Lavoro 23 Dicembre 2021 15:48

Il caso Molise e i concorsi deserti. Florenzano (ASReM): «Aumentare l’attrattività delle aree interne con incentivi salariali e benefit»

Il direttore Generale dell’ASReM: «Mancano medici specialisti, ma non c’è carenza di infermieri e Oss». Il Consiglio regionale ha approvato una mozione per invio di medici militari nei Ps

Turni di 12 ore, lavoro straordinario, contratti libero-professionali, appalti attraverso cooperative. L’Azienda Sanitaria regionale del Molise (ASReM) è arrivata fino in Venezuela per reclutare il personale medico necessario non solo alla gestione della pandemia, ma anche a garantire l’assistenza sanitaria ordinaria. Indire concorsi pubblici, infatti, finora è servito a poco o nulla.

Mancano medici, non infermieri ed Oss

«Il Sistema Sanitario del Molise soffre di una forte carenza di medici specialisti – spiega il direttore generale dell’ASReM, l’avvocato Oreste Florenzano, cui competono poteri di gestione, e rappresentanza legale -. Anestesia, pediatria e neonatologia sono le specialità più sofferenti, in Molise come nel resto d’Italia. Nel nostro territorio le conseguenze sono peggiori che altrove poiché, come in Calabria, il Molise è in Piano di Rientro e ancora paga le conseguenze di un blocco decennale del turn-over».

Ma una buona notizia c’è: «Mancano medici specialisti, ma non operatori e professionisti sanitari: di recente abbiamo assunto 200 infermieri e 150 Oss a tempo determinato. Già avviate pure le procedure per la stabilizzazione contrattuale», assicura il direttore generale.

Soluzioni: incentivi salariali e benefit

L’avvocato Florenzano ha preso le redini dell’ASReM nel 2020: «Dal mio insediamento ad oggi, non solo sono stati indetti numerosi concorsi per medici specialisti, ma anche per primari. Siamo convinti che assicurare la presenza stabile di un dirigente di struttura complessa competente possa incentivare le nuove leve a scegliere di lavorarvi fianco a fianco per migliorare il proprio bagaglio di esperienza professionale».

Di recente, queste stesse tematiche sono state al centro di un incontro tenutosi ad Arezzo con Federsanità e Fiaso. «Chi opera in aree interne, come quella molisana, ha sottolineato quanto sia difficoltoso reclutare gli specialisti necessari a soddisfare le richieste di salute dei cittadini. Se queste zone d’Italia sono poco ambite – aggiunge Florenzano -, allora bisognerebbe renderle più attrattive, attraverso degli incentivi salariali o dei benefit individuali, come gli alloggi gratuiti».

Le “armi” in campo contro le carenze di organico

Intanto, in attesa di nuovi concorsi, tutti in ASReM, dalla direzione ai professionisti sanitari e non, si sono rimboccati le maniche per sopperire alle carenze. «Siamo riusciti ad affrontare le gravi criticità, comprese quelle scaturite dalla pandemia, grazie all’abnegazione di tutti i nostri dipendenti, che hanno accettato il lavoro straordinario e turnazioni di 12 ore. Poi, per la ripresa delle attività ordinarie è stato siglato un accordo con l’Associazione dei medici venezuelani, acquisendo prestazioni libero-professionali con almeno 20 specialisti provenienti dal Venezuela».

«Ovviamente – dice l’avvocato -, non senza difficoltà: è stato un lavoro complesso sia per il riconoscimento dei titoli accademici, sia per la necessità di un constante tutoraggio da parte del nostro personale. Oltre a ripetere, ossessivamente, tutte le procedure concorsuali, sia per contratti a tempo indeterminato che determinato, abbiamo utilizzato pure la norma che consente di stipulare contratti libero professionali in periodo di pandemia. Per sopperire alla carenza di pediatri, invece, in mancanza di altre alternative valide, abbiano dovuto appaltare una cooperativa. È stata una scelta senz’altro dolorosa, ma è stata l’unica strada che ci ha consentito di evitare l’accorpamento della specialità pediatrica in un unico hub ospedaliero per l’intera Regione. Una decisione che, probabilmente – aggiunge Florenzano -, se la situazione non dovesse migliorare, potremmo essere costretti a prendere in un futuro non troppo lontano».

La Regione invia i medici militari

La carenza di personale è un problema con cui l’ASReM si trova a fare i conti ogni giorno, da molto tempo. E per affrontarlo al meglio bisognerebbe “estirpare” la radice: «Da un lato, il numero chiuso per l’accesso alla facoltà di Medicina e Chirurgia ha centellinato la formazione di nuovi medici, dall’altro il blocco del turn-over non ha permesso l’adeguamento del personale per molti anni».
Intanto, proprio in questi giorni, sulla carenza del personale medico è intervenuto anche il Consiglio regionale del Molise, approvando una mozione che prevede la possibilità di inviare medici militari nei Ps da estendere se necessario a tutti gli ospedali della regione. Il governatore dovrà anche rivolgersi alla Presidenza della Repubblica, per reperire ulteriore personale sanitario in forza alla Croce Rossa Italiana.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Aprilia, voragine Medicina Generale: nel Comune nessun medico di famiglia disponibile
Regione e Fimmg Lazio al lavoro per trovare soluzioni. L’OMCeO pontino: «Scontiamo errori atavici di programmazione»
AAA cercansi pediatri a Milano: «20 mila bambini rischiano di restare scoperti»
L'appello di un pediatra di Gratosoglio ad ATS e Regione Lombardia: «Per coprire le zone più carenti necessari bandi straordinari»
di Federica Bosco
Carenza medici di famiglia, la Lombardia preme sul Governo per avere più borse di studio per MMG
Monti (presidente Commissione Sanità): «Dialogo aperto con il Ministro Messa. In Consiglio regionale approvata la delibera per aumentare il numero dei pazienti di medici in formazione»
di Federica Bosco
Carenza medici di famiglia in Lombardia, l’allarme dei sindaci
Nei prossimi anni saranno più di 4000 i medici di medicina generale che andranno in pensione in Lombardia. Le proposte dei sindaci di Pieve Emanuele, Bareggio e Buccinasco
di Federica Bosco
CIMO-FESMED: «PNRR ignora dramma carenza medici. Interventi insufficienti e nessuna svolta strutturale»
«Anche l’Istat oggi certifica come il depauperamento della sanità, i minori investimenti e il sovraccarico di lavoro sui medici, il cui numero è insufficiente, sono stati elementi che hanno aggravato gli effetti della pandemia in Italia. Anche l’Istituto, cui è demandata l’asciutta rilevazione e analisi dei dati ha oggi puntato l’indice – e senza complimenti […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 gennaio, sono 342.684.472 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.574.860 i decessi. Ad oggi, oltre 9,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre