Lavoro 27 Agosto 2019 09:00

L’evoluzione dell’anestesia: dalla neve all’etere, la modernità inizia con la Grande Guerra

Corrado Cecchetti, responsabile Area Rossa del dipartimento di emergenza del Bambin Gesù di Roma: «Per il futuro forme di anestesia sempre meno legate ad una reale compromissione e controllo delle funzioni vitali del paziente, a favore di tecniche loco regionali»

di Isabella Faggiano
L’evoluzione dell’anestesia: dalla neve all’etere, la modernità inizia con la Grande Guerra

Nell’antica Mesopotamia si utilizzava la compressione delle carotidi per causare la perdita di conoscenza. In Egitto, prima di un intervento, si cospargevano gli arti di acqua fredda per diminuirne la sensibilità. Anche alle più rudimentali pratiche chirurgiche gli specialisti hanno sempre tentato di affiancare delle forme di anestesia altrettanto primordiali, nel tentativo di lenire le sofferenze. «Ma è soltanto durante la prima Guerra Mondiale e negli anni immediatamente successivi – spiega Corrado Cecchetti, responsabile dell’Area Rossa del dipartimento di emergenza dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma – che l’anestesia ha subito una vera evoluzione. Si è passati da forme di anestesia volte alla riduzione del dolore, come l’impiego del cloroformio per placare lo strazio di un’amputazione, a vere e proprie tecniche di anestesia generale, con l’utilizzo di etere (dietiletere o etossietano, un composto che a temperatura ambiente si presenta come un liquido incolore, ndr) o di protossido (un gas incolore dal sapore dolciastro, ndr)».

LEGGI ANCHE: ANESTESISTI RIANIMATORI, MARINANGELI (AAROI-EMAC): «SIAMO GLI ANGELI CUSTODI DELLA SICUREZZA DEI PAZIENTI»

Una rivoluzione non solo nella pratica medica, ma anche nella sua organizzazione: «Si comincia ad utilizzare un approccio integrato di anestesia e rianimazione  – racconta lo specialista – . Vengono sperimentate le prime forme di smistamento dei pazienti attraverso la messa a punto di un triage avanzato (il sistema che seleziona i soggetti coinvolti in infortuni secondo classi di urgenza-emergenza crescenti, in base alla gravità delle lesioni riportate e del loro quadro clinico, ndr). I medici hanno la possibilità di effettuare trasfusioni utilizzando il sangue conservato nelle apposite sacche. Un’opportunità impensabile fino a pochi anni prima, quando le trasfusioni avvenivano solo da paziente a paziente».

Lungo il corso degli anni, dalla Grande Guerra in poi, sono state molte le tappe fondamentali che hanno scritto la storia dell’anestesia moderna. «All’inizio la mortalità era elevatissima – spiega l’anestesista – perché non c’era la consapevolezza del controllo dei parametri vitali in ambito anestesiologico». Ma pian piano importanti scoperte hanno reso il lavoro dell’anestesista più sicuro ed efficace. «Dapprima la cannula di Ghedel (una cannula oro-faringea utilizzata per il mantenimento della pervietà delle vie aeree superiori, soprattutto in sala operatoria o durante le manovre di rianimazione) che per noi anestesisti è ancora un fulcro per il controllo delle vie aree – aggiunge lo specialista -,  poi la nascita della macchina di Boyle, quindi dei primi apparecchi di anestesia, l’intubazione oro-tracheale, il laringoscopio».

Oggi, pur conservando gran parte dell’eredità del passato, questa branca della medicina continua la sua evoluzione. «Si va verso forme di anestesia sempre meno legate ad una reale compromissione e controllo delle funzioni vitali del paziente – spiega Cecchetti – prediligendo tecniche di anestesia loco regionale, finalizzate all’intervento. Il tutto – conclude l’anestesista – con la possibilità di dare amnesia al paziente per non fargli ricordare l’evento chirurgico».

Articoli correlati
Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»
Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini può provocare problemi gastrointestinali. Ne parliamo con Indolfi (Meyer), che ha curato il bambino di Prato esaminato in via precauzionale per trapianto di fegato
«Curare anche quando non si può guarire»: in Lazio il Centro di Cure Palliative Pediatriche più grande d’Italia
Il Centro dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma è stato inaugurato oggi a Passoscuro, nel comune di Fiumicino. È dedicato all’accoglienza di bambini e adolescenti con malattie rare, inguaribili, ad alta complessità assistenziale. Garantisce la presa in carico del paziente e di tutto il nucleo familiare. Già accolti alcuni pazienti ucraini fuggiti dalla guerra
Giornata mondiale delle malattie rare: circa 25mila pazienti seguiti al Bambino Gesù
Accordo di collaborazione tra l’Ospedale, Orphanet e OMaR per promuovere l’informazione e i servizi rivolti a famiglie e associazioni
Giornata Mondiale Cancro Infantile, «Ruolo cruciale di scuola e pediatri nella prevenzione primaria»
Mastronuzzi (Bambino Gesù): «Durante lockdown impennata di ricoveri in PS, fondamentale intercettare i sintomi in fase iniziale»
Epilessia, Bambino Gesù: «Circa 4mila insegnanti e ragazzi formati a gestire le crisi in classe»
Ridotte drasticamente le richieste di intervento al 112. Per la Giornata Mondiale dell’Epilessia del 14 febbraio, diretta social con gli esperti dell’Ospedale Pediatrico della Santa Sede.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...