Diritto 16 Giugno 2015

Turni massacranti dei medici: ora il governo dovrà rispondere

Il senatore D’Ambrosio Lettieri presenta l’interrogazione ai ministri Lorenzin e Padoan

E‘ arrivato fino al Parlamento l’allarme lanciato dai medici sui turni massacranti a cui sono sottoposti. Con professionalità e responsabilità stanno continuando a portare avanti il Ssn con orari di lavoro che vanno ben oltre quanto dispone la legge, e spesso anche al di là delle proprie possibilità fisiche. I sindacati e le principali realtà di categoria chiedono da tempo, e con forza, un intervento istituzionale per risolvere il problema. Il senatore Luigi D’Ambrosio Lettieri, che proprio ai microfoni di Sanità informazione aveva annunciato una «una crociata per i diritti dei medici», ha presentato una interrogazione orale ai ministri della Salute e dell’Economia. L’iniziativa del membro della Commissione Igiene e Sanità quale primo firmatario, ha trovato immediatamente le adesioni dei colleghi Piero Aiello, Emilio Floris, Maria Rizzotti e Antonio Scavone.

Il testo verrà presentato ufficialmente domani mattina in una conferenza stampa, fissata alle 12 presso la Sala Nassirya del Senato. I dettagli verranno svelati dallo stesso D’Ambrosio Lettieri, ma l’obiettivo è duplice: restituire il “diritto alla salute” degli operatori sanitari e – contestualmente – salvaguardare le casse dello Stato da una nuova ondata di ricorsi. Lo Stato italiano, infatti, non rispetta le regole imposte dall’Unione europea (attraverso la direttiva 2003/88/CE) che prevede l’ammontare massimo di ore lavorative consecutive e i termini minimi di riposo settimanale per ogni singolo lavoratore. La normativa è stata recepita per tutte le categorie professionali ad eccezione di quelle che operano nel Servizio sanitario nazionale. Questo è avvenuto attraverso specifiche disposizioni introdotte nelle Finanziaria del 2007 e del 2008, ma di fronte alla minaccia di sanzioni da parte dell’Ue, l’Italia è corsa ai ripari e dal prossimo anno si metterà in regola dando attuazione alla legge 161 del 2014.

Quello dei ricorsi resta comunque un nervo scoperto: se ne rischiano una valanga visto che sono le singole aziende a spingere i lavoratori a chiedere il “conto” allo Stato inadempiente. E potrebbe essere una scoppola, considerando che sono 106mila i medici potenziali ricorrenti e, di conseguenza, diversi i miliardi che potrebbero uscire dalle casse pubbliche. Appare, dunque, necessario trovare una soluzione/argine al problema con le istituzioni chiamate a fare la loro parte. L’interrogazione del senatore D’Ambrosio Lettieri va proprio in questa direzione, ma potrebbe essere solo il preludio di altre azioni a tutela degli operatori sanitari. Così come chiede da tempo CIMO, il sindacato dei medici ospedalieri, che sarà presente con il presidente Riccardo Cassi al tavolo dell’appuntamento alla Sala Nassirya. Al loro fianco siederà anche Consulcesi, realtà leader nella tutela dei camici bianchi, che su un altro fronte sempre relativo alle violazioni delle direttive Ue – quello degli ex specializzandi ’82-2006 – ha visto riconoscere ai suoi medici già oltre 373 milioni. Sullo Stato pende dunque la spada di Damocle di un’altra ondata di ricorsi: dopo quelli già partiti, ed è imminente la prossima azione di Consulcesi, aperta al dialogo con le istituzioni ma pronta a far valere i diritti degli operatori sanitari con la forza di un Gruppo che ha già cambiato la giurisprudenza, in Italia ed in Europa, a favore dei medici.

Articoli correlati
Papa Francesco sulla sanità: «No ad aziendalizzazione e turni massacranti, sì a strumenti per formare adeguatamente il personale»
Il Pontefice ha parlato durante il suo incontro con l’Associazione cattolica degli operatori sanitari: «Trattare i malati come persone, e non come numeri»
#DestinazioneSanità | Emilia-Romagna, un’eccellenza sulle spalle dei (pochi) medici: «Qualità destinata ad abbassarsi»
GUARDA IL VIDEO | La prima tappa del reportage di Sanità Informazione, in collaborazione con CIMO, è l’Emilia-Romagna. Un racconto delle contraddizioni di una delle sanità regionali migliori d’Italia attraverso le voci dei medici, tra storie di eccellenza, carenza di personale, turni massacranti e la latenza del rinnovo del contratto
Troppe tasse e pochi diritti, a Verona scatta il primo “sciopero” degli specializzandi
I giovani medici di Verona protestano per la mancanza di una rappresentanza vera e propria della componente degli specializzandi all’interno degli organi di Governo dell’Ateneo: «Siamo contrari all'aumento della tassazione, chiediamo il rispetto delle garanzie contrattuali e di avere voce in capitolo sulle scelte che ci riguardano»
Specializzandi, Lorenzo Paglione (Chi si cura di te?): «Spesso sopperiscono a carenze di personale ma non hanno forme di welfare diretto»
L'associazione “Chi si cura di te”? nasce per promuovere i diritti dei giovani professionisti della salute, mirando al miglioramento della formazione medica e, di conseguenza, del SSN. «Oggi, il medico è una figura ibrida che deve ritrovare una propria identità e il suo ruolo di garante dell’equità dell’universalismo del SSN e quindi della democrazia, all’interno di un contesto di crisi economica e fortemente cambiato negli anni» così L. Paglione ai nostri microfoni
Formazione, Delia Epifani (Smi): «Creare percorso formativo unico MMG-specializzandi per eliminare disparità»
La coordinatrice regionale del settore formazione per il Sindacato dei Medici Italiani: «C’è una disparità retributiva contributiva e previdenziale importante. L’unica soluzione è coniugare la programmazione e l’alto standard formativo di entrambi i percorsi che devono diventare uno solo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...