Lavoro 19 Agosto 2021 15:00

La “calda” estate di medici e professionisti sanitari. Petralia (Fiaso): «Ora lo sprint della campagna vaccinale»

Il vicepresidente della Federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere: «Il 90% dei pazienti ricoverati in terapia intensiva non ha effettuato nemmeno la prima dose di vaccino. Non sono più ultraottantenni, ma adulti tra i 50 e i 70 anni»

di Isabella Faggiano
La “calda” estate di medici e professionisti sanitari. Petralia (Fiaso): «Ora lo sprint della campagna vaccinale»

Open night, camper itineranti, coupon omaggio per degustare pizze e gelati, fino a biglietti gratuiti e sconti per assistere alla partita della propria squadra del cuore. «Dal nord al sud della Penisola, sono state centinaia le iniziative organizzate dalle Regioni e dalla Aziende Sanitarie Locali per promuovere la campagna vaccinale anti-Covid», racconta Paolo Petralia, vicepresidente Fiaso (Federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere) e direttore generale Asl 4 Liguria.

Parola d’ordine: vicinanza

Gli operatori sanitari non si sono fermati nemmeno durante il mese di agosto, nonostante nelle prime due settimane del mese i vaccini somministrati siano stati di meno rispetto a luglio: se dal 19 al 25 luglio sono state inoculate oltre 3.750.000 dosi, dal 9 al 15 agosto le somministrazioni sono scese sotto quota 2 milioni, dato che non si raggiungeva dalla settimana 5-11 aprile.

«Due gli obiettivi ai quali abbiamo puntato durante la prima metà del mese: continuare a tenere sotto controllo il numero dei contagi, considerando l’evidente diffusione della variante Delta e la sua maggiore contagiosità, e incrementare la campagna vaccinale», aggiunge Petralia.

Vicinanza è stata la parola d’ordine che ha guidato tutte le iniziative promosse in giro per la Penisola. «Abbiamo raggiunto i piccoli centri, così come le grandi città, per illustrare in modo accurato i benefici del vaccino a coloro che avevano deciso di non effettuarlo. In molti casi – continua – è proprio la disinformazione, o un’informazione non corretta, a scatenare i principali dubbi».

Più vaccini, meno ospedalizzazioni

«Ad oggi – dice il vicepresidente Fiaso – la fascia di età che risulta maggiormente “scoperta” è quella tra i 50 e i 70 anni». Un dato che si ripercuote drammaticamente anche nei reparti Covid italiani affollati soprattutto dai non vaccinati. «Il 90 per cento dei pazienti ricoverati in terapia intensiva non ha effettuato nemmeno la prima dose di vaccino e la loro età media si è drasticamente abbassata – commenta Petralia -. Se prima erano per la maggior parte ultraottantenni, ora è aumentata la presenza di adulti tra i 50 e i 70 anni».

«Riaprire le scuole in sicurezza è una priorità»

Per scongiurare che questa tendenza possa peggiorare, Regioni e Asl hanno programmato uno sprint per incrementare ulteriormente la campagna vaccinale alla fine di agosto e durante i primi giorni di settembre. «Tra gli obiettivi primari assicurare un’apertura delle scuole, di ogni ordine e grado, in piena sicurezza: insegnanti e minori sono due categorie sulle quali è necessario puntare in queste ultime settimane estive. Potendo somministrare le due dosi di vaccino a distanza di 21 giorni l’una dall’altra – spiega lo specialista – sarà possibile, per chi provvederà alla prima dose nei prossimi giorni, completare il ciclo prima dell’inizio dell’anno scolastico. Per attirare i giovanissimi sono state promosse iniziative social, permettono a chi si vaccina di diventare testimonial della campagna vaccinale, pubblicando storie su Instagram e post su Facebook, così da stimolare l’emulazione dei pari».

La campagna continua

Fantasia e proattività, oltre alle competenze, sono stati e continueranno ad essere gli ingredienti fondamentali messi in campo in tutte le regioni d’Italia. In programma iniziative rivolte anche alle popolazioni più svantaggiate. «In Basilicata, ad esempio, a breve partirà una campagna vaccinale nei centri di accoglienza dei migranti fragili, in collaborazione con le realtà del terzo settore del territorio» dice Petralia.

«Un grande sforzo – continua – nato con l’obiettivo di offrire un servizio equo in tutte le regioni, nonostante le difficoltà di alcune, restate un po’ indietro per l’elevata popolosità o per le problematiche legate alla gestione dei dati, dei sistemi informatici e informativi. Una grandissima sfida per aziende sanitarie e regioni che ci sta avvicinando ad un importante traguardo: la vaccinazione di massa. Non possiamo certo parlare di immunità di gregge, che resta un risultato molto ambizioso, ma è possibile puntare ad un numero di vaccinati sufficientemente elevato. Cittadini che incontreranno certamente il virus ma che – conclude – molto difficilmente si ammaleranno».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Eventi avversi vaccini anti-Covid, non grave l’86%. Il rapporto Aifa
Pervenute 91 mila segnalazioni su un totale di 76,5 milioni di dosi somministrate (tasso di segnalazione di 119 ogni 100.000 dosi)
Cybersicurezza, Nicora (FIASO): «Urgente investire in “immunità di gregge” dei sistemi informativi sanitari»
Il vicepresidente FIASO: «Smartworking e telemedicina sono nuove porte a diposizione degli hacker. Per garantire più sicurezza investire in formazione. Dotare i device sanitari di certificato che ne attesti il grado di cybersecurity».
di Isabella Faggiano
Scuola, appello ai pediatri: «Parlate a genitori e ragazzi, il vaccino è fondamentale per la didattica in presenza»
Di Mauro (SIPPS) punta sulla corretta informazione scientifica per fugare dubbi e paure. Barbi (FIASO): «I giovani chiedono di vaccinarsi, mentre i genitori temono effetti collaterali a lunga scadenza. È importante tranquillizzarli»
di Federica Bosco
La variante Delta ha cambiato le carte in tavola. Ecco perché e cosa andrebbe fatto per affrontarla
Il professor Guido Rasi: «La variante Delta infetta anche i vaccinati, che tuttavia rimangono asintomatici o paucisintomatici. Mantenere distanziamento e mascherine»
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
Gimbe: «Ad agosto -66,5% somministrazioni vaccini, 3,5 milioni over 50 ancora senza copertura. Piano scuola? Non convince»
Il monitoraggio della Fondazione Gimbe nella settimana 18-24 agosto rileva un aumento di nuovi casi, ricoverati e decessi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 settembre, sono 226.391.916 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.659.920 i decessi. Ad oggi, oltre 5,78 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Covid-19, che fare se...?

Chi ha diritto alla certificazione di esenzione dal vaccino anti Covid-19?

Il vademecum della SIMG, in collaborazione con ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità, sui casi particolari in cui la vaccinazione contro il Covid-19 è controindicata o ri...