Salute 7 Giugno 2018

Sanità, la ricetta di Silvestro Scotti (FIMMG): «Puntare sulla medicina generale per rilanciare l’occupazione»

Il Segretario della Federazione dei Medici di medicina generale chiede di investire sull’innovazione tecnologica: «Medico deve avere strumenti tecnologici che permettano nelle sedi vicino al paziente di aumentare l’intensità di cura»

Immagine articolo

«Serve un vero investimento per il territorio partendo dai singoli medici». Il Segretario generale della FIMMG Silvestro Scotti traccia le priorità dei medici per i prossimi anni. Sul tavolo anche le questioni legate alla cronicità, su cui, nonostante la legge nazionale, sono ancora forti i ritardi. «Abbiamo tutte proposte organizzative, poche proposte in grado di dare risposte reali sugli esiti e sui processi che migliorano la salute dei cittadini soprattutto sul tema della presa in carico dei soggetti cronici», sottolinea Scotti a Sanità Informazione.

LEGGI ANCHE: CORRUZIONE IN SANITÀ, SILERI (M5S): «TOGLIE RISORSE A PAZIENTI, COMBATTERLA SARÀ PRIORITÀ DEL GOVERNO CONTE»

Segretario, partiamo dalla cronicità. In molti, a partire da Cittadinanzattiva, dicono: molti atti pochi fatti. È d’accordo?

«La cronicità è un problema territoriale più che ospedaliero. Come ho avuto modo di sostenere, la riforma del territorio è ancora all’anno zero. Abbiamo tutte proposte organizzative, poche proposte in grado di dare risposte reali sugli esiti e sui processi che migliorano la salute dei cittadini soprattutto sul tema della presa in carico dei soggetti cronici. Abbiamo bisogno di un cambio di passo in questo senso, ci abbiamo provato nell’Accordo Collettivo Nazionale proprio inserendo su temi riferiti alla cronicità la possibilità che il medico abbia una redditività connessa alle performance di salute che garantisce al cittadino. Noi ci abbiamo provato, aspettiamo le risposte delle istituzioni. Siamo pronti a questo cambiamento, siamo pronti a questa sfida. Ci sono anche delle dinamiche che vanno affrontate nelle normative che derivano per esempio dal Dm 70 sull’integrazione ospedale-territorio dove c’è la necessità anche a quel livello di non far uscire solo indicatori del territorio che siano riferiti ai modelli organizzativi e nulla che sia riferito agli esiti di salute sui cittadini».

LEGGI ANCHE: MALATTIE CRONICHE, ACETI (CITTADINANZATTIVA): «TANTO FUMO E NIENTE ARROSTO. PAZIENTI SENZA RISPOSTE»

Ora oltre alla cronicità, quali sono le altre priorità per la sanità italiana?

«Un vero investimento per il territorio partendo dai singoli medici. Io continuo a ripetere che c’è la necessità di dare risposte anche occupazionali in questo Paese. La medicina generale si può candidare sia per collaboratori di studio che per infermieri a dare una risposta in questo senso. Dall’altro lato bisogna puntare anche sull’innovazione tecnologica: abbiamo bisogno di un medico più vicino al paziente, disponibile per domiciliarità e residenzialità ad avere strumenti tecnologici che permettono in quelle sedi vicino al paziente di aumentare l’intensità di cura».

Articoli correlati
Medicina Penitenziaria, FIMMG e SNAMI: «Chiudere al più presto ACN o stop a servizi»
Una dura nota firmata dal Coordinatore Nazionale FIMMG Settore Medicina Penitenziaria, Franco Alberti, e dal Responsabile Nazionale SNAMI Settore Medicina Penitenziaria, Pasquale Del Greco, porta alla ribalta il tema della medicina penitenziaria. Una categoria di medici che da anni chiede un apposito accordo collettivo nazionale che riconosca anche i disagi che comporta questo lavoro, spesso […]
D’Amato: «Oltre 19 mila accessi nei primi sei mesi all’ospedale dei Castelli»
Oltre 19 mila accessi al Pronto soccorso, 140 assunzioni fra medici, infermieri e oss, oltre 26 mila prestazioni di specialistica ambulatoriale e l’apertura, nei giorni scorsi, di 10 posti letto di breve osservazione che consentirà di ridurre la pressione sul Pronto soccorso. Sono solamente alcuni dei numeri dell’attività del nuovo ospedale dei Castelli illustrati nel […]
Liste di attesa, il bilancio di Cittadinanzattiva: «Ancora troppo lunghe, 10 mesi per una Tac. Speranza è il nuovo Piano nazionale»
Piano nazionale di governo delle Liste di Attesa, Fava (Cittadinanzattiva): «Da aprile tutte le Regioni sono al lavoro per il recepimento della normativa. Poi, dovranno essere realizzati i piani aziendali. Per tutte le prestazioni del SSN ci saranno dei tempi massimi di attesa e i medici dovranno sempre indicare i codici di priorità»
di Isabella Faggiano
Medicina Generale, Sabatini (FIMMG): «Borse dimezzate rispetto a specializzandi. Serve equiparare»
In concomitanza con la sentenza di appello che conferma il diritto degli ex specializzandi alla giusta remunerazione, i medici di famiglia lamentano un borsa di formazione dimezzata rispetto ai colleghi specialisti
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Pierpaolo Sileri (M5S): «Allarme infezioni ospedaliere, ecco le proposte per prevenirle e combatterle»
«L’utilizzo adeguato degli antibiotici è il primo passo, la corretta informazione su come e quando assumerli il secondo, il terzo è investire sempre di più nella gestione degli ospedali». La strategia del presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato per contrastare una grave minaccia per la salute globale
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...