Diritto 7 aprile 2014

Ddl specializzandi ’94 – 2006 – ATTO SENATO N.1269

“Sì a impegno trasversale del Parlamento per soluzioni condivise”

Immagine articolo

Dopo la presentazione, avvenuta nei giorni scorsi nella Sala Nassirya del Senato, del Ddl “Atto Senato n.1269” denominato “Estensione dei benefici normativi ai medici specializzandi ammessi alle scuole di specializzazione universitarie negli anni dal 1993 al 2005”, tante sono le voci dei principali protagonisti del mondo medico italiano che si sono alzate in favore di questa iniziativa.

Il motivo di questo plauso risiede nel fatto che questa transazione definitiva, fortemente voluta da Consulcesi – la più grande Associazione italiana di medici – e valida solo per coloro che avranno presentato ricorso, rappresenta un ottimo compromesso tra il rispetto del diritto dei medici che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico per gli anni di specializzazione, e la tutela delle casse dello Stato il quale, senza un provvedimento del genere,  rischia un esborso di alcuni miliardi di euro.

In merito abbiamo sentito Roberto Lala, presidente del più grande Ordine dei Medici d’Europa: l’OMCeO di Roma. “La presentazione di questo Ddl è un segnale importante che aspettavamo da tempo, perché risolve una questione molto semplice da capire: lo Stato italiano – spiega Lala – non ha rispettato le indicazioni provenienti dalla Comunità Europea ed ora c’è bisogno di una sanatoria. È un provvedimento giusto che serve sia ai medici danneggiati che allo Stato: chi deve essere rimborsato riceverà quanto dovuto senza passare per il calvario giudiziario, che implica tempo e costi non indifferenti. Lo stesso vale per lo Stato, che in seguito all’approvazione di questo Disegno di legge spenderà meno di quanto rischia di dover fare perché crollano le spese di gestione dell’iter dei ricorsi. Se la politica riesce a risparmiare i costi legati a questa vicenda fa un favore a sé, agli italiani e a tutti quei medici che hanno diritto ad un rimborso per gli anni di scuola post-laurea”.

L’Atto Senato n.1269 è frutto di un interesse trasversale per la questione. E proprio la presenza di proposte che arrivano anche dalla maggioranza di governo fa forse intravedere una luce in fondo al tunnel.  “La trasversalità – concorda il presidente dell’Ordine di Roma – è fondamentale. Portare avanti una proposta da soli, anche se con forza, non è sufficiente. Se invece si riesce a trovare una sinergia tra parte e controparte si può finalmente trovare una soluzione condivisa che non scontenta nessuno. Anche perché se non troviamo noi un modo per uscire da questa situazione, continueranno a pensarci i tribunali”.

Un punto fondamentale del Ddl presentato è che la transazione proposta varrà soltanto per i camici bianchi che presenteranno ricorso. È dunque di primaria importanza per gli interessati continuare a ricorrere anche perché è un diritto sancito dall’Unione Europea. “Su questo – spiega Lala – non c’è alcun dubbio: chi ha frequentato una scuola di specializzazione in quel periodo e in quelle condizioni – e deve dunque essere rimborsato – ha tutto il diritto di chiedere il risarcimento dovuto e, anzi, deve assolutamente farlo”.

Per informazioni l’Associazione Consulcesi mette a disposizione il numero verde 800 122 777 e il sito www.consulcesi.it.

Articoli correlati
Ex specializzandi, Giovanni Leoni (FNOMCeO): «La nostra è la generazione dei diritti negati»
«Oggi sono qui in rappresentanza dei 400 mila medici italiani in attività e per me questa responsabilità viene prima di ogni cosa» così Giovanni Leoni, Vicepresidente della Federazione in occasione del convegno organizzato da Sanità Informazione
Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi
C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’erario più di 16 miliardi. Il senatore Antonio De Poli: «Pronto disegno di legge per un accordo che farà risparmiare 5 miliardi»
Diritti dei medici e novità legislative: istituzioni a confronto in Senato
Il 18 settembre Sanità Informazione organizza un confronto con i principali esponenti del mondo politico e sanitario sui principali problemi dei camici bianchi alla luce delle ultime novità giuridiche e delle più recenti sentenze che interessano il settore. Coinvolti giuristi, membri del Governo ed esponenti di tutti gli schieramenti parlamentari
Ex specializzandi, a Firenze rimborsi per 15 milioni. L’avvocato Tortorella: «L’evoluzione giurisprudenziale prosegue, cause più veloci»
«Com’è giusto pagare le tasse, così è giusto che lo Stato rispetti i diritti» la voce dei medici rimborsati dopo anni di formazione specialistica non riconosciuta economicamente
Medici in corsia senza essere pagati, lo Stato li risarcisce con oltre 15 milioni di euro
Marco Tortorella, avvocato specialista del contenzioso tra lo Stato e gli ex specializzandi: «Come confermato dal recente e autorevole parere pro veritate il termine di prescrizione non è decorso, noi continuiamo nel nostro lavoro a tutela dei medici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...