Salute 16 Agosto 2021 11:47

Green pass obbligatorio a scuola e nelle mense aziendali, le regole e le proteste dei sindacati

A breve la ripresa della scuola, con l’obbligo del Green pass (o dell’esenzione) per il personale: arriva la nota tecnica dal Ministero e il chiarimento sulla gestione della privacy. I sindacati lamentano la norma sulle mense al chiuso

Green pass obbligatorio a scuola e nelle mense aziendali, le regole e le proteste dei sindacati

Dopo Ferragosto è il momento di pensare alla scuola. Tra poche settimane la campanella tornerà a suonare e il Ministero della Salute ha intenzione di riportare bambini e ragazzi sui banchi da subito. Per garantirne la sicurezza, il decreto legge dello scorso 6 agosto parla chiaro: Green pass obbligatorio per tutto il personale scolastico dal 1 settembre al 31 dicembre 2021 (data prevista per la fine dello stato di emergenza).

Per ulteriore conferma e chiarimento il Ministero dell’Istruzione ha provveduto a inviare una nota tecnica a dirigenti e coordinatori didattici delle istituzioni scolastiche, nonché alle organizzazioni sindacali, sul da farsi. «La norma di che trattasi – si legge innanzitutto – definisce al contempo un obbligo di “possesso” e un dovere di “esibizione” della certificazione verde».

Il personale scolastico in possesso della certificazione di esenzione e quello provvisto della certificazione verde Covid-19, «deve comunque continuare a mantenere le misure di prevenzione come il distanziamento, il corretto utilizzo delle mascherine, l’igiene delle mani, nonché il rispetto delle condizioni previste per i luoghi di lavoro e per i mezzi di trasporto».

Scuole dell’infanzia

Resta il nodo che riguarda il personale dei servizi educativi dell’infanzia, a cui la nota tecnica dedica un paragrafo. «La questione che riguarda personale non dipendente da questo Ministero è controversa e se ne auspica il chiarimento in fase di conversione del decreto-legge – si precisa nel documento -. Tuttavia, con la valenza del parere tecnico da più parti sollecitato, considerata la specificità dei destinatari di detti servizi, ovvero bambini non assoggettabili alla vaccinazione e impossibilitati all’uso della mascherina e, soprattutto, considerato il tenore letterale del successivo comma 4 (”… i responsabili dei servizi educativi dell’infanzia… sono tenuti a verificare il rispetto delle prescrizioni di cui al comma 1….”), anche per il personale dei servizi educativi dell’infanzia si ritiene valga la necessità di possedere e di esibire la certificazione verde Covid-19, dal 1° settembre 2021 e fino al 31 dicembre 2021».

Il nodo Privacy

Sul controllo del Green pass per i dirigenti scolastici si specifica che «non risulta necessario acquisire copia della certificazione del dipendente, a prescindere dal formato in cui essa sia esibita, ritenendosi sufficiente la registrazione dell’avvenuto controllo con atto interno recante l’elenco del personale che ha esibito la certificazione verde e di quello eventualmente esentato. Si ritiene in tal modo contemperato l’orientamento in materia del Garante della Privacy».

DirigentiScuola chiede ampie garanzie sulle modalità di ispezione

Il sindacato dei presidi, DirigentiScuola, ha sottoscritto il Protocollo sicurezza ma ha chiesto ulteriori garanzie al ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi. «Abbiamo condiviso l’obbligo vaccinale del personale – ha chiarito Attilio Fratta, presidente DirigentiScuola – evidenziando però criticità sulle vaghe misure di distanziamento e di aerazione. Abbiamo quindi sottoscritto il protocollo, ponendo come condizione essenziale un’apposita circolare esplicativa sulle modalità di controllo del green pass con sgravio di adempimenti burocratici a carico dei dirigenti. Le responsabilità e i rischi dei dirigenti – ha continuato – sono già estremamente elevati, per questo chiediamo ampie garanzie sulle modalità di ispezione».

Il presidente Fratta, commentando la questione sollevata da alcuni sindacati a causa dell’inserimento nel protocollo dei tamponi gratuiti per chi non fosse vaccinato, ha sostenuto: «Questa manovra non andrà in aiuto dei no vax, ma aiuterà il sistema scolastico a non fermarsi, permettendo anche ai soggetti più fragili di entrare a scuola. Come scritto esplicitamente nel protocollo, sarà ogni singola scuola a scegliere chi avrà la possibilità di tamponarsi gratuitamente. La polemica nata non ha ragione d’esistere».

Mense aziendali, c’è l’obbligo

Settembre porta il ritorno in ufficio anche per i lavoratori e si discute sull’ultimo chiarimento di Palazzo Chigi che vede l’obbligo di Green pass per la consumazione al lavoro nei locali adibiti a mense aziendali. «Per la consumazione al tavolo al chiuso i lavoratori possono accedere nella mensa aziendale o nei locali adibiti alla somministrazione di servizi di ristorazione ai dipendenti, solo se muniti di certificazione verde Covid 19, analogamente a quanto avviene nei ristoranti. A tal fine, i gestori dei predetti servizi sono tenuti a verificare le certificazioni verdi Covid-19 con le modalità indicate dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri», si legge.

Proteste dai sindacati

Immediate le lamentele dei sindacati, che protestano per non essere stati avvertiti prima dell’obbligo o coinvolti in un accordo. Nella nota inviata al Viminale da Domenico Pianese, segretario generale del sindacato di Polizia Coisp, si legge: «L’introduzione obbligatoria, senza prevedere alcuna soluzione alternativa per chi non lo ha e non può farlo, è una grave lesione dei diritti dei lavoratori. Aver introdotto questa misura senza neppure dare un lasso di tempo ragionevole per dare a tutti la possibilità di scaricare il green pass sta creando molti problemi tra i colleghi: si pensi, ad esempio, che alcuni agenti inviati a Roma questa mattina per fare servizio di ordine pubblico, non hanno potuto scaricare il pass e resteranno tutto il giorno a digiuno perché non sarà garantito loro l’accesso alla mensa. Ancora una volta, dunque, si relegano le donne e gli uomini della Polizia di Stato a cittadini di serie B con sempre meno diritti e sempre più doveri. L’introduzione di una simile disposizione senza un preventivo confronto – continua la nota – rappresenta una grave superficialità».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ansia da primo giorno di scuola? C’è chi la “cura” con la mascherina
Abolito l’obbligo di mascherina in classe, ma c’è chi la indosserà ugualmente, lo psicologo: «Aiuta a sentirsi più al sicuro». Altra novità dell’anno scolastico 2022-23 è la riapertura delle mense, ma l’esperto avverte: «Attenzione all’inquinamento acustico. La pandemia ci ha disabituati al caos»
Rientro a scuola, c’è ancora l’obbligo della mascherina?
Nelle nuove linee guida per il rientro a scuola le misure sono meno stringenti: nessun obbligo mascherina per tutti. Ma le cose potranno cambiare qualora l'emergenza si aggravi
Sono 4.000 i medici non vaccinati contro il Covid. Anelli (FNOMCeO): «Esigua minoranza»
Circa 4.000 medici hanno detto no al vaccino e non possono esercitare la professione. Si tratta di un'esigua minoranza su 468mila professionisti vaccinati
Rientro a scuola, nelle nuove regole mascherine se i casi aumentano
L'Istituto superiore di sanità, con i ministeri della Salute e dell'Istruzione e la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, hanno pubblicato le nuove linee guida Covid per il rientro a scuola. Le mascherine indicate solo per studenti e operatori fragili
Covid-19 e rischio contagi tra i banchi: SIMA lancia la campagna “Adotta una Scuola”
Miani (SIMA): «Diminuire la presenza di CO2 nell’aria abbassa il rischio di contrarre il Covid-19. Per questo, aziende e privati donino tecnologie per mitigare il rischio nelle classi italiane. Una buona qualità dell’aria indoor migliora anche l’apprendimento»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa
Covid-19, che fare se...?

Che differenze ci sono tra i sintomi del Covid e quelli dell’influenza?

Da quando Omicron è diventata la variante dominante è più difficile riuscire a distinguere l'infezione Covid-19 da una normale influenza. Ci sono solo lievi differenze fra le due ...