Lavoro 11 Ottobre 2019

Farmaceutica, come l’innovazione può cambiarne il passo. Liberatore (IQVIA): «Processo da velocizzare»

«In Italia l’accesso all’innovazione non è rapidissimo. Il Sistema Paese deve aiutare le aziende a renderla disponibile ai pazienti nel più breve tempo possibile e ai costi più ragionevoli». Così il general manager di IQVIA

di Federica Bosco

Migliorare l’assistenza del paziente, salvare vite e ridurre i costi della sanità: questi gli obiettivi che si pone il mondo della medicina e della scienza grazie a nuove tecnologie, intelligenza artificiale e big data. Un potenziale in parte esplorato e in parte da esplorare che IQVIA, azienda leder nel settore dei dati, ha analizzato nell’annuale appuntamento che si è tenuto in Regione Lombardia con aziende farmaceutiche, ospedaliere e istituzioni.

LEGGI ANCHE: BLOCKCHAIN, LIBERATORE (IQVIA): «OGNI CAMPO DELLA SANITÀ PUO’ ESSERE INGEGNERIZZATO»

«Oggi facciamo il punto con i massimi esperti – ha commentato il general manager di IQVIA Italia Sergio Liberatore – per comprendere dove siamo arrivati nella capacità e nella possibilità di gestire le informazioni scientifiche e dei comportamenti umani, allo scopo di costruire i migliori percorsi terapeutici e diagnostici che permettano al paziente di ottenere la possibilità di accedere alle cure e di essere curato al meglio».

«Noi di IQVIA – ha proseguito Liberatore – seguiamo il percorso del trattamento dall’inizio, da quando le molecole vengono scoperte, dovunque questo avvenga. Ne seguiamo lo sviluppo e le portiamo alla registrazione e all’approvazione degli organismi nazionali e multinazionali, come l’Agenzia europea dei farmaci. Dopodiché aiutiamo le aziende in tutto il percorso di commercializzazione e gestione dei loro prodotti».

LEGGI ANCHE: FARMACI E RICERCHE, NUOVE FRONTIERE BLOCKCHAIN. LIBERATORE (IQVIA): «ORA SURVEY SANITARIE AD UN LIVELLO SUPERIORE»

Ma quali sono le principali criticità del settore, in Italia? «In Italia – ha risposto – l’accesso all’innovazione non è rapidissimo. È un percorso ad ostacoli. Oggi ad esempio tutto il processo molecolare è molto lento rispetto ad altri Paesi, e a volte anche farraginoso. Noi dipendiamo da questo. Il Sistema Paese deve aiutare le aziende nella velocità e capacità di portare l’innovazione a disposizione dei pazienti, nel più breve tempo possibile e ai costi più ragionevoli. Per anni abbiamo aiutato lo Stato a controllare la spesa dei farmaci attraverso un rigoroso controllo dei costi. Siamo anche in grado, attraverso la capacità di analisi e di intervento, di lavorare sui costi delle terapie avanzate. Ogni volta che c’è stata una revisione dei prezzi o della rimborsabilità o della stessa permanenza nel prontuario di alcuni prodotti siamo sempre stati parte del sistema. Abbiamo sempre collaborato con AIFA, che però negli ultimi anni ha scelto una via autonoma ed indipendente e oggi denota una mancanza di strumenti per fare una revisione basata su dati e informazioni veri».

Dello stesso avviso Carlo Salvioni, vicepresidente di IQVIA, che si occupa di strategie operative e che ha inquadrato la posizione della sanità italiana rispetto all’impiego delle nuove tecnologie e dei big data: «Oggi siamo indietro – ha dichiarato – rispetto al settore finanziario e al commercio. I vantaggi per la sanità sono a tutti i livelli, nella diagnosi e nell’accesso all’informazione. Oggi possiamo fare passi avanti importanti perché le tecnologie sono disponibili, ma occorre fare una serie di scelte che devono coinvolgere ospedali e aziende farmaceutiche, e devono essere fatte insieme. C’è dell’oro nei dati – ha sottolineato -, non solo a livello economico. Ma oggi pochissimi hanno un processo concreto di estrazione di questo oro e quindi c’è molto da recuperare. La buona notizia è che ci sono gli strumenti e le personalità per farlo e in più la volontà di creare l’ecosistema e sfruttarlo. Per farlo ci vorrà ancora qualche anno, però alcuni ospedali in Italia stanno facendo iniziative pregevoli di sistemizzazione di banche dati e raccolta di dati».

Articoli correlati
Coronavirus, cosa succederà nei prossimi 150 giorni? Le proiezioni di IQVIA
Secondo la società leader nel campo dell’analisi dei dati in ambito medico, in Italia nei prossimi cinque mesi ci saranno tra i 184mila ed i 246mila casi di Covid-19
“Insieme senza Paura”, Industrie Farmaceutiche Italiane FAB13 aderiscono a iniziativa FIMMG e Cittadinanzattiva
Verranno donati oltre 3 milioni di euro in risorse finanziarie e beni strumentali per fronteggiare l’emergenza Covid19
Coronavirus, in farmacia crescita a tre cifre per la vendita di mascherine e igienizzanti per mani
Le vendite di mascherine hanno iniziato a crescere nella settimana del 20 gennaio, più che quadruplicando rispetto alla settimana precedente, passando da un fatturato di 42mila euro a 180mila euro
Oltre l’80% degli italiani cerca informazioni sulla propria salute. Due su tre si rivolgono alla Rete
Dottor Google è la principale porta di ingresso, ma il medico resta il vero punto di riferimento. I risultati dell'analisi condotta da IQVIA Italia
Farmaceutica, Fab 13 chiedono stabilità delle regole. Rapporto Nomisma: export medicinali in crescita nel 2019
Le 13 aziende di medio grandi dimensioni a capitale italiano (Fab13), aderenti a Farmindustria ogni anno investono in Italia 1 miliardo di euro
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 giugno, sono 6.514.359 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 386.111 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 3 giugno: nel...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Formazione

Fuga dagli ospedali, 500 specialisti hanno tentato il concorso di Medicina Generale

Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori. Lo studio dell'Associazione Liberi Specializzandi
di Tommaso Caldarelli