanni Bosco di Napoli è stato messo in funzione il sistema del triage. Questo significa che, d’ora in poi, i medici e gli infermieri specializzati assegneranno i codici in base alla gravità dei sintomi lamentati dai pazienti che arrivano al Pronto soccorso. L’ospedale, nei mesi scorsi si è trovato al centro della cronaca […]
Policlinico Campus Bio-Medico, partiti i lavori del Dipartimento di Emergenza e Accettazione
E’ stato il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti a dare avvio ai lavori per la realizzazione del pronto soccorso del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico dando per primo una picconata a una simbolica parete. Il nuovissimo Dipartimento di Emergenza e Accettazione (DEA) di I livello amplierà la rete dell’emergenza nel quadrante sud ovest di Roma completando l’offerta assistenziale del Policlinico […]
Medici sotto attacco, Rossi (OMCeO Milano): «La classe medica è massacrata. Il nostro lavoro è sottopagato e sotto considerato»
«Poi non stupiamoci se i reparti si desertificano, il territorio si sguarnisce e i medici vanno all’estero. Questa situazione non ha alcun senso». Così il presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, che accoglie la proposta di istituire un Arbitrato della Salute
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»
«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo scusa, ma la colpa non è mia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone