Politica 9 Settembre 2020 12:09

La riforma del Sistema 118 non convince gli infermieri. FNOPI: «Diversi nodi da rivedere»

Dagli standard rigidi allo scarso apporto multiprofessionale nella gestione, Nicola Draoli (FNOPI) ha enunciato i dubbi della Federazione in audizione al Senato. La replica della Castellone (M5S): «Non vogliamo derogare al DM 70 ma applicarlo in modo uniforme in tutta Italia»

La riforma del Sistema 118 non convince gli infermieri. FNOPI: «Diversi nodi da rivedere»

La riforma del Sistema 118 presentata in Commissione Sanità al Senato non convince la Federazione Nazionale degli Ordini delle Professioni infermieristiche (FNOPI). È quanto emerge dall’audizione di Nicola Draoli, componente del Comitato centrale FNOPI, che ha enunciato una serie di criticità del Ddl 1715 davanti ai senatori. Osservazioni che non hanno persuaso la senatrice Maria Domenica Castellone (M5S), prima firmataria del provvedimento.

Tra i punti contestati dalla FNOPI, l’organizzazione provinciale dei dipartimenti, i tempi di soccorso e la presenza di una postazione mobile di soccorso avanzato ogni 60mila abitanti in area urbana e ogni 100mila abitanti in area metropolitana «con a bordo un medico e un infermiere».

RIFORMA DEL SISTEMA 118, LE OBIEZIONI DELLA FNOPI

«La FNOPI concorda sulla necessità di una riforma del Sistema 118 – ha esordito Draoli – ma ci sono una serie di nodi da sciogliere». Il primo è quello del numero unico 112 introdotto dalla riforma Madia.

«Il fatto che il sistema di emergenza-urgenza passi al numero unico 118 invece che al numero 112 entra sul merito di modifiche attuate da norme già esistenti. Alcune regioni dovrebbero tornare indietro» osserva Draoli che poi aggiunge: «In alcuni punti si va in deroga al DM 70 del 2015. Si sarebbe dovuto far applicare alle regioni il decreto ministeriale. Nel DM si parla di un livello sovraprovinciale per efficientare risorse umane e tecnologiche, invece nel Ddl in discussione abbiamo di nuovo centrali operative provinciali».

Draoli registra anche uno «scollegamento tra i dipartimenti e le strutture ospedaliere» e osserva che «è molto difficile nel sistema 118 definire standard rigidi. Viene citato solo il mezzo composto da medico e infermiere, ma non è quello che dice il DM70. Oggi le ambulanze con il medico a bordo sono solo il 15%. Sarebbe stato più coraggioso definire in modo più compiuto i percorsi dedicati al personale infermieristico e valutare l’indice di infermierizzazione delle postazioni mobili del sistema».

La FNOPI si schiera a favore di una specializzazione infermieristica dell’emergenza-urgenza, ma è importante capire come verrà realizzata. «Questa assegnazione esclusiva prevede un percorso formativo? Ci sarà un concorso dedicato?» si chiede Draoli davanti ai senatori.

Anche gli standard temporali di intervento non convincono la FNOPI: «Ci sembrano un po’ rigidi – spiega Draoli -. La variabile dei 45” è impraticabile (“Il SET 118 deve assicurare una risposta diretta e immediata da attivare in un tempo non superiore a 45 secondi dalla chiamata di soccorso”, si legge nel Ddl). Così come gli 8 e i 20 minuti si riferiscono al gold standard del 1992, un criterio superato».

Infine FNOPI contesta lo scarso apporto multiprofessionale nella gestione del 118. «Benissimo l’aspetto clinico in capo a un medico – aggiunge Draoli – ma non si capisce perché la gestione debba essere affidata a una professione sola, quella del medico».

«Riteniamo – conclude il rappresentante FNOPI – che questo Ddl sia molto attento ai contenitori, meno ai contenuti. Serve convergenza di tutti gli attori coinvolti. Bisogna valorizzare alcuni percorsi regionali che non sono stati presi in adeguata considerazione».

LA REPLICA DELLA CASTELLONE

Le osservazioni di Draoli sono state contestate dalla senatrice Castellone, prima firmataria del Disegno di legge. «Nel Ddl non c’è scritto che si vuole abolire il numero unico 112 – spiega l’esponente M5S -. Né è scritto che si vuole avere una centrale operativa ogni 80mila abitanti. Non vogliamo derogare al DM 70 ma applicarlo in modo uniforme in tutta Italia. Bisogna puntare alla qualità dell’assistenza. I codici rossi sono la minima parte degli interventi che il 118 mette in atto ma tanti sono i codici gialli in cui l’intervento tempo-dipendente gioca il maggior ruolo», spiega ancora Castellone, che annuncia una memoria esplicativa da inviare alla FNOPI.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Infermieri, primo rapporto sulle violenze: 125mila casi sommersi in un anno, 75% contro donne
Mangiacavalli (presidente FNOPI): «Da eroi del Covid a vittime invisibili. Subito inserimento nella categoria lavori usuranti»
Infermieri in fuga all’estero, in Svizzera stipendi d’oro e carriera
Migliaia di infermieri italiani hanno deciso di lavorare all'estero. Tra le mete ambite c'è la Svizzera
Stati Generali FNOPI: in 3 giorni oltre mille infermieri attivi per ridisegnare il proprio futuro
Draoli (FNOPI): «Dal 28 marzo al 2 maggio è attivo il sito statigenerali.fnopi.it. L’obiettivo è approdare ad una piattaforma condivisa che, entro l’autunno, ridisegni la professione infermieristica in Italia, anche attraverso la modifica delle norme primarie e dei percorsi formativi»
Infermieri ucraini in Italia. Fnopi: «No a sanatorie per eventuali stabilizzazioni, sì all’accoglienza nel nostro SSN»
Fnopi: «Gli infermieri ucraini in Italia potrebbero avere grande valenza non tanto per sostituzioni di personale mancante, quanto per fungere da mediatori culturali con i tanti pazienti fuggiti dalla guerra che ci troveremo ad assistere. Necessario progettare accoglienza degli studenti di infermieristica negli Atenei italiani»
Anelli (Fnomceo): «Massima disponibilità, sostegno e supporto per chi arriva da assurdo teatro di guerra»
La FNOMCeO raccoglie e condivide l’appello dei colleghi russi per dire basta alla guerra. Mangiacavalli (Fnopi): «Doverosa accoglienza e accesso a prestazioni sanitarie indispensabili per i rifugiati. Popolo con basso tasso di vaccinazione, attorno al 30%»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...