Salute 7 Giugno 2018 12:28

Sanità, la ricetta di Silvestro Scotti (FIMMG): «Puntare sulla medicina generale per rilanciare l’occupazione»

Il Segretario della Federazione dei Medici di medicina generale chiede di investire sull’innovazione tecnologica: «Medico deve avere strumenti tecnologici che permettano nelle sedi vicino al paziente di aumentare l’intensità di cura»

Sanità, la ricetta di Silvestro Scotti (FIMMG): «Puntare sulla medicina generale per rilanciare l’occupazione»

«Serve un vero investimento per il territorio partendo dai singoli medici». Il Segretario generale della FIMMG Silvestro Scotti traccia le priorità dei medici per i prossimi anni. Sul tavolo anche le questioni legate alla cronicità, su cui, nonostante la legge nazionale, sono ancora forti i ritardi. «Abbiamo tutte proposte organizzative, poche proposte in grado di dare risposte reali sugli esiti e sui processi che migliorano la salute dei cittadini soprattutto sul tema della presa in carico dei soggetti cronici», sottolinea Scotti a Sanità Informazione.

LEGGI ANCHE: CORRUZIONE IN SANITÀ, SILERI (M5S): «TOGLIE RISORSE A PAZIENTI, COMBATTERLA SARÀ PRIORITÀ DEL GOVERNO CONTE»

Segretario, partiamo dalla cronicità. In molti, a partire da Cittadinanzattiva, dicono: molti atti pochi fatti. È d’accordo?

«La cronicità è un problema territoriale più che ospedaliero. Come ho avuto modo di sostenere, la riforma del territorio è ancora all’anno zero. Abbiamo tutte proposte organizzative, poche proposte in grado di dare risposte reali sugli esiti e sui processi che migliorano la salute dei cittadini soprattutto sul tema della presa in carico dei soggetti cronici. Abbiamo bisogno di un cambio di passo in questo senso, ci abbiamo provato nell’Accordo Collettivo Nazionale proprio inserendo su temi riferiti alla cronicità la possibilità che il medico abbia una redditività connessa alle performance di salute che garantisce al cittadino. Noi ci abbiamo provato, aspettiamo le risposte delle istituzioni. Siamo pronti a questo cambiamento, siamo pronti a questa sfida. Ci sono anche delle dinamiche che vanno affrontate nelle normative che derivano per esempio dal Dm 70 sull’integrazione ospedale-territorio dove c’è la necessità anche a quel livello di non far uscire solo indicatori del territorio che siano riferiti ai modelli organizzativi e nulla che sia riferito agli esiti di salute sui cittadini».

LEGGI ANCHE: MALATTIE CRONICHE, ACETI (CITTADINANZATTIVA): «TANTO FUMO E NIENTE ARROSTO. PAZIENTI SENZA RISPOSTE»

Ora oltre alla cronicità, quali sono le altre priorità per la sanità italiana?

«Un vero investimento per il territorio partendo dai singoli medici. Io continuo a ripetere che c’è la necessità di dare risposte anche occupazionali in questo Paese. La medicina generale si può candidare sia per collaboratori di studio che per infermieri a dare una risposta in questo senso. Dall’altro lato bisogna puntare anche sull’innovazione tecnologica: abbiamo bisogno di un medico più vicino al paziente, disponibile per domiciliarità e residenzialità ad avere strumenti tecnologici che permettono in quelle sedi vicino al paziente di aumentare l’intensità di cura».

Articoli correlati
Giornata Nazionale della Salute della Donna. LILT, Unità Mobile di Fondazione Consulcesi e FIMMG a sostegno della lotta alle patologie oncologiche
Lunedì 22 aprile, screening di prevenzione con gli specialisti LILT presso le Unità Mobili attive su Roma
La Sanità è diventata un bene di lusso, cresce l’impoverimento delle famiglie
Secondo il 19° Rapporto del CREA Sanità "al Ssn servono 15 miliardi per non aumentare il distacco dal resto dell’UE, personale carente e sottopagato. Rispetto ai partner EU, il nostro Paese investe meno nella Sanità, aumenta la spesa privata ed è a rischio l’equità del sistema". Digitalizzazione necessaria per le “nuove cronicità"
Sanità italiana divisa a metà: 29 milioni di italiani in difficoltà con le cure
La sanità italiana sempre più divisa in due con ben 29 milioni di italiani che potrebbero avere serie difficoltà. Le performance sanitarie per il 2023 vedono infatti otto tra Regioni e Province autonome promosse, sette rimandate e sei bocciate. Sono i risultato del rapporto «Le performance regionali» del Crea Sanità, Centro per la ricerca economica applicata in sanità, presentato oggi a Roma
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...