Diritto 7 Aprile 2014

Ddl specializzandi ’94 – 2006 – ATTO SENATO N.1269

“Sì a impegno trasversale del Parlamento per soluzioni condivise”

Immagine articolo

Dopo la presentazione, avvenuta nei giorni scorsi nella Sala Nassirya del Senato, del Ddl “Atto Senato n.1269” denominato “Estensione dei benefici normativi ai medici specializzandi ammessi alle scuole di specializzazione universitarie negli anni dal 1993 al 2005”, tante sono le voci dei principali protagonisti del mondo medico italiano che si sono alzate in favore di questa iniziativa.

Il motivo di questo plauso risiede nel fatto che questa transazione definitiva, fortemente voluta da Consulcesi – la più grande Associazione italiana di medici – e valida solo per coloro che avranno presentato ricorso, rappresenta un ottimo compromesso tra il rispetto del diritto dei medici che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico per gli anni di specializzazione, e la tutela delle casse dello Stato il quale, senza un provvedimento del genere,  rischia un esborso di alcuni miliardi di euro.

In merito abbiamo sentito Roberto Lala, presidente del più grande Ordine dei Medici d’Europa: l’OMCeO di Roma. “La presentazione di questo Ddl è un segnale importante che aspettavamo da tempo, perché risolve una questione molto semplice da capire: lo Stato italiano – spiega Lala – non ha rispettato le indicazioni provenienti dalla Comunità Europea ed ora c’è bisogno di una sanatoria. È un provvedimento giusto che serve sia ai medici danneggiati che allo Stato: chi deve essere rimborsato riceverà quanto dovuto senza passare per il calvario giudiziario, che implica tempo e costi non indifferenti. Lo stesso vale per lo Stato, che in seguito all’approvazione di questo Disegno di legge spenderà meno di quanto rischia di dover fare perché crollano le spese di gestione dell’iter dei ricorsi. Se la politica riesce a risparmiare i costi legati a questa vicenda fa un favore a sé, agli italiani e a tutti quei medici che hanno diritto ad un rimborso per gli anni di scuola post-laurea”.

L’Atto Senato n.1269 è frutto di un interesse trasversale per la questione. E proprio la presenza di proposte che arrivano anche dalla maggioranza di governo fa forse intravedere una luce in fondo al tunnel.  “La trasversalità – concorda il presidente dell’Ordine di Roma – è fondamentale. Portare avanti una proposta da soli, anche se con forza, non è sufficiente. Se invece si riesce a trovare una sinergia tra parte e controparte si può finalmente trovare una soluzione condivisa che non scontenta nessuno. Anche perché se non troviamo noi un modo per uscire da questa situazione, continueranno a pensarci i tribunali”.

Un punto fondamentale del Ddl presentato è che la transazione proposta varrà soltanto per i camici bianchi che presenteranno ricorso. È dunque di primaria importanza per gli interessati continuare a ricorrere anche perché è un diritto sancito dall’Unione Europea. “Su questo – spiega Lala – non c’è alcun dubbio: chi ha frequentato una scuola di specializzazione in quel periodo e in quelle condizioni – e deve dunque essere rimborsato – ha tutto il diritto di chiedere il risarcimento dovuto e, anzi, deve assolutamente farlo”.

Per informazioni l’Associazione Consulcesi mette a disposizione il numero verde 800 122 777 e il sito www.consulcesi.it.

Articoli correlati
Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»
Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i professori e i principali esperti tra cui Sergio Di Amato, già presidente della terza sezione civile della Corte di Cassazione e attuale presidente della Commissione Tributaria Provinciale di Roma
Sassoli e Castaldo ai vertici del Parlamento Ue, medici ex specializzandi e Formazione ECM al centro della loro agenda
A Strasburgo l’esponente Pd è stato eletto presidente prendendo il posto di un altro italiano, Antonio Tajani. Confermato vicepresidente l’eurodeputato M5S. Giusta remunerazione dei medici ex specializzandi e incentivi alla formazione, tante idee per la sanità: aumentano le chance per il riconoscimento dei diritti di medici e operatori sanitari
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
David Sassoli è il nuovo presidente del Parlamento europeo. Ecco cosa ha proposto per la sanità in campagna elettorale
Incentivare la formazione, risolvere i contenziosi tramite mediazione e affrontare la questione degli ex specializzandi. GUARDA L'INTERVISTA
Ex specializzandi, Foad Aodi(Amsi): «Resa giustizia a tanti medici che lottano per i loro diritti»
«Perché i medici – spiega il presidente dell’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), Foad Aodi - tante volte ultimamente vedono i loro diritti e anche la loro professione a rischio, tra aggressioni e denunce»
Medicina Generale, Sabatini (FIMMG): «Borse dimezzate rispetto a specializzandi. Serve equiparare»
In concomitanza con la sentenza di appello che conferma il diritto degli ex specializzandi alla giusta remunerazione, i medici di famiglia lamentano un borsa di formazione dimezzata rispetto ai colleghi specialisti
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...