Diritto 28 Febbraio 2019 16:18

Innovazione e sanità, la “Blockchain Island” è Malta. Charles Scerri: «Primo stato europeo a regolamentare settore»

Dalla medicina personalizzata alla formazione certificata: «Con la Blockchain, i crediti formativi sono accessibili, immutabili e immediatamente verificabili. La sanità diventa più efficiente ed è una garanzia per tutti: pazienti, medici e cittadini» l’intervista al dottore commercialista Charles Scerri

Ridurre i costi, assicurare sicurezza e trasparenza, garantire una formazione certificata. Il potenziale valore della blockchain in sanità è enorme: il nostro sistema sanitario è in affanno e nuovi modelli tecnologici, come la “catena dei blocchi”, possono correre in aiuto.

L’isola di Malta si è attestata come capofila al mondo, a livello giuridico, nel settore della Blockchain. Nel 2018, infatti, «Malta ha approvato tre leggi sulla Blockchain, è stato il primo Stato europeo ad approvare una legislazione per regolamentare questo settore». Charles Scerri (dottore commercialista presso Charles Scerri & Associates) ai nostri microfoni, spiega che Malta è stato uno dei primi paesi a scommettere sull’innovativa tecnologia e a intravederne i vantaggi a supporto dell’Healthcare.

La Blockchain in sanità: quali sono le opportunità e le prospettive di questa nuova tecnologia?

«La Blockchain in sanità, come per altri settori, ha un’estrema importanza: grazie a questa tecnologia, i “records”, i dati, sono pronti e immutabili. Questo permette alle autorità di agire più rapidamente, ad esempio, per monitorare il movimento dei farmaci. Nel 2018 Malta ha approvato tre leggi sulla Blockchain, è stato il primo Stato europeo ad approvare una legislazione per regolamentare questo settore e poter lavorare legalmente. Noi stiamo già lavorando in questo settore, a Malta c’è già una task force tra Governo, ministero dell’Informazione e ministero della Sanità per mettere in pratica il programma. Ad esempio, in oncologia, ci fornisce risultati importanti per pianificare terapie e trattamenti personalizzati che, in futuro, daranno più soddisfazioni e vantaggi per il paziente. Nell’industria generale della sanità non c’è soltanto il paziente, c’è tutta l’organizzazione: i medici, gli infermieri, i docenti, è uno spazio olistico. Se lo spazio olistico con Blockchain diventa più efficiente allora anche i risultati, i costi e i servizi saranno migliorati».

LEGGI ANCHE: BLOCKCHAIN E SANITA’ DEL FUTURO. AL SENATO CONFRONTO TRA POLITICA E IMPRESE SULLE OPPORTUNITA’ DELLA CATENA DEI BLOCCHI

Cosa pensa della Formazione ECM certificata tramite Blockchain?

«Oggi ci sono Stati che hanno diversi livelli di certificazione. A volte, è difficile verificare certificati quando non sono certificati europei o americani ma sono stati rilasciati in altre parti del mondo. Con la Blockchain, i crediti formativi sono accessibili, immutabili e sono immediatamente verificabili. Una garanzia di sicurezza per la sanità e per tutti noi che ne facciamo parte».

Quindi un sistema di semplificazione e di garanzia per il paziente?

«Sì, per il paziente e per tutti quelli che lavorano nel settore medico. La medicina non è solo la cura e il trattamento del paziente. Siamo il risultato di come viviamo e di ciò che mangiamo: per questo, se c’è una tracciabilità dei prodotti, della materia prima, dal produttore fino al consumatore abbiamo una sicurezza più solida».

Articoli correlati
La Sanità è diventata un bene di lusso, cresce l’impoverimento delle famiglie
Secondo il 19° Rapporto del CREA Sanità "al Ssn servono 15 miliardi per non aumentare il distacco dal resto dell’UE, personale carente e sottopagato. Rispetto ai partner EU, il nostro Paese investe meno nella Sanità, aumenta la spesa privata ed è a rischio l’equità del sistema". Digitalizzazione necessaria per le “nuove cronicità"
Anemia da malattia renale cronica, un peso da alleggerire
Promuovere la conoscenza dell'Anemia, fare una diagnosi tempestiva, gestire il paziente con malattia renale cronica in maniera multidisciplinare, realizzare una presa in carico in maniera omogenea sul territorio e monitorare l'Anemia lungo tutto il percorso del paziente sono le proposte per salvaguardare qualità di vita delle persone con Anemia da malattia renale cronica.
Tumori: in Italia 1740 associazioni di pazienti e caregiver, numero 1 in Europa
Oltre 1.740 associazioni oncologiche di pazienti e caregiver censite in Italia solo nel 2023. Il nostro paese detiene dunque il record europeo in proporzione al numero di abitanti. Sono i dati «di capillarità» del primo Libro Bianco sul mondo del volontariato oncologico, promosso e redatto da ROPI
Sanità italiana divisa a metà: 29 milioni di italiani in difficoltà con le cure
La sanità italiana sempre più divisa in due con ben 29 milioni di italiani che potrebbero avere serie difficoltà. Le performance sanitarie per il 2023 vedono infatti otto tra Regioni e Province autonome promosse, sette rimandate e sei bocciate. Sono i risultato del rapporto «Le performance regionali» del Crea Sanità, Centro per la ricerca economica applicata in sanità, presentato oggi a Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...