Lavoro 5 Aprile 2019

Giovani medici, Anelli (FNOMCeO): «Subito 10mila borse di studio e rinnovo contratti»

Il presidente della Federazione Nazionale degli Ordini spiega ai nostri microfoni quali sono i provvedimenti da prendere oggi per evitare, un domani, il tracollo del Ssn

di Viviana Franzellitti e Arnaldo Iodice
Immagine articolo

Rinnovo immediato dei contratti, formazione e nuove borse di studio. Sono queste le tre priorità individuate da Filippo Anelli, presidente della FNOMCeO, nel corso degli Stati Generali del Giovane Medico. Una giornata dedicata alle esigenze dei camici bianchi del futuro, che hanno bisogno oggi di riforme e provvedimenti tali da evitare per evitare, un domani, il tracollo annunciato del Servizio sanitario nazionale.

Presidente, quali sono le problematiche e le soluzioni proposte oggi?

«Diciamo che oggi è una giornata davvero bella perché tutte le organizzazioni dei giovani medici si trovano qui con la FNOMCeO a discutere delle problematiche del futuro del medico. Naturalmente, tra queste problematiche, al primo posto c’è la formazione, ovvero il tema che ha catturato la maggior attenzione insieme a quello delle competenze del medico. Sulla formazione naturalmente son venute fuori tutta una serie di problematiche che partono dalla carenza dei medici e degli specialisti, sino alla qualità del percorso formativo che dovrebbe essere modificato e al percorso della medicina generale, che dovrebbe ottenere un titolo accademico. Insomma, le tematiche sono veramente tante, ma quella che maggiormente preoccupa oggi tutti è la carenza del personale specialistico, quantificata da ANAAO in circa 17mila medici in meno al 2025, a cui si dovrebbero aggiungere circa 20mila medici mancanti per la medicina generale. Si rischia di far saltare il sistema e noi non ce lo possiamo permettere.

Di qui viene fuori oggi un accorato appello da parte della Federazione ma anche da parte di tutti i giovani medici. Al Ministro e al Governo chiediamo di finanziare 10mila borse, oggi. Si tratta di un intervento straordinario dello Stato che serve a garantire il futuro del nostro Ssn, senza perdere tempo.

Accanto a questo intervento straordinario dovrebbe essere previsto, naturalmente, il rinnovo immediato dei contratti, in modo da rendere appetibile il lavoro nel pubblico: oggi buona parte degli specialisti sceglie di andare a lavorare nel privato, dove gli stipendi sono più alti.

Se vogliamo realmente dare maggior autonomia alle regioni bisogna poi risolvere le disuguaglianze che esistono tutt’oggi. Questo credo sia l’accorato appello che viene fuori da questo incontro».

Prossimi appuntamenti: il primo a maggio e il secondo a Matera, capitale europea della cultura…

«Con i giovani ci vedremo a Matera a fine novembre, per ripetere questa esperienza, passando dalla fase dell’ascolto a quella che concluderà un percorso di riflessione. Il prossimo incontro invece avrà luogo il 16 e il 17 maggio, con i presidenti degli Ordini, sulla prima macroarea delle 100 tesi di Ivan Cavicchi».

Articoli correlati
Aggredite due dottoresse in servizio, ma l’uomo non viene arrestato e le minaccia di nuovo
Teatro della violenza l’ospedale San Giovanni di Roma. Le due donne erano intente a salvare un paziente quando sono state aggredite da un tossicodipendente. I dati FNOMCeO: 1.200 le denunce 'ufficiali' all'Inail ogni anno
ECM, Lavalle (OMCeO Bari): «Medici obbligati moralmente a formarsi per rapporto con pazienti»
Il vicepresidente OMCeO di Bari, Franco Lavalle si dice soddisfatto dell’azione intrapresa dalla Federazione Medici Chirurghi e Odontoiatri riguardo l’aggiornamento professionale: «A Bari ogni anno organizziamo una ventina di corsi»
Stati generali, Anelli(FNOMCeO): «Specializzandi ultimo anno in SSN, così 5mila borse in più»
Al via gli Stati Generali della Professione medica. Il presidente FNOMCeO, Filippo Anelli: «Elaboreremo un documento finale che orienterà la professione e il ruolo del medico all’interno della società». Un percorso che condurrà a scrivere la Magna Carta della professione
“Offre l’Italia”, la campagna social di FNOMCeO contro la fuga dei medici all’estero
«Ogni anno, 1500 medici vanno a specializzarsi all’estero. E non tornano. Costano all’Italia oltre 225 milioni», spiega la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO)
“Furbetti dell’ECM”, Anelli annuncia: «A giorni invierò lettera a tutti gli OMCeO per ulteriori solleciti»
Il Presidente della FNOMCeO a Sanità Informazione: «Non credo ci saranno altre proroghe, ma medici non hanno il tempo di aggiornarsi. Corsi FAD possono essere la soluzione, ma se all’interno delle aziende del SSN si facesse veramente formazione, non avremmo questi dati». E sul pressing dei pazienti che vogliono sapere se il proprio medico è aggiornato aggiunge: «Se il legislatore ci chiede di mettere a disposizione questi dati, lo faremo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...