Lavoro 1 ottobre 2018

MMG, Anelli (FNOMCeO): «Formazione 1+2? Accettiamo la sfida, non ci tiriamo indietro»

«La Federazione accetta la sfida del cambiamento e vuole dare la possibilità ai giovani medici di sfruttare al meglio il loro tempo. Nessun passo indietro sulla qualità o sugli obiettivi di formazione dei MMG» così Filippo Anelli

Immagine articolo

«La FNOMCeO vuole dare la possibilità ai giovani medici di sfruttare il loro tempo al massimo. Se non dovessero riuscire ad accedere al corso di Medicina Generale, potrebbero dedicare un anno ad una preparazione diversa ma in ogni caso utilissima». Così il Presidente della Federazione Nazionale dei camici bianchi riprende il tema della formazione e dell’inserimento lavorativo dei medici di famiglia dopo la proposta lanciata nelle passate settimane, proprio da FNOMCeO, di ridurre temporaneamente il corso di un anno.

Proposta commentata e sviluppata da  Silvestro Scotti, Segretario generale FIMMG, che aveva illustrato a Sanità Informazione la prospettiva, cosiddetta, dell’1+2 , spiegando che il percorso formativo MMG rimarrebbe di tre anni, con la differenza che «il primo anno sostanzialmente sarebbe come un master con un accesso anche più numeroso rispetto a quelli che sono i posti nel bando. Questa soluzione – aveva spiegato Scotti – potrebbe dare, ad una platea più ampia di giovani medici, nuove prospettive professionali anche per chi in seguito non riuscisse ad accedere al bando». Filippo Anelli ci tiene a precisare che la qualità del corso non cambierebbe qualora si adottasse la formula 1+2 finalizzata a ristrutturare la formazione in Medicina Generale e, allo stesso tempo, a «sopperire alla carenza dei medici».

«Dunque, rimodulare l’offerta formativa non andrebbe ad inficiare la qualità del corso – prosegue Anelli -, infatti non si dovrebbe abbassare né il numero delle ore formative, né gli obiettivi che rimarrebbero inalterati. Questo tema in passato era stato posto anche dal Ministero, noi come Federazione ci vogliamo essere e non ci tiriamo indietro, accettiamo la sfida del cambiamento».

LEGGI ANCHE:  SANITÀ, LA RICETTA DI SILVESTRO SCOTTI (FIMMG): «PUNTARE SULLA MEDICINA GENERALE PER RILANCIARE L’OCCUPAZIONE»

Una sfida sì, ha ragione il Presidente FNOMCeO, che andrebbe a sovvertire un meccanismo avviato da tempo ma, probabilmente, «potrebbe significare anche una svolta e creare delle professionalità nuove: il corso “master” preparerebbe per esempio all’attività di emergenza, alla guardia medica e anche alla medicina penitenziaria. Vorrei tranquillizzare tutti – conclude Anelli – che non abbiamo alcuna volontà o voglia di ridurre la qualità del corso, sappiamo anche che c’è lo sforzo di rendere il corso anche accademicamente riconosciuto in modo tale che sia convalidato e possa spalancare altre porte e opportunità davanti alle nostre giovani risorse».

Articoli correlati
Medici di famiglia, è ancora polemica su norme per precari. Noemi Lopes (Fimmg): «Vigileremo, basta svilire formazione MMG»
La maggioranza ha ritirato l’emendamento Patuanelli che estendeva l'assegnazione degli incarichi convenzionali non solo ai medici di Medicina generale ma anche a quelli di emergenza-urgenza. Per il segretario della sezione formazione della Fimmg una soluzione per uscire dall’impasse potrebbe essere quella di separare il settore dell'emergenza dalla Medicina generale stabilizzando i precari del 118 direttamente nel loro settore
Aggressioni, l’87% medici continuità assistenziale si sente in pericolo. Maio (FIMMG): «Necessaria procedibilità d’ufficio»
Il segretario nazionale per la continuità assistenziale della FIMMG: «Molto spesso i medici vengono minacciati rispetto ad un’eventuale denuncia dell’aggressione subita. Così il fenomeno rimane sommerso»
di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
Senato, approvato il Dl Semplificazioni. Le principali misure che riguardano la sanità, dal personale SSN al payback
Il mancato superamento del tetto di spesa per le assunzioni nel SSN fa infuriare i sindacati. Tra le disposizioni approvate, anche misure per far fronte alla carenza di medici di medicina generale e la modifica del comma 687 della Legge di Bilancio
Giovane dottoressa aggredita a Bagheria si sfoga su Facebook: «Siamo soli, quel posto è un ring». Maio (FIMMG CA): «Subito legge per procedibilità d’ufficio»
L'episodio avvenuto nella guardia medica della località vicino Palermo: 15 giorni di prognosi. Sui social tutta la sua amarezza. «Nelle sue parole ci riconosciamo tutti, fino a quando potremo andare avanti così?», sottolinea Tommasa Maio, responsabile FIMMG Continuità assistenziale
Aaa cercansi medici italiani. Storie di procacciatori e di camici bianchi in fuga dal SSN
Si aggirano negli ospedali del Nord Italia e promettono soldi, carriera e una vita più semplice al di là delle Alpi. Sono dei veri e propri talent scout e portano all’estero i professionisti più ricercati, contribuendo ad aggravare la carenza di specialisti che sta svuotando le corsie delle nostre strutture. Giovanni Leoni (FNOMCeO): «Così perdiamo qualità intellettuale importante per l’evoluzione della classe medica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...