Lavoro 16 Aprile 2019

Sanità, novità in arrivo dalla Cassazione. Il magistrato Vincenti: «Presto una serie di udienze tematiche affronteranno i temi della responsabilità medica»

L’intervento della Suprema Corte si chiama “Progetto Sanità” e punta a garantire un’interpretazione quanto più uniforme e condivisa di alcune questioni di fondamentale importanza. «La Cassazione ha preso atto della giurisprudenza di merito che si sta formando in tema di responsabilità medica e intende arrivare in tempi stretti a costruire il diritto vivente», ha sottolineato Vincenti

Immagine articolo

Garantire un’interpretazione chiara e uniforme della legge Gelli. Questo l’obiettivo della Suprema Corte di Cassazione che entro l’estate svolgerà una serie di udienze tematiche sul tema. Lo conferma a Sanità Informazione Enzo Vincenti, Magistrato della Suprema Corte, ospite del convegno “Sicurezza delle cure e responsabilità degli operatori” organizzato dal “padre” della legge 24 del 2017 Federico Gelli. Si tratta di un intervento molto importante considerato che c’è grande difformità di interpretazione della norma. La Cassazione, che già si è espressa in sede penale su molti principi, con il “Progetto Sanità”, come è stato definito, intende svolgere il suo ruolo esprimendo delle “linee guida” condivise che possano essere risolutive rispetto ai dubbi interpretativi e di ausilio per tutti gli operatori del diritto che si trovino ad utilizzare gli strumenti previsti dalla legge Gelli.

LEGGI ANCHE: MEDICI SOTTO PROCESSO, MAGGIOROTTI (AMAMI): «IMPATTO PSICOLOGICO DEVASTANTE. MA FORSE IL CIVILE E’ ANCHE PEGGIO…»

Negli ultimi tempi la tematica del contenzioso medico-paziente è emersa in tutta la sua complessità e tanti operatori del settore auspicano un intervento risolutore. Con questo intervento si auspica che venga garantita un’interpretazione quanto più uniforme e condivisa di alcune questioni di fondamentale importanza, che nel lungo periodo dovrebbe funzionare anche come deterrente per eventuali liti temerarie o più generale per quei contenziosi che vengono avviati talvolta proprio perché vi sono dubbi e incertezze interpretative che lasciano spazio alle soluzioni più disparate.

Dottor Vincenti, la Cassazione sta affrontando questo tema e ci sono delle novità in arrivo…

«La Cassazione ha preso atto della giurisprudenza di merito che si sta formando in tema di responsabilità medica e intende arrivare in tempi stretti a costruire il diritto vivente. Quindi una risposta da parte del giudice della nomofilachia che arriverà credo prima dell’estate attraverso una serie di udienze tematiche affronteranno temi della responsabilità medica e che attengono anche alla legge Gelli del 2017».

La Leggi Gelli che applicazione sta trovando nei tribunali?

«I temi più dibattuti per ora sono quelli sulla retroattività delle qualificazioni che ha dato il legislatore, in particolare quella sulla extracontrattualità, sulla rivalsa nei confronti del medico e poi il tema delle linee guida che ha trovato però più pronto il versante penalistico».

Articoli correlati
Tamponi Covid, cosa rischia il medico che ne prescrive troppi (o troppo pochi)? Intervista all’Avv. Hazan
«La Legge Gelli è poco applicabile a questi casi perché si fonda sul rispetto delle linee guida. Ma nel caso del Covid non c’è una comprensione esatta di cosa si debba fare»
Il mistero dei decreti attuativi della Legge Gelli. Misiti (M5S): «Da mesi sollecito il Ministero ma nessuna risposta»
Il deputato e medico M5S racconta a Sanità Informazione i suoi incontri al Ministero della Salute per sbloccare l’impasse su delle norme attese dal 2018: «Ho parlato con FNOMCeO, Anaao e Collegio Italiano dei Chirurghi e tutti si sono detti molto preoccupati per il disinteresse che avvolge il tema». Ma Speranza annuncia un'accelerazione
Covid e operatori sanitari denunciati, Gelli: «Parlamento consideri nostro emendamento per maggiori tutele»
Il relatore della Legge 24/2017 sulla responsabilità professionale: «Decreti attuativi nella fase finale di approvazione»
Responsabilità e Covid-19, Gelli: «Decreti attuativi legge 24 e scudo per tutelare professionisti sanitari»
Manca solo la firma del ministro Patuanelli per completare l’iter dei decreti attuativi della legge Gelli. E intanto iniziano ad arrivare le prime richieste di risarcimento dai familiari delle vittime del Covid. Il presidente della Fondazione Italia in Salute: «Serve norma ad hoc»
Responsabilità e Covid, l’avvocato: «Si applichi il Codice Civile e i medici risponderanno solo per dolo o colpa grave»
Per Federico Gelli andrebbe istituito un fondo nazionale per indennizzi e risarcimenti. Poi spinge sull’approvazione dei decreti attuativi della legge 24. Ecco come è andato il webinar “Sanità – Cosa imparare dall’esperienza Covid-19”
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 19 ottobre, sono 39.965.414 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.113.307 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...