Diritto 26 Maggio 2014

Direzioni U.O., al via la class action per risarcire i sostituti responsabili

L’avv. Rango: “I ricorsi collettivi strumento ideale per tutelare il medico senza esporlo a rischi professionali”

Immagine articolo

Nuove azioni collettive in partenza per il mondo dei camici bianchi. Questa volta nel mirino ci sono quelle Aziende sanitarie che, in barba a quanto sancito dall’articolo 18 del CCNL di categoria, prorogano, oltre il termine massimo, l’affidamento dell’incarico di sostituto responsabile di U.O.

Reiterare per un tempo eccessivo un incarico di questo tipo significa non solo bloccare i concorsi previsti per legge, ma anche riservare al sostituto un trattamento economico differente.

Sanità Informazione ha approfondito il tema con l’avvocato Flavio Valerio Rango che, tracciando un quadro della situazione, spiega: “Il profilo professionale interessato, e che può fare ricorso, è quello dei dirigenti medici che svolgono, o hanno svolto, un incarico di sostituto responsabile di Unità Operativa oltre il termine di un anno. Il contratto collettivo della dirigenza medica consente all’azienda di utilizzare la sostituzione di un medico dirigente, che abbia cessato il rapporto di lavoro, esclusivamente per un termine di sei mesi, prorogabili al massimo a un anno. In tutte quelle ipotesi in cui l’azienda proroghi l’affidamento di questo incarico oltre il termine massimo, incorre in una violazione della normativa suddetta. Tutto ciò –continua Rango – legittima la richiesta per ottenere le differenze retributive tra quanto previsto per il ruolo di responsabile di Unità Operativa e quanto effettivamente percepito dal facente funzioni per il maggior tempo in cui ha svolto questo incarico”.

Particolare attenzione va però data al termine di prescrizione dei crediti retributivi rivendicati, un punto su cui l’avvocato Rango fa chiarezza: “Le scadenze vanno analizzate singolarmente, nel senso che per ogni singola posizione è necessario individuare la decorrenza del termine di prescrizione, che in questi casi è di cinque anni; inoltre – continua l’avvocato –  la decorrenza andrà valutata considerando che questa matura nel corso del rapporto di lavoro. Un medico che agisce in giudizio potrà quindi richiedere esclusivamente gli ultimi cinque anni di facente funzioni, a meno che – specifica Rango – nel periodo precedente non abbia presentato un’apposita diffida: in quel caso sarà possibile estendere l’ambito di applicazione dell’azione seriale”.

E per far fronte al comprensibile timore, da parte dei medici, di avere problemi con le proprie strutture a causa di azioni di questo tipo, il legale rassicura: “Azionare un ricorso collettivo è l’ideale: così facendo si evita un’esposizione personale da parte del dirigente medico, e si solleva collettivamente la problematica nei confronti dell’azienda di appartenenza”.

Per ulteriori informazioni, un team di consulenti legali è disponibile gratuitamente al numero verde 800.122.777.

Articoli correlati
Il presidente del Parlamento Ue Antonio Tajani: «Formazione obbligatoria ECM, l’Europa vigila e premia solo chi si aggiorna»
ESCLUSIVA | Il Presidente dell’Europarlamento, in visita a Roma al Gruppo Consulcesi, si è schierato al fianco dei medici che attendono la remunerazione della specializzazione: «Lo Stato deve sempre dare il buon esempio. Non può pretendere che i cittadini paghino le tasse e poi quando lui dev’essere pagatore non fa il suo dovere». Poi parla degli incentivi alla formazione medica ECM, che potrebbe rientrare nel nuovo bilancio comunitario 2021-2027: «Fondi e incentivi per l’aggiornamento di tutte le professioni sanitarie. Si potrebbero favorire nelle carriere coloro che hanno fatto corsi di formazione: questo permetterebbe di applicare i risultati dell’innovazione e della ricerca» | VIDEO INTERVISTA
Ex specializzandi, De Poli (Udc): «Dopo sentenza Corte d’Appello di Roma approvare subito Ddl: medici vogliono giustizia»
Il tribunale ha riconosciuto a 490 camici bianchi altri 15 milioni di euro e ha riformato la posizione di altri 172 medici tutelati da Consulcesi che avevano perso in primo grado. Il senatore dell’Unione di Centro, primo firmatario di un disegno di legge per un accordo transattivo con il governo: «Circa 560 circa medici che hanno avuto ragione, ma ce ne sono altri 118mila che stanno aspettando»
Ex specializzandi, De Poli (Udc): «Sentenza Corte d’Appello ci dà ragione. Serve accordo transattivo»
Il parlamentare UDC è autore di un ddl in Senato: la soluzione farebbe risparmiare 5 miliardi alle casse dello Stato che potranno essere reinvestiti sulla sanità per migliorare i servizi
Ex specializzandi, la Corte di Appello di Roma riconosce altri 19 milioni di euro e ribalta il primo grado per 172 medici
Consulcesi: «È la conferma che solo non proseguire nell’azione legale è una sconfitta certa». Il 12 aprile nuova azione collettiva sulla scia delle ultime sentenze positive: solo nel 2018 rimborsi per 48 milioni
Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019
La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azione collettiva, il Presidente di Consulcesi Massimo Tortorella: «Altri 1521 medici hanno visto riconosciuto il loro diritto, la nostra battaglia per tutti gli altri proseguirà con ancora più forza in questo 2019: fondamentale proseguire le cause già avviate e intraprendere le nuove»