Diritto 28 Febbraio 2019

Innovazione e sanità, la “Blockchain Island” è Malta. Charles Scerri: «Primo stato europeo a regolamentare settore»

Dalla medicina personalizzata alla formazione certificata: «Con la Blockchain, i crediti formativi sono accessibili, immutabili e immediatamente verificabili. La sanità diventa più efficiente ed è una garanzia per tutti: pazienti, medici e cittadini» l’intervista al dottore commercialista Charles Scerri

Ridurre i costi, assicurare sicurezza e trasparenza, garantire una formazione certificata. Il potenziale valore della blockchain in sanità è enorme: il nostro sistema sanitario è in affanno e nuovi modelli tecnologici, come la “catena dei blocchi”, possono correre in aiuto.

L’isola di Malta si è attestata come capofila al mondo, a livello giuridico, nel settore della Blockchain. Nel 2018, infatti, «Malta ha approvato tre leggi sulla Blockchain, è stato il primo Stato europeo ad approvare una legislazione per regolamentare questo settore». Charles Scerri (dottore commercialista presso Charles Scerri & Associates) ai nostri microfoni, spiega che Malta è stato uno dei primi paesi a scommettere sull’innovativa tecnologia e a intravederne i vantaggi a supporto dell’Healthcare.

La Blockchain in sanità: quali sono le opportunità e le prospettive di questa nuova tecnologia?

«La Blockchain in sanità, come per altri settori, ha un’estrema importanza: grazie a questa tecnologia, i “records”, i dati, sono pronti e immutabili. Questo permette alle autorità di agire più rapidamente, ad esempio, per monitorare il movimento dei farmaci. Nel 2018 Malta ha approvato tre leggi sulla Blockchain, è stato il primo Stato europeo ad approvare una legislazione per regolamentare questo settore e poter lavorare legalmente. Noi stiamo già lavorando in questo settore, a Malta c’è già una task force tra Governo, ministero dell’Informazione e ministero della Sanità per mettere in pratica il programma. Ad esempio, in oncologia, ci fornisce risultati importanti per pianificare terapie e trattamenti personalizzati che, in futuro, daranno più soddisfazioni e vantaggi per il paziente. Nell’industria generale della sanità non c’è soltanto il paziente, c’è tutta l’organizzazione: i medici, gli infermieri, i docenti, è uno spazio olistico. Se lo spazio olistico con Blockchain diventa più efficiente allora anche i risultati, i costi e i servizi saranno migliorati».

LEGGI ANCHE: BLOCKCHAIN E SANITA’ DEL FUTURO. AL SENATO CONFRONTO TRA POLITICA E IMPRESE SULLE OPPORTUNITA’ DELLA CATENA DEI BLOCCHI

Cosa pensa della Formazione ECM certificata tramite Blockchain?

«Oggi ci sono Stati che hanno diversi livelli di certificazione. A volte, è difficile verificare certificati quando non sono certificati europei o americani ma sono stati rilasciati in altre parti del mondo. Con la Blockchain, i crediti formativi sono accessibili, immutabili e sono immediatamente verificabili. Una garanzia di sicurezza per la sanità e per tutti noi che ne facciamo parte».

Quindi un sistema di semplificazione e di garanzia per il paziente?

«Sì, per il paziente e per tutti quelli che lavorano nel settore medico. La medicina non è solo la cura e il trattamento del paziente. Siamo il risultato di come viviamo e di ciò che mangiamo: per questo, se c’è una tracciabilità dei prodotti, della materia prima, dal produttore fino al consumatore abbiamo una sicurezza più solida».

Articoli correlati
Aggressioni e Consulta, al Ministero le prime riunioni. Speranza: «Da febbraio Ddl antiviolenza alla Camera»
Il Ministro ha convocato a Lungotevere Ripa i rappresentanti degli Ordini delle professioni sanitarie: cronicità e riforma della Formazione continua in primo piano. Sul Ddl aggressioni sottolinea: «Se tempi in Parlamento andranno per le lunghe non escludo decreto d’urgenza»
ECM, nasce l’Associazione dei provider: «Pronti a contribuire alla Riforma»
Simone Colombati, Presidente di “Formazione nella Sanità”, presenta gli obiettivi al Ministro Speranza: «In Italia operano 1.128 provider privati, una voce che non può essere ignorata: pronti a partecipare al tavolo di lavoro della Commissione ECM»
Formazione manageriale in Sanità, il 19 gennaio si chiude il bando per selezionare i migliori 30: la Campania forma i manager di domani
La Campania come fucina dei manager della Sanità. Non si tratta di uno spot, bensì della tendenza ormai consolidata di Direttori Sanitari Aziendali e Direttori di UOC delle Aziende e degli Enti del Servizio Sanitario Regionale a tentare di entrare nella cerchia dei 30 ai quali sarà consentito l’accesso al “Corso di formazione manageriale in materia di […]
Molise, parla Toma. «Stop tagli, ecco come potenzieremo le strutture. Sui commissariamenti mi dileggiavano ma poi…»
Il Presidente della Regione Molise spiega che si arriverà a una sanità ‘a misura di molisani’: «Potenziamento delle strutture di Campobasso, Isernia e Termoli, mantenimento punti nascita e nosocomio di Agnone come ‘ospedale di area disagiata». Dopo la vittoria alla Consulta sull’incompatibilità Commissario-Presidente al via i tavoli con il Governo
TSRM e PSTRP, Beux: «Elenchi speciali, ecco perché c’è la proroga fino al 30 giugno»
Il presidente del Maxi Ordine delle professioni sanitarie commenta le recenti elezioni per le Commissioni d’Albo provinciali: «Bassa affluenza segnala disaffezione verso istituzioni». E sulla Consulta: «Bene, ma ora programmazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Ecm

Formazione Ecm, si cambia. Un anno per la riforma e la valorizzazione del sistema

La Commissione nazionale per l'Educazione continua in medicina ha istituito un Gruppo di lavoro che riformerà il sistema Ecm. Obiettivi: puntare sulla qualità degli eventi formativi e adeguare la fo...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...