Lavoro 24 Gennaio 2020

Un libro mette sotto la lente di ingrandimento la responsabilità degli operatori sanitari

Vito Tenore, consigliere della Corte dei Conti lombarda e autore dello studio sulla responsabilità disciplinare, civile, penale e amministrativo contabile del personale sanitario: «La legge Gelli tutela medici e pazienti, ma bisogna elaborare le linee guida»

di Federica Bosco

A quasi tre anni dall’entrata in vigore della legge Gelli Bianco, sono ancora molte le ombre sul delicato tema della responsabilità dei medici. Per cercare di dare delle risposte ai mille quesiti che l’applicazione della legge solleva, Vito Tenore, consigliere della Corte dei Conti lombarda, ha affrontato il tema nel volume “Studio sulla responsabilità disciplinare, civile, penale e amministrativo contabile del personale sanitario”.

LEGGI ANCHE: LEGGE GELLI: A CHE PUNTO SIAMO? SICILIANO (TRIBUNALE MILANO): «MEDICI DA TUTELARE»

Professore, cosa è emerso dalla sua analisi?

«Abbiamo voluto analizzare in modo completo tutte quelle disgrazie in cui possono incappare il medico, l’infermiere o l’operatore sanitario che, in Italia, sono letteralmente aggrediti da cittadini e avvocati. Ciò non significa che vogliamo fare un atto persecutorio, anzi. Il volume vuole essere un riconoscimento alla sanità italiana che è ancora una delle migliori al mondo».

Dall’introduzione della legge Gelli cosa è cambiato in positivo e cosa invece deve ancora migliorare?

«È una legge equilibrata. Sicuramente tutela il paziente che può rivalersi in caso di malasanità sia nei confronti del medico che della struttura ospedaliera; nel contempo tutela anche il medico, che risponde a titolo extra-contrattuale verso il paziente, mentre la struttura risponde a titolo contrattuale. Quindi il paziente, o gli eredi, citeranno in giudizio preferibilmente la struttura sanitaria perché la responsabilità contrattuale è più facile da provare rispetto a quella extra-contrattuale. Questo significa che il medico verrà chiamato in seconda battuta, cioè o in sede civile o contabile in ambito della rivalsa, ovvero una volta condannata la struttura il medico risponderà solo per dolo e colpa grave e, se questo era già evidente in Corte dei Conti, rappresenta una novità in sede civile. È una forma di tutela del medico perché solo in caso di negligenza grave risponderà di tasca propria, la struttura presso cui opera si accollerà la colpa lieve. Ci sono poi altre parti della legge Gelli che tutelano il medico, come l’osservanza delle linee guide che attenua il rischio di condanna in sede civile. Fermo restando che le linee guida vanno elaborate e, in questo caso, andrebbe discusso se la mera osservanza delle linee guida possa dispensare del tutto il medico oppure no. Ma su questo si potrebbe fare un convegno…».

Anche il tema delle assicurazioni rappresenta un ambito di discussione…

«La legge Gelli si interessa anche dell’obbligo assicurativo che tutela il paziente. Se il medico o la struttura sono incapienti risponde l‘assicurazione che è obbligatoria. Peccato che non sia stata resa obbligatoria questa assicurazione anche per gli assicuratori come accade per le Rc auto perché, in tal caso, i premi sarebbero calati nel settore sanitario. Se ci fosse stato un obbligo di contrarre anche per gli assicuratori, la virtuosa concorrenza per le compagnie avrebbe portato ad un abbassamento dei premi. Ciò non è accaduto nel sistema sanitario, ma siamo ancora in tempo per poter recuperare».

Articoli correlati
Gestione rischio sanitario, Sham partner di Uni Torino per insegnare la sicurezza delle cure
Per la prima volta, la gestione del rischio sanitario diventa materia di insegnamento magistrale all’Università di Torino grazie alla partnership con Sham, società del gruppo europeo Relyens, da oltre 90 anni specializzata nella gestione della RC Sanitaria e nel risk management. Partiranno infatti il 19 febbraio le lezioni di “Governance e gestione del rischio clinico […]
Giovani medici e assicurazioni professionali, tanti dubbi e incertezze: «Brancoliamo nel buio»
«Molte polizze sono poco sostenibili per un giovane a inizio carriera». E chiedono di poter avere maggiori informazioni sul mondo delle assicurazioni sin dal corso di laurea in Medicina
Risk management, gli esperti riuniti in Sapienza: «Serve approccio uniforme sul territorio»
Il professor Fineschi: «Una valutazione dell'operato dei medici 'peer review' servirà al giudice per assumere la decisione più giusta e corretta rispetto al caso incriminato»
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Rischio clinico, contenzioso e fine vita. Dal 12 al 14 febbraio se ne parla alla Sapienza di Roma
Ritorna il convegno annuale sui principali temi di interesse per il settore medico. Previsti ospiti eccellenti e tavoli di confronto. Il professor Fineschi: «Centrale nel nostro dibattito l’applicazione della Legge Gelli». La professoressa Frati: «Approfondiremo anche la sentenza della Corte Costituzionale che rende possibile anche in Italia il suicidio assistito»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale

Al 23 febbraio 2020 sono 78.914 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 23.386 mentre i morti sono 2.467. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins ...