Lavoro 5 Aprile 2019

Giovani medici, Anelli (FNOMCeO): «Subito 10mila borse di studio e rinnovo contratti»

Il presidente della Federazione Nazionale degli Ordini spiega ai nostri microfoni quali sono i provvedimenti da prendere oggi per evitare, un domani, il tracollo del Ssn

di Viviana Franzellitti e Arnaldo Iodice
Immagine articolo

Rinnovo immediato dei contratti, formazione e nuove borse di studio. Sono queste le tre priorità individuate da Filippo Anelli, presidente della FNOMCeO, nel corso degli Stati Generali del Giovane Medico. Una giornata dedicata alle esigenze dei camici bianchi del futuro, che hanno bisogno oggi di riforme e provvedimenti tali da evitare per evitare, un domani, il tracollo annunciato del Servizio sanitario nazionale.

Presidente, quali sono le problematiche e le soluzioni proposte oggi?

«Diciamo che oggi è una giornata davvero bella perché tutte le organizzazioni dei giovani medici si trovano qui con la FNOMCeO a discutere delle problematiche del futuro del medico. Naturalmente, tra queste problematiche, al primo posto c’è la formazione, ovvero il tema che ha catturato la maggior attenzione insieme a quello delle competenze del medico. Sulla formazione naturalmente son venute fuori tutta una serie di problematiche che partono dalla carenza dei medici e degli specialisti, sino alla qualità del percorso formativo che dovrebbe essere modificato e al percorso della medicina generale, che dovrebbe ottenere un titolo accademico. Insomma, le tematiche sono veramente tante, ma quella che maggiormente preoccupa oggi tutti è la carenza del personale specialistico, quantificata da ANAAO in circa 17mila medici in meno al 2025, a cui si dovrebbero aggiungere circa 20mila medici mancanti per la medicina generale. Si rischia di far saltare il sistema e noi non ce lo possiamo permettere.

Di qui viene fuori oggi un accorato appello da parte della Federazione ma anche da parte di tutti i giovani medici. Al Ministro e al Governo chiediamo di finanziare 10mila borse, oggi. Si tratta di un intervento straordinario dello Stato che serve a garantire il futuro del nostro Ssn, senza perdere tempo.

Accanto a questo intervento straordinario dovrebbe essere previsto, naturalmente, il rinnovo immediato dei contratti, in modo da rendere appetibile il lavoro nel pubblico: oggi buona parte degli specialisti sceglie di andare a lavorare nel privato, dove gli stipendi sono più alti.

Se vogliamo realmente dare maggior autonomia alle regioni bisogna poi risolvere le disuguaglianze che esistono tutt’oggi. Questo credo sia l’accorato appello che viene fuori da questo incontro».

Prossimi appuntamenti: il primo a maggio e il secondo a Matera, capitale europea della cultura…

«Con i giovani ci vedremo a Matera a fine novembre, per ripetere questa esperienza, passando dalla fase dell’ascolto a quella che concluderà un percorso di riflessione. Il prossimo incontro invece avrà luogo il 16 e il 17 maggio, con i presidenti degli Ordini, sulla prima macroarea delle 100 tesi di Ivan Cavicchi».

Articoli correlati
Crisi di governo, la preoccupazione di Anelli (FNOMCeO): «Ddl aggressioni sarà rallentato nonostante nostre sollecitazioni»
Il Presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri traccia un bilancio dell’operato del ministro Grillo: «Con lei siamo riusciti a mettere a fuoco molte delle problematiche che avevamo sollecitato. Ora se ci sarà un cambio al dicastero dovremmo ricominciare da capo»
Carenza medici, Veneto assume 500 neolaureati. FNOMCeO e sindacati all’attacco: «Così si svilisce professione e si abbassa la qualità delle cure»
La Giunta guidata da Luica Zaia ha deliberato l’assunzione di 500 giovani medici, laureati e abilitati, ma non ancora in possesso della specializzazione: sarà sufficiente la frequentazione di un corso. Anaao Assomed annuncia l’impugnazione del provvedimento. Anelli: «Con il pretesto dell’emergenza si mandano allo sbaraglio professionisti con minori competenze»
I giovani medici italiani “invecchiano” senza FaceApp. Consulcesi «Ogni anno in mille costretti alla fuga»
Il Presidente Massimo Tortorella: «La tentazione di andare a lavorare in Francia, Germania o Gran Bretagna, dove vengono offerti contratti migliori e carriere più rapide, è forte per tutti i nostri aspiranti specialisti: in Italia ci sono primari under 40? All’estero è la normalità»
Incontro Bussetti-FNOMCeO, obiettivo superare l’imbuto formativo. Anelli: «Allineare numero borse e numero laureati»
Incontro al Miur tra delegazione FNOMCeO e il ministro dell'Istruzione. «Una delle ipotesi al vaglio potrebbe essere quella di un piano straordinario, da condividere con il Ministro della Salute Giulia Grillo, che prevederà, per i prossimi anni, un canale aggiuntivo di accesso alle scuole, con una quota di contratti riservati a coloro che, già laureati da un certo tempo, non abbiano trovato posto nelle specializzazioni», spiega il presidente FNOMCeO Anelli
Aggressioni in corsia, al corso FNOPI-FNOMCeO si insegna la tecnica della de-escalation: disinnescare il conflitto si può
Obiettivo: diminuire la tensione. Dodici lezioni ECM audio e video corsi FAD, specifici e gratuiti, coordinati dal criminologo Massimo Picozzi per dire basta ad ogni forma di violenza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone