Diritto 28 Febbraio 2019 16:18

Innovazione e sanità, la “Blockchain Island” è Malta. Charles Scerri: «Primo stato europeo a regolamentare settore»

Dalla medicina personalizzata alla formazione certificata: «Con la Blockchain, i crediti formativi sono accessibili, immutabili e immediatamente verificabili. La sanità diventa più efficiente ed è una garanzia per tutti: pazienti, medici e cittadini» l’intervista al dottore commercialista Charles Scerri

Ridurre i costi, assicurare sicurezza e trasparenza, garantire una formazione certificata. Il potenziale valore della blockchain in sanità è enorme: il nostro sistema sanitario è in affanno e nuovi modelli tecnologici, come la “catena dei blocchi”, possono correre in aiuto.

L’isola di Malta si è attestata come capofila al mondo, a livello giuridico, nel settore della Blockchain. Nel 2018, infatti, «Malta ha approvato tre leggi sulla Blockchain, è stato il primo Stato europeo ad approvare una legislazione per regolamentare questo settore». Charles Scerri (dottore commercialista presso Charles Scerri & Associates) ai nostri microfoni, spiega che Malta è stato uno dei primi paesi a scommettere sull’innovativa tecnologia e a intravederne i vantaggi a supporto dell’Healthcare.

La Blockchain in sanità: quali sono le opportunità e le prospettive di questa nuova tecnologia?

«La Blockchain in sanità, come per altri settori, ha un’estrema importanza: grazie a questa tecnologia, i “records”, i dati, sono pronti e immutabili. Questo permette alle autorità di agire più rapidamente, ad esempio, per monitorare il movimento dei farmaci. Nel 2018 Malta ha approvato tre leggi sulla Blockchain, è stato il primo Stato europeo ad approvare una legislazione per regolamentare questo settore e poter lavorare legalmente. Noi stiamo già lavorando in questo settore, a Malta c’è già una task force tra Governo, ministero dell’Informazione e ministero della Sanità per mettere in pratica il programma. Ad esempio, in oncologia, ci fornisce risultati importanti per pianificare terapie e trattamenti personalizzati che, in futuro, daranno più soddisfazioni e vantaggi per il paziente. Nell’industria generale della sanità non c’è soltanto il paziente, c’è tutta l’organizzazione: i medici, gli infermieri, i docenti, è uno spazio olistico. Se lo spazio olistico con Blockchain diventa più efficiente allora anche i risultati, i costi e i servizi saranno migliorati».

LEGGI ANCHE: BLOCKCHAIN E SANITA’ DEL FUTURO. AL SENATO CONFRONTO TRA POLITICA E IMPRESE SULLE OPPORTUNITA’ DELLA CATENA DEI BLOCCHI

Cosa pensa della Formazione ECM certificata tramite Blockchain?

«Oggi ci sono Stati che hanno diversi livelli di certificazione. A volte, è difficile verificare certificati quando non sono certificati europei o americani ma sono stati rilasciati in altre parti del mondo. Con la Blockchain, i crediti formativi sono accessibili, immutabili e sono immediatamente verificabili. Una garanzia di sicurezza per la sanità e per tutti noi che ne facciamo parte».

Quindi un sistema di semplificazione e di garanzia per il paziente?

«Sì, per il paziente e per tutti quelli che lavorano nel settore medico. La medicina non è solo la cura e il trattamento del paziente. Siamo il risultato di come viviamo e di ciò che mangiamo: per questo, se c’è una tracciabilità dei prodotti, della materia prima, dal produttore fino al consumatore abbiamo una sicurezza più solida».

Articoli correlati
Medicina, meme e “catarsi comica”. Com’è nato e in cosa consiste il fenomeno social Memedical
Intervista a Nicola Gambadoro, fondatore del gruppo Facebook che raccoglie, al momento, oltre 56mila camici bianchi iscritti
Università Bicocca di Milano: nasce la scuola di alta formazione professionale per manager della sanità
Sono 26 gli atenei coinvolti nella SPES, Alta Scuola di Sanità Pubblica a vocazione internazionale. Destinata a studenti con curriculum di eccellenza e in regola con gli esami, la scuola ha due obiettivi innovare e fare rete. Si comincia a settembre con il corso sull’emergenza sanitaria
«Macchine non possono sostituire la relazione di cura. Su eutanasia no a ideologismi». Intervista a Don Angelelli (CEI)
Il Direttore Ufficio Nazionale per la Pastorale della Salute CEI: «Interporre una macchina, una mediazione digitale tra il curante e il curato sarebbe un passo indietro»
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia
Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto in prima pagina si rivela innocente non sempre ne viene data notizia. In questi casi c’è il diritto all’oblio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 giugno, sono 178.788.247 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.873.285 i decessi. Ad oggi, oltre 2,64 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM