Diritto 7 Aprile 2014

Ddl specializzandi ’94 – 2006 – ATTO SENATO N.1269

“Sì a impegno trasversale del Parlamento per soluzioni condivise”

Immagine articolo

Dopo la presentazione, avvenuta nei giorni scorsi nella Sala Nassirya del Senato, del Ddl “Atto Senato n.1269” denominato “Estensione dei benefici normativi ai medici specializzandi ammessi alle scuole di specializzazione universitarie negli anni dal 1993 al 2005”, tante sono le voci dei principali protagonisti del mondo medico italiano che si sono alzate in favore di questa iniziativa.

Il motivo di questo plauso risiede nel fatto che questa transazione definitiva, fortemente voluta da Consulcesi – la più grande Associazione italiana di medici – e valida solo per coloro che avranno presentato ricorso, rappresenta un ottimo compromesso tra il rispetto del diritto dei medici che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico per gli anni di specializzazione, e la tutela delle casse dello Stato il quale, senza un provvedimento del genere,  rischia un esborso di alcuni miliardi di euro.

In merito abbiamo sentito Roberto Lala, presidente del più grande Ordine dei Medici d’Europa: l’OMCeO di Roma. “La presentazione di questo Ddl è un segnale importante che aspettavamo da tempo, perché risolve una questione molto semplice da capire: lo Stato italiano – spiega Lala – non ha rispettato le indicazioni provenienti dalla Comunità Europea ed ora c’è bisogno di una sanatoria. È un provvedimento giusto che serve sia ai medici danneggiati che allo Stato: chi deve essere rimborsato riceverà quanto dovuto senza passare per il calvario giudiziario, che implica tempo e costi non indifferenti. Lo stesso vale per lo Stato, che in seguito all’approvazione di questo Disegno di legge spenderà meno di quanto rischia di dover fare perché crollano le spese di gestione dell’iter dei ricorsi. Se la politica riesce a risparmiare i costi legati a questa vicenda fa un favore a sé, agli italiani e a tutti quei medici che hanno diritto ad un rimborso per gli anni di scuola post-laurea”.

L’Atto Senato n.1269 è frutto di un interesse trasversale per la questione. E proprio la presenza di proposte che arrivano anche dalla maggioranza di governo fa forse intravedere una luce in fondo al tunnel.  “La trasversalità – concorda il presidente dell’Ordine di Roma – è fondamentale. Portare avanti una proposta da soli, anche se con forza, non è sufficiente. Se invece si riesce a trovare una sinergia tra parte e controparte si può finalmente trovare una soluzione condivisa che non scontenta nessuno. Anche perché se non troviamo noi un modo per uscire da questa situazione, continueranno a pensarci i tribunali”.

Un punto fondamentale del Ddl presentato è che la transazione proposta varrà soltanto per i camici bianchi che presenteranno ricorso. È dunque di primaria importanza per gli interessati continuare a ricorrere anche perché è un diritto sancito dall’Unione Europea. “Su questo – spiega Lala – non c’è alcun dubbio: chi ha frequentato una scuola di specializzazione in quel periodo e in quelle condizioni – e deve dunque essere rimborsato – ha tutto il diritto di chiedere il risarcimento dovuto e, anzi, deve assolutamente farlo”.

Per informazioni l’Associazione Consulcesi mette a disposizione il numero verde 800 122 777 e il sito www.consulcesi.it.

Articoli correlati
Il presidente del Parlamento Ue Antonio Tajani: «Formazione obbligatoria ECM, l’Europa vigila e premia solo chi si aggiorna»
ESCLUSIVA | Il Presidente dell’Europarlamento, in visita a Roma al Gruppo Consulcesi, si è schierato al fianco dei medici che attendono la remunerazione della specializzazione: «Lo Stato deve sempre dare il buon esempio. Non può pretendere che i cittadini paghino le tasse e poi quando lui dev’essere pagatore non fa il suo dovere». Poi parla degli incentivi alla formazione medica ECM, che potrebbe rientrare nel nuovo bilancio comunitario 2021-2027: «Fondi e incentivi per l’aggiornamento di tutte le professioni sanitarie. Si potrebbero favorire nelle carriere coloro che hanno fatto corsi di formazione: questo permetterebbe di applicare i risultati dell’innovazione e della ricerca» | VIDEO INTERVISTA
Ex specializzandi, De Poli (Udc): «Dopo sentenza Corte d’Appello di Roma approvare subito Ddl: medici vogliono giustizia»
Il tribunale ha riconosciuto a 490 camici bianchi altri 15 milioni di euro e ha riformato la posizione di altri 172 medici tutelati da Consulcesi che avevano perso in primo grado. Il senatore dell’Unione di Centro, primo firmatario di un disegno di legge per un accordo transattivo con il governo: «Circa 560 circa medici che hanno avuto ragione, ma ce ne sono altri 118mila che stanno aspettando»
Ex specializzandi, De Poli (Udc): «Sentenza Corte d’Appello ci dà ragione. Serve accordo transattivo»
Il parlamentare UDC è autore di un ddl in Senato: la soluzione farebbe risparmiare 5 miliardi alle casse dello Stato che potranno essere reinvestiti sulla sanità per migliorare i servizi
Ex specializzandi, la Corte di Appello di Roma riconosce altri 19 milioni di euro e ribalta il primo grado per 172 medici
Consulcesi: «È la conferma che solo non proseguire nell’azione legale è una sconfitta certa». Il 12 aprile nuova azione collettiva sulla scia delle ultime sentenze positive: solo nel 2018 rimborsi per 48 milioni
Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019
La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azione collettiva, il Presidente di Consulcesi Massimo Tortorella: «Altri 1521 medici hanno visto riconosciuto il loro diritto, la nostra battaglia per tutti gli altri proseguirà con ancora più forza in questo 2019: fondamentale proseguire le cause già avviate e intraprendere le nuove»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Equivalenza titoli, TAR Lazio accoglie ricorso ANEP. L’avvocato Croce (Consulcesi & Partners): «Risultato apre strada anche alle altre figure»

Questo provvedimento impone l’avvio di iniziative dirette a far sì che si proceda all’individuazione dei criteri e delle modalità per il riconoscimento dell’equivalenza dei titoli conseguiti c...
Lavoro

Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)

Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
Salute

Ecco la verità sugli integratori: business o vera salute? Facciamo chiarezza con Alessandro Mugelli (Presidente Società Italiana Farmacologia)

Cosa c’è dietro al boom inarrestabile e miliardario degli integratori alimentari? «Con uno stile di vita corretto ed un’alimentazione varia e completa non c’è nessun motivo di usare integrato...