Lavoro 16 Aprile 2019

Sanità, novità in arrivo dalla Cassazione. Il magistrato Vincenti: «Presto una serie di udienze tematiche affronteranno i temi della responsabilità medica»

L’intervento della Suprema Corte si chiama “Progetto Sanità” e punta a garantire un’interpretazione quanto più uniforme e condivisa di alcune questioni di fondamentale importanza. «La Cassazione ha preso atto della giurisprudenza di merito che si sta formando in tema di responsabilità medica e intende arrivare in tempi stretti a costruire il diritto vivente», ha sottolineato Vincenti

Immagine articolo

Garantire un’interpretazione chiara e uniforme della legge Gelli. Questo l’obiettivo della Suprema Corte di Cassazione che entro l’estate svolgerà una serie di udienze tematiche sul tema. Lo conferma a Sanità Informazione Enzo Vincenti, Magistrato della Suprema Corte, ospite del convegno “Sicurezza delle cure e responsabilità degli operatori” organizzato dal “padre” della legge 24 del 2017 Federico Gelli. Si tratta di un intervento molto importante considerato che c’è grande difformità di interpretazione della norma. La Cassazione, che già si è espressa in sede penale su molti principi, con il “Progetto Sanità”, come è stato definito, intende svolgere il suo ruolo esprimendo delle “linee guida” condivise che possano essere risolutive rispetto ai dubbi interpretativi e di ausilio per tutti gli operatori del diritto che si trovino ad utilizzare gli strumenti previsti dalla legge Gelli.

LEGGI ANCHE: MEDICI SOTTO PROCESSO, MAGGIOROTTI (AMAMI): «IMPATTO PSICOLOGICO DEVASTANTE. MA FORSE IL CIVILE E’ ANCHE PEGGIO…»

Negli ultimi tempi la tematica del contenzioso medico-paziente è emersa in tutta la sua complessità e tanti operatori del settore auspicano un intervento risolutore. Con questo intervento si auspica che venga garantita un’interpretazione quanto più uniforme e condivisa di alcune questioni di fondamentale importanza, che nel lungo periodo dovrebbe funzionare anche come deterrente per eventuali liti temerarie o più generale per quei contenziosi che vengono avviati talvolta proprio perché vi sono dubbi e incertezze interpretative che lasciano spazio alle soluzioni più disparate.

Dottor Vincenti, la Cassazione sta affrontando questo tema e ci sono delle novità in arrivo…

«La Cassazione ha preso atto della giurisprudenza di merito che si sta formando in tema di responsabilità medica e intende arrivare in tempi stretti a costruire il diritto vivente. Quindi una risposta da parte del giudice della nomofilachia che arriverà credo prima dell’estate attraverso una serie di udienze tematiche affronteranno temi della responsabilità medica e che attengono anche alla legge Gelli del 2017».

La Leggi Gelli che applicazione sta trovando nei tribunali?

«I temi più dibattuti per ora sono quelli sulla retroattività delle qualificazioni che ha dato il legislatore, in particolare quella sulla extracontrattualità, sulla rivalsa nei confronti del medico e poi il tema delle linee guida che ha trovato però più pronto il versante penalistico».

Articoli correlati
Responsabilità professionale, rischio clinico e gestione del contenzioso: torna l’annuale appuntamento alla Sapienza
«L’idea è quella di coinvolgere più professionalità e aprire un dialogo importantissimo fra specialisti e operatori tecnici che entrano nel merito della gestione del contenzioso e del rischio clinico» spiega Paola Frati, professore ordinario di Medicina legale alla Sapienza di Roma e Responsabile scientifico del convegno insieme al professor Vittorio Fineschi
Responsabilità professionale, MISE al lavoro su decreti attuativi legge 24. Gelli: «Contenziosi in diminuzione con risk management»
«Nelle regioni dov’è applicata la Legge si riducono le controversie: finalmente c’è un governo del rischio in sanità e della sicurezza delle cure per i cittadini» ha sottolineato a Sanità Informazione Federico Gelli, relatore della Legge alla Camera e presidente della Fondazione Italia in Salute
Responsabilità, Mangiacavalli (FNOPI): «Per infermieri polizza facoltativa per sentirsi tranquilli»
La Presidente della Federazione degli Ordini delle professioni infermieristiche sottolinea il cambiamento “culturale” portato dalla legge 24 del 2017. Poi spiega quanto fatto sul tema: «Abbiamo firmato un protocollo d’intesa con il Csm per l’attività consulenziale e peritale e lavorato con le nostre società scientifiche per entrare nell'elenco del Ministero»
Responsabilità professionale, Fiorentino (MISE): «Ultimi decreti legge Gelli in fase di elaborazione, presto iniziativa del Ministero»
Il Direttore Generale per il mercato del Ministero dello Sviluppo Economico annuncia una iniziativa a breve per sbloccare i decreti attuativi della legge riguardanti la parte assicurativa. Fondazione Italia In Salute: contenzioso in diminuzione
Responsabilità professionale, Fondazione Italia In Salute: «Nelle regioni dov’è applicata la legge Gelli diminuiscono i contenziosi»
Presentati alla Camera i primi dati sull’applicazione della legge. Federico Gelli: «Quello che ci sembra interessante è l’andamento tendenziale: finalmente c’è un governo del rischio in sanità e della sicurezza delle cure per i cittadini. Questo mi sembra il primo risultato». Dal report emergono diseguaglianze tra regioni
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...