Lavoro 27 Agosto 2019

L’evoluzione dell’anestesia: dalla neve all’etere, la modernità inizia con la Grande Guerra

Corrado Cecchetti, responsabile Area Rossa del dipartimento di emergenza del Bambin Gesù di Roma: «Per il futuro forme di anestesia sempre meno legate ad una reale compromissione e controllo delle funzioni vitali del paziente, a favore di tecniche loco regionali»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Nell’antica Mesopotamia si utilizzava la compressione delle carotidi per causare la perdita di conoscenza. In Egitto, prima di un intervento, si cospargevano gli arti di acqua fredda per diminuirne la sensibilità. Anche alle più rudimentali pratiche chirurgiche gli specialisti hanno sempre tentato di affiancare delle forme di anestesia altrettanto primordiali, nel tentativo di lenire le sofferenze. «Ma è soltanto durante la prima Guerra Mondiale e negli anni immediatamente successivi – spiega Corrado Cecchetti, responsabile dell’Area Rossa del dipartimento di emergenza dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma – che l’anestesia ha subito una vera evoluzione. Si è passati da forme di anestesia volte alla riduzione del dolore, come l’impiego del cloroformio per placare lo strazio di un’amputazione, a vere e proprie tecniche di anestesia generale, con l’utilizzo di etere (dietiletere o etossietano, un composto che a temperatura ambiente si presenta come un liquido incolore, ndr) o di protossido (un gas incolore dal sapore dolciastro, ndr)».

LEGGI ANCHE: ANESTESISTI RIANIMATORI, MARINANGELI (AAROI-EMAC): «SIAMO GLI ANGELI CUSTODI DELLA SICUREZZA DEI PAZIENTI»

Una rivoluzione non solo nella pratica medica, ma anche nella sua organizzazione: «Si comincia ad utilizzare un approccio integrato di anestesia e rianimazione  – racconta lo specialista – . Vengono sperimentate le prime forme di smistamento dei pazienti attraverso la messa a punto di un triage avanzato (il sistema che seleziona i soggetti coinvolti in infortuni secondo classi di urgenza-emergenza crescenti, in base alla gravità delle lesioni riportate e del loro quadro clinico, ndr). I medici hanno la possibilità di effettuare trasfusioni utilizzando il sangue conservato nelle apposite sacche. Un’opportunità impensabile fino a pochi anni prima, quando le trasfusioni avvenivano solo da paziente a paziente».

Lungo il corso degli anni, dalla Grande Guerra in poi, sono state molte le tappe fondamentali che hanno scritto la storia dell’anestesia moderna. «All’inizio la mortalità era elevatissima – spiega l’anestesista – perché non c’era la consapevolezza del controllo dei parametri vitali in ambito anestesiologico». Ma pian piano importanti scoperte hanno reso il lavoro dell’anestesista più sicuro ed efficace. «Dapprima la cannula di Ghedel (una cannula oro-faringea utilizzata per il mantenimento della pervietà delle vie aeree superiori, soprattutto in sala operatoria o durante le manovre di rianimazione) che per noi anestesisti è ancora un fulcro per il controllo delle vie aree – aggiunge lo specialista -,  poi la nascita della macchina di Boyle, quindi dei primi apparecchi di anestesia, l’intubazione oro-tracheale, il laringoscopio».

Oggi, pur conservando gran parte dell’eredità del passato, questa branca della medicina continua la sua evoluzione. «Si va verso forme di anestesia sempre meno legate ad una reale compromissione e controllo delle funzioni vitali del paziente – spiega Cecchetti – prediligendo tecniche di anestesia loco regionale, finalizzate all’intervento. Il tutto – conclude l’anestesista – con la possibilità di dare amnesia al paziente per non fargli ricordare l’evento chirurgico».

Articoli correlati
#Dottoriincorsia, la prima puntata su Alex. Enoc (Bambin Gesù): «Raccontiamo la scienza contro le fake news»
In onda sabato 16 novembre su Rai3 la prima puntata della docuserie “Dottori in corsia – Ospedale Pediatrico Bambino Gesù” racconta storie di eccellenza medica del passato e del presente
«Storie di ricerca e speranza contro le fake news». Su RaiTre prima serata con i #Dottoriincorsia
In onda sabato 16 novembre in prima serata su Rai3 la nuova edizione della docuserie “Dottori in corsia - Ospedale Pediatrico Bambino Gesù”, di Simona Ercolani. Federica Sciarelli guida l’appassionato racconto, intervistando i protagonisti e ripercorrendo con loro i momenti importanti nel viaggio verso la guarigione
Nuove droghe: sono sintetiche e 200 volte più “potenti” di quelle naturali
Marano (Centro antiveleni Bambino Gesù): «Se un giovane arriva al Pronto soccorso dopo aver preso una di queste nuove sostanze è difficile identificarne immediatamente l’assunzione. I nostri screening riconoscono solo le “vecchie” droghe»
di Isabella Faggiano
Borse di studio in Anestesia e Emergenza-Urgenza, Aaroi-Emac: «Bene aumento, ora tocca a politica rendere attrattive queste specializzazioni»
«Soddisfazione per l’aumento delle Borse di Studio per le Specializzazioni in Anestesia, rianimazione, terapia intensiva e del dolore e in Medicina di emergenza e urgenza, ma la politica deve fare la sua parte per rendere maggiormente attrattive tali discipline». È questo in sintesi il commento dell’AAROI-EMAC sugli ultimi dati relativi all’incremento e alla distribuzione dei […]
“Attenzione alle sanzioni”, la rivista In Formazione del Bambino Gesù lancia l’allarme sui mancati crediti ECM
Dal 2020 il nuovo triennio formativo richiederà 150 crediti. A ribadirlo anche una lettera scritta dal presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, Filippo Anelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo