Diritto 15 novembre 2016

Ex specializzandi, ecco come prende forma la Legge per la transazione

Il Ddl 2400 è in Senato: cresce la richiesta per il raggiungimento di un accordo, ma i tempi si allungano e la decisione sugli emendamenti sembra slittare al dopo referendum del 4 dicembre. Mondo politico e sindacati sperano nella fine del contenzioso ma arrivano i dubbi sulla platea dei beneficiari

Il Senato affronta di petto la questione degli ex specializzandi proseguendo nell’articolato esame del Ddl 2400, che prevede un accordo transattivo per concludere la lunga controversia tra lo Stato italiano e i medici a cui non è stato riconosciuto il giusto trattamento economico durante la scuola di specializzazione frequentata tra il 1978 ed il 2006. Ma i tempi si allungano e la decisione sugli emendamenti sembra slittare al dopo referendum del 4 dicembre.

La volontà politica di giungere a una soluzione dell’intricata vicenda è ormai unanime e trasversale, come sottolineato dalla senatrice Manuela Granaiola (PD), relatrice del provvedimento in Commissione Sanità. «Da parte di tutti c’è la volontà di arrivare ad un provvedimento legislativo che metta fine a tutti questi ricorsi che hanno causato per il Governo e per lo Stato italiano un’emorragia finanziaria – spiega la senatrice –. Si tratta di rimediare alle ingiustizie fatte nei confronti di questi medici specializzandi, a molti dei quali non è stato corrisposto un corretto trattamento economico. Quindi con questo provvedimento si cerca di trovare una norma che sani queste iniquità e allo stesso tempo che blocchi questa emorragia di denaro».

«Questo provvedimento si basa su tre aspetti fondamentali – chiarisce il senatore Pietro Aiello (AP), primo firmatario del Ddl – il primo è quello di garantire diritti ai medici che non hanno avuto giusto riconoscimento nel corso degli anni, il secondo punto è quello che si faccia in modo che ci sia un risparmio da parte dello Stato le cui casse sono state depauperate. Ma il terzo aspetto, altrettanto importante, è che secondo noi, il provvedimento libererebbe non pochi posti per i giovani medici, un aspetto prioritario che deve far riflettere tutti coloro che hanno la responsabilità di votare».

Al coro unanime che chiede a gran voce il raggiungimento di un accordo, si uniscono anche i principali sindacati di categoria, interpellati dalla Commissione Istruzione del Senato nell’ambito di una serie di audizioni cui ha partecipato anche la Federazione Nazionale dei Medici (FNOMCEO). Il coordinatore nazionale della Uil Medici, Roberto Bonfilli, commenta: «Finalmente la fine di un contenzioso troppo lungo, vent’anni di assenza da parte dello Stato che non aveva preso mai un provvedimento serio mi sembra il primo passo e speriamo che il passo sia poi conclusivo. I medici si aspettano una legge che stabilisca che chi aveva il diritto maturato in quegli anni dovesse essere risarcito di 11mila euro annui, ovviamente che non vadano a gravare sull’imponibile, quindi di fatto defiscalizzati».

D’altro canto, il senatore Luigi D’Ambrosio Lettieri (CoR), uno dei principali firmatari del provvedimento, esprime dubbi sull’effettiva platea dei beneficiari del provvedimento: «Trovo difficile che i benefici previsti da questa legge potranno essere estesi indistintamente a tutti. Ho perplessità, per quanto si potrebbe probabilmente prevedere il non conseguimento di una estensione totale come una lesione di diritti sanciti dalla costituzione, il principio di equità e di omologazione di tutti i soggetti rispetto alla stessa norma».  «Tuttavia – conclude Lettieri – penso che per il momento la possibilità dell’estensione totale non possa essere presa in esame, mentre è senz’altro presa in esame la posizione di tutti coloro che hanno fatto o faranno valere, prima dell’approvazione della legge, le loro posizioni e richieste presso i tribunali e quindi attivandosi con un ricorso».

Sulla questione Sanità Informazione ha interpellato anche Consulcesi Group, la principale realtà che ha portato avanti in questi anni le azioni di tutela legale nei confronti dei medici ex specializzandi, facendo ottenere ai suoi assistiti oltre 500 milioni di euro di rimborsi: «Da tempo chiediamo che il legislatore si riappropri di quel ruolo che in questi anni hanno svolto i giudici. Bene, dunque, che finalmente le istituzioni abbiano preso atto della necessità di chiudere questo annoso contenzioso, puntando ad equilibrare i diritti dei medici specialisti e la necessità di evitare un esborso miliardario per le casse dello Stato, che grava sui cittadini. L’iter dei lavori in Parlamento conferma la volontà, ora anche politica, di chiudere la vicenda una volta per tutte – prosegue Consulcesi –. Dopo aver sollecitato una legge ad hoc, noi continuiamo a vigilare affinché il testo finale del provvedimento possa pienamente garantire i diritti di tutti i medici. Siamo, altresì, consapevoli che l’esiguità delle risorse conduca inevitabilmente ad una richiesta di un senso di maggiore responsabilità proprio da parte di quei professionisti già, però, fortemente penalizzati dalla mancata applicazione delle direttive comunitarie in materia da parte dello Stato. Per questo continuiamo a registrare migliaia di adesioni alle nostre azioni collettive, anche per la prossima in partenza il 15 dicembre. Tenendo in considerazione che i tempi del Ddl potrebbero allungarsi, visto anche il prospettato slittamento del voto sugli emendamenti a dopo il referendum del 4 dicembre, e che i termini della prescrizione scadono il prossimo anno, consigliamo a chi si è specializzato tra il 1978 ed il 2006 di fare ricorso, o comunque predisporre un atto interruttivo, per non correre il rischio di rimanere fuori dai rimborsi». «Noi continuiamo a vigilare in tal senso e ricordiamo che il 2017 è l’anno della prescrizione – conclude Consulcesi –. Avanzare ricorso, o quantomeno produrre un atto interruttivo, è ad oggi l’unica strada sicura per non correre il rischio di perdere l’opportunità di accedere ai rimborsi: sia in via giudiziale che stragiudiziale attraverso, appunto, la transazione».

Articoli correlati
Ex specializzandi, raffica di sentenze. In 15 giorni, Stato condannato a rimborsare altri 234 medici per un esborso di oltre 5 milioni di euro
Significativo un passaggio della sentenza della Corte D’Appello di Roma: «La responsabilità dello Stato per la mancata o tardiva attuazione delle direttive europee è duplice: da un lato verso l’Unione Europea per la violazione dello stesso diritto europeo, dall’altro verso i cittadini i quali non hanno acquisito la titolarità di uno e più diritti a causa di detto mancato o tardivo recepimento»
Ex specializzandi 1993-2006: «Lo Stato deve risarcire 10 miliardi a oltre 50mila medici»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Forti dell’autorevole parere già da noi depositato presso i Tribunali e le Corti italiane lanciamo subito una nuova azione collettiva per dare a tutti l’opportunità di recuperare le somme dovute dallo Stato e per rassicurare tutti coloro che sono in attesa sull’esito positivo dei procedimenti pendenti»
Ex specializzandi, l’interrogazione del deputato Galeazzo Bignami: «Vertenza ventennale, governo intervenga per sanare situazione»
Il deputato di Forza Italia si rivolge a MEF, Ministero della Salute e del Lavoro: «Occorre dare finalmente il giusto riconoscimento sotto il profilo economico e dei contributi previdenziali ai medici specializzandi negli anni in questione». E riporta i dati di Sanità Informazione: lo Stato dovrebbe erogare circa 16 miliardi di euro per gli oltre 110 mila medici che hanno frequentato la scuola di specializzazione in medicina tra il 1978 e il 2006
Ex specializzandi, Giovanni Leoni (FNOMCeO): «La nostra è la generazione dei diritti negati»
«Oggi sono qui in rappresentanza dei 400 mila medici italiani in attività e per me questa responsabilità viene prima di ogni cosa» così Giovanni Leoni, Vicepresidente della Federazione in occasione del convegno organizzato da Sanità Informazione
Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi
C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’erario più di 16 miliardi. Il senatore Antonio De Poli: «Pronto disegno di legge per un accordo che farà risparmiare 5 miliardi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...