Diritto 19 maggio 2015

«Orari e straordinari, governo e istituzioni devono trovare subito una soluzione»

Intervista al responsabile Sanità del Pd, Federico Gelli: “Dalla Ue indicazione molto forte, non possiamo più rimandare una regolamentazione”

Immagine articolo

Dal Movimento 5 Stelle al Partito Democratico. Anche la principale forza di governo si schiera con decisione contro i turni massacranti cui vengono quotidianamente sottoposti migliaia di medici italiani.


In particolare, per il Responsabile Sanità della segreteria del Premier Renzi, on. Federico Gelli, tutte le istituzioni – Governo in primis – devono fare il possibile per dare una risposta concreta agli operatori che si vedono privati ogni giorno del diritto ad orari di riposo consoni alle loro esigenze. Sanità informazione lo ha incontrato per capire in che modo le Istituzioni devono affrontare il problema per risolverlo una volta per tutte.

L’Europa ordina ma l’Italia si muove in ritardo. Tema caldissimo negli ultimi tempi per i medici italiani è quello degli orari di lavoro. Sempre più spesso i nostri camici bianchi vengono sottoposti ad orari di lavoro massacranti: ecco, forse è arrivato il momento che anche in questo caso le Istituzioni facciano delle proposte e facciano sentire la loro voce.

«Si tratta di una materia molto importante perché le sentenze europee hanno ripetutamente richiamato il nostro Stato al rispetto delle regole essenziali sul lavoro. Un lavoro che, in questo caso, è di grande delicatezza, e devo dire che in altri settori è evidente che il lavoro viene considerato e svolto nel rispetto delle normali ore di riposo, dei ritmi di lavoro, dei turni e così via. Purtroppo il nostro Paese è stato inadempiente fino al 2014, poi nella legge di stabilità è stata recepita un’indicazione molto forte dell’Ue e il tutto è stato poi procrastinato di un anno».

Una chiara presa di posizione da parte dell’Unione Europea…

«Io credo che non ci si possa più nascondere dietro la dichiarazione che, trattandosi di medici dirigenti, questi non sono assoggettati alla regolamentazione di un normale lavoratore. È una scusa che non regge e le Istituzioni a partire dal Governo devono trovare una soluzione per questi lavoratori che hanno bisogno di una risposta decisa alle pressioni e alle condizioni lavorative particolarmente pressanti in cui si trovano, e che rischiano di ripercuotersi sulla qualità del lavoro che svolgono, aumentando il rischio cui sono esposti i pazienti. Si tratta di un rapporto, quello tra medico e paziente, che spesso potrebbe causare problemi».

È evidente che va trovata una soluzione non solo per i camici bianchi ma anche per i cittadini.

«Le organizzazioni sindacali fanno giustamente le loro rivendicazioni e noi dobbiamo trovare una soluzione. Innanzitutto sul numero delle ore, poi sul numero delle ore che devono intervallarsi tra un turno e un altro, e soprattutto sulle ore di straordinario. Dobbiamo regolamentare la materia, non possiamo più pensare di cavarcela con le parole».

Articoli correlati
Medici sotto attacco, Rossi (OMCeO Milano): «La classe medica è massacrata. Il nostro lavoro è sottopagato e sotto considerato»
«Poi non stupiamoci se i reparti si desertificano, il territorio si sguarnisce e i medici vanno all’estero. Questa situazione non ha alcun senso». Così il presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, che accoglie la proposta di istituire un Arbitrato della Salute
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»
«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo scusa, ma la colpa non è mia»
Usa, salute dei medici a rischio. Report Medscape: un medico su due colpito da burnout. Il 14% ha pensato al suicidio
Stress, stanchezza, ansia e depressione possono nascondersi sotto il camice bianco. Quasi un medico su due è infatti colpito dalla ‘sindrome del burnout‘, un esaurimento fisico e psicologico che può mettere a rischio la salute del professionista e non solo. È quanto rivela una nuova indagine, ‘Medscape National Physician Burnout, Depression & Suicide Report 2019’, […]
Nasce la Fondazione Italia in Salute. Il Presidente Federico Gelli: «Idee e progetti per evitare smantellamento SSN»
L’ex responsabile Sanità del PD e padre della legge sulla responsabilità professionale lancia il suo laboratorio di idee: «Tra i temi di cui ci occuperemo le disparità provocate dai diversi sistemi sanitari regionali, le liste di attesa, le reti territoriali»
Legge Gelli. Senatori (Ageo): «Responsabilità medico-legale libere professioni sia equiparata a dipendenti. Non siamo medici di serie B»
Il presidente del XVIII Congresso dell'Associazione Ginecologi Extra Ospedalieri: «Con chirurghi plastici, ortopedici e anestesisti siamo i professionisti più a rischio contenzioso». Aumenta disaffezione alla professione: «Recenti bandi di concorso andati deserti o quasi»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...