Diritto 16 giugno 2015

Turni massacranti dei medici: ora il governo dovrà rispondere

Il senatore D’Ambrosio Lettieri presenta l’interrogazione ai ministri Lorenzin e Padoan

E‘ arrivato fino al Parlamento l’allarme lanciato dai medici sui turni massacranti a cui sono sottoposti. Con professionalità e responsabilità stanno continuando a portare avanti il Ssn con orari di lavoro che vanno ben oltre quanto dispone la legge, e spesso anche al di là delle proprie possibilità fisiche. I sindacati e le principali realtà di categoria chiedono da tempo, e con forza, un intervento istituzionale per risolvere il problema. Il senatore Luigi D’Ambrosio Lettieri, che proprio ai microfoni di Sanità informazione aveva annunciato una «una crociata per i diritti dei medici», ha presentato una interrogazione orale ai ministri della Salute e dell’Economia. L’iniziativa del membro della Commissione Igiene e Sanità quale primo firmatario, ha trovato immediatamente le adesioni dei colleghi Piero Aiello, Emilio Floris, Maria Rizzotti e Antonio Scavone.

Il testo verrà presentato ufficialmente domani mattina in una conferenza stampa, fissata alle 12 presso la Sala Nassirya del Senato. I dettagli verranno svelati dallo stesso D’Ambrosio Lettieri, ma l’obiettivo è duplice: restituire il “diritto alla salute” degli operatori sanitari e – contestualmente – salvaguardare le casse dello Stato da una nuova ondata di ricorsi. Lo Stato italiano, infatti, non rispetta le regole imposte dall’Unione europea (attraverso la direttiva 2003/88/CE) che prevede l’ammontare massimo di ore lavorative consecutive e i termini minimi di riposo settimanale per ogni singolo lavoratore. La normativa è stata recepita per tutte le categorie professionali ad eccezione di quelle che operano nel Servizio sanitario nazionale. Questo è avvenuto attraverso specifiche disposizioni introdotte nelle Finanziaria del 2007 e del 2008, ma di fronte alla minaccia di sanzioni da parte dell’Ue, l’Italia è corsa ai ripari e dal prossimo anno si metterà in regola dando attuazione alla legge 161 del 2014.

Quello dei ricorsi resta comunque un nervo scoperto: se ne rischiano una valanga visto che sono le singole aziende a spingere i lavoratori a chiedere il “conto” allo Stato inadempiente. E potrebbe essere una scoppola, considerando che sono 106mila i medici potenziali ricorrenti e, di conseguenza, diversi i miliardi che potrebbero uscire dalle casse pubbliche. Appare, dunque, necessario trovare una soluzione/argine al problema con le istituzioni chiamate a fare la loro parte. L’interrogazione del senatore D’Ambrosio Lettieri va proprio in questa direzione, ma potrebbe essere solo il preludio di altre azioni a tutela degli operatori sanitari. Così come chiede da tempo CIMO, il sindacato dei medici ospedalieri, che sarà presente con il presidente Riccardo Cassi al tavolo dell’appuntamento alla Sala Nassirya. Al loro fianco siederà anche Consulcesi, realtà leader nella tutela dei camici bianchi, che su un altro fronte sempre relativo alle violazioni delle direttive Ue – quello degli ex specializzandi ’82-2006 – ha visto riconoscere ai suoi medici già oltre 373 milioni. Sullo Stato pende dunque la spada di Damocle di un’altra ondata di ricorsi: dopo quelli già partiti, ed è imminente la prossima azione di Consulcesi, aperta al dialogo con le istituzioni ma pronta a far valere i diritti degli operatori sanitari con la forza di un Gruppo che ha già cambiato la giurisprudenza, in Italia ed in Europa, a favore dei medici.

Articoli correlati
Medici sotto attacco, Rossi (OMCeO Milano): «La classe medica è massacrata. Il nostro lavoro è sottopagato e sotto considerato»
«Poi non stupiamoci se i reparti si desertificano, il territorio si sguarnisce e i medici vanno all’estero. Questa situazione non ha alcun senso». Così il presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, che accoglie la proposta di istituire un Arbitrato della Salute
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»
«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo scusa, ma la colpa non è mia»
Usa, salute dei medici a rischio. Report Medscape: un medico su due colpito da burnout. Il 14% ha pensato al suicidio
Stress, stanchezza, ansia e depressione possono nascondersi sotto il camice bianco. Quasi un medico su due è infatti colpito dalla ‘sindrome del burnout‘, un esaurimento fisico e psicologico che può mettere a rischio la salute del professionista e non solo. È quanto rivela una nuova indagine, ‘Medscape National Physician Burnout, Depression & Suicide Report 2019’, […]
«Sono un medico e non provo emozioni». Ecco cos’è il burnout
«È tardi. Arriva la mia ultima paziente. Dai suoi esami emergono cattive notizie. Il tumore è cresciuto. So come comportarmi in questi casi. Parlo piano, utilizzo le parole “giuste”. Lei crolla, gli occhi le si riempiono di lacrime. Arriva l’infermiere specializzata, le prende la mano. In questo vortice di emozioni, io non provo niente. Non […]
Sanità, Rizzotti (Forza Italia): «Rivedere Ssn senza ideologie. Lotta ad anoressia e bulimia tra le mie priorità»
Sui disturbi alimentari impegno di lungo corso della senatrice forzista che auspica una «legge condivisa». Poi chiede che si torni sul tema della terapia del dolore e delle cure palliative: «Serve relazione per capire impatto della legge»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...