Diritto 8 Luglio 2014

Rc professionale, i Ginecologi alzano la voce: “Siamo troppo esposti”

Intervista al segretario nazionale AOGOI, Antonio Chiantera

Immagine articolo

I professionisti si preparano all’obbligo assicurativo che scatterà a metà agosto -salvo slittamenti – ancora tra mille perplessità. Il lavoro delle istituzioni non è ancora finito. Tutt’altro.

Si cercano soluzioni per colmare le lacune della legge e soprattutto per dare risposte ai camici bianchi, che – come conferma ai nostri microfoni il professor Antonio Chiantera, segretario nazionale AOGOI, l’Associazione Ginecologi Italiani –  chiedono di poter svolgere in sicurezza e con serenità la loro professione.

Quella in ginecologia è una specializzazione delicata  dal punto di vista assicurativo…
Indubbiamente siamo tra le categorie più esposte al rischio medico legale. Solo il parto, ad esempio,  prevede cifre iperboliche di risarcimento, con conseguente lievitazione dei premi assicurativi. Inoltre, siamo perseguibili per ben 10 anni dal momento in cui la parte lesa viene a conoscenza del danno subìto; una volta cessata l’assicurazione, la garanzia “postuma” dura solo 2 anni, dopodiché siamo totalmente esposti alla rivalsa. Un fatto inaccettabile, giuridicamente e moralmente, ed è su questo che chiediamo l’intervento del legislatore, perché vi è un abuso di potere delle compagnie assicurative verso i medici.

Proprio il legislatore e le istituzioni devono trovare una soluzione condivisa.
Stiamo tentando di unificare sette progetti di legge in un’unica proposta, che tuteli la sicurezza del paziente e al contempo dia a noi maggiore serenità nel lavoro. Entrare in sala parto in una situazione di emergenza impone al medico decisioni difficili, che devono essere prese con serenità di giudizio e non con la paura di agire.

Le cure transfrontaliere possono aprono nuove prospettive?
La materia presuppone una collaborazione tra i Paesi della comunità europea, perché se non si parla un linguaggio comune sulla tutela del paziente e del medico, la medicina transfrontaliera diventa un boomerang. L’obiettivo dei Paesi europei, invece, deve essere quello di uniformare i regolamenti in materia di assistenza e tutela.

Articoli correlati
L’empatia in ostetricia e ginecologia, al via il congresso regionale Aogoi in Emilia-Romagna
Recuperare la fiducia nel rapporto tra medico e paziente, riscoprendo l’importanza del dialogo e creando un argine contro le fake news. Sarà questo uno dei temi affrontati nel corso del 16esimo congresso regionale dell’Emilia Romagna dell’Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani (Aogoi), che quest’anno vede il coinvolgimento della Società Italiana di Ginecologia Ostetricia (Sigo) a cui […]
Rilancio SSN e condivisione informazioni, siglato patto tra 15 società scientifiche
Coordinatori dell’intesa i presidenti di Acoi, Pierluigi Marini, e di Aogoi, Giuseppe Ettore. Chiesto incontro al Ministro Grillo
Modena, nasce il progetto “MonnaLisa Care” per le donne in menopausa indotta
Il progetto “MonnaLisa Care”, sostenuto dalla Onlus Associazione Angela Serra per la Ricerca sul Cancro, dall’equipe del prof. Giovanni Tazzioli del Percorso Senologico del Policlinico di Modena e dal dottor Ezio Bergamini (Segretario Regionale AOGOI Emilia Romagna) nasce con uno scopo bel preciso: riportare un po’ di serenità nella vita delle donne che stanno lottando […]
Salute della donna: neuropelveologia, staminali e diagnosi prenatale le novità dal congresso Sigo-Aogoi-Agui
«Tra i temi più all’avanguardia, diagnosi prenatale e cellule staminali, argomenti sui quali è necessaria grande accortezza» ai nostri microfoni il Dottor Pier Luigi Sozzi, ginecologo ostetrico e già vicepresidente nazionale Aogoi
di Lucia Oggianu
Le buone pratiche in ginecologia: dal Congresso Aogoi, Sigo e Agui il decalogo delle società scientifiche
Consigli 'in rosa' arrivano dalle associazioni e dalle società di ginecologia riunite in Congresso a Roma in questi giorni. Vaccini in gravidanza, ormoni in menopausa, ecografie ed esami utili: ecco nero su bianco le regole per una buona prevenzione e gestione delle abitudini di vita
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali