Lavoro 16 Aprile 2019

Sanità, novità in arrivo dalla Cassazione. Il magistrato Vincenti: «Presto una serie di udienze tematiche affronteranno i temi della responsabilità medica»

L’intervento della Suprema Corte si chiama “Progetto Sanità” e punta a garantire un’interpretazione quanto più uniforme e condivisa di alcune questioni di fondamentale importanza. «La Cassazione ha preso atto della giurisprudenza di merito che si sta formando in tema di responsabilità medica e intende arrivare in tempi stretti a costruire il diritto vivente», ha sottolineato Vincenti

Immagine articolo

Garantire un’interpretazione chiara e uniforme della legge Gelli. Questo l’obiettivo della Suprema Corte di Cassazione che entro l’estate svolgerà una serie di udienze tematiche sul tema. Lo conferma a Sanità Informazione Enzo Vincenti, Magistrato della Suprema Corte, ospite del convegno “Sicurezza delle cure e responsabilità degli operatori” organizzato dal “padre” della legge 24 del 2017 Federico Gelli. Si tratta di un intervento molto importante considerato che c’è grande difformità di interpretazione della norma. La Cassazione, che già si è espressa in sede penale su molti principi, con il “Progetto Sanità”, come è stato definito, intende svolgere il suo ruolo esprimendo delle “linee guida” condivise che possano essere risolutive rispetto ai dubbi interpretativi e di ausilio per tutti gli operatori del diritto che si trovino ad utilizzare gli strumenti previsti dalla legge Gelli.

LEGGI ANCHE: MEDICI SOTTO PROCESSO, MAGGIOROTTI (AMAMI): «IMPATTO PSICOLOGICO DEVASTANTE. MA FORSE IL CIVILE E’ ANCHE PEGGIO…»

Negli ultimi tempi la tematica del contenzioso medico-paziente è emersa in tutta la sua complessità e tanti operatori del settore auspicano un intervento risolutore. Con questo intervento si auspica che venga garantita un’interpretazione quanto più uniforme e condivisa di alcune questioni di fondamentale importanza, che nel lungo periodo dovrebbe funzionare anche come deterrente per eventuali liti temerarie o più generale per quei contenziosi che vengono avviati talvolta proprio perché vi sono dubbi e incertezze interpretative che lasciano spazio alle soluzioni più disparate.

Dottor Vincenti, la Cassazione sta affrontando questo tema e ci sono delle novità in arrivo…

«La Cassazione ha preso atto della giurisprudenza di merito che si sta formando in tema di responsabilità medica e intende arrivare in tempi stretti a costruire il diritto vivente. Quindi una risposta da parte del giudice della nomofilachia che arriverà credo prima dell’estate attraverso una serie di udienze tematiche affronteranno temi della responsabilità medica e che attengono anche alla legge Gelli del 2017».

La Leggi Gelli che applicazione sta trovando nei tribunali?

«I temi più dibattuti per ora sono quelli sulla retroattività delle qualificazioni che ha dato il legislatore, in particolare quella sulla extracontrattualità, sulla rivalsa nei confronti del medico e poi il tema delle linee guida che ha trovato però più pronto il versante penalistico».

Articoli correlati
Covid-19, il Codacons lancia un questionario per accertare le responsabilità dei decessi: medici nel mirino?
«Il parente dopo quanto tempo dall’arrivo in ospedale è stato visitato al triage? Poi è stato ricoverato in reparto? È stato sottoposto al tampone o ad accertamenti diagnostici quali rx torace e saturimetro?». Queste alcune domande rivolte ai cittadini
Coronavirus in corsia, come può tutelarsi legalmente il medico? Le risposte degli esperti
In quali casi si verifica una responsabilità della struttura se un medico che lavora in essa viene contagiato dal Covid-19? E cosa può fare per ottenere un risarcimento, nel caso in cui non siano state prese tutte le precauzioni del caso? Le risposte degli Avvocati Guido Molinari e Andrea Marziale, Partners dello Studio Legale e Tributario Quorum
Covid19, Orlandi (Fisici-Chimici): «Limitare responsabilità dei professionisti sanitari alle condotte dolose»
Anche la Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici ha aderito alle richieste elaborate dalla Consulta permanente delle professioni sanitarie e socio-sanitarie in tema di responsabilità professionale
Responsabilità professionale, una proposta unitaria dalle professioni sanitarie e socio-sanitarie
Il testo è il frutto delle considerazioni emerse in seguito ad una videoconferenza dello scorso 17 aprile tra referenti del Ministero della Salute e componenti della Consulta permanente delle professioni sanitarie e socio-sanitarie sul tema dei diversi profili giuridici di responsabilità professionale
Emergenza Coronavirus, le richieste dei sindacati: «Scudo giudiziario, fondo per gli indennizzi e revisione della responsabilità professionale»
Palermo (Anaao): «Passare da impianto basato sulla colpa ad uno basato sull’errore». Vergallo (AAROI-EMAC): «La pandemia ha esacerbato il sovraccarico di responsabilità degli operatori sanitari». Quici (Cimo-Fesmed): «Gravi responsabilità da parte di ISS, Protezione Civile e Direttori Generali». Filippi (Fp Cgil Medici): «Medici e pazienti che si infettano a causa di carenze nell’organizzazione devono poter ricorrere contro l’ente»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 giugno, sono 6.185.523 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 372.377 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 31 maggio: Ne...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco