Lavoro 26 Aprile 2022 12:58

La denuncia di Quici (Cimo-Fesmed): «L’84% dei medici che entrano nel SSN non ha nessuna aspettativa di carriera»

Turni che superano le 48 ore, 11mila strutture complesse e semplici tagliate, un taglio del salario accessorio del 20% rispetto al 5% della riduzione del numero dei medici e poi ancora le aggressioni e il contenzioso. Il presidente CIMO spiega cosa affrontano i medici

Pensate iniziare a fare il lavoro che avete sempre sognato, sapendo che le possibilità di carriera sono ridotte all’osso e che lo sarà altrettanto quel famoso work-life balance che gli psicologi raccomandano. Eppure è il destino che tocca ai giovani medici in questo momento e a metterlo nero su bianco è stato il dossier Medici senza futuro, un futuro senza medici, redatto dalla Federazione CIMO-FESMED.

Lo ha raccontato ai microfoni di Sanità Informazione il presidente Guido Quici, incontrato in occasione della Conferenza nazionale sulla “Questione medica” a Roma. «Abbiamo fatto una sorta di puzzle nel cercare di analizzare a 360 gradi le condizioni di lavoro – spiega Quici -.  Dalle ferie non godute che caratterizzano una percentuale elevatissima di medici, all’orario di lavoro che supera abbondantemente le 48 ore, al di là della normativa europea. Al fatto che sono state tagliate 11mila strutture complesse e semplici, un taglio del salario accessorio del 20% rispetto al 5% della riduzione del numero dei medici e poi ancora le aggressioni e il contenzioso, le denunce quotidiane che subiscono i medici».

Niente ferie, troppo lavoro e carriera inesistente. Sono questi i nostri medici?

Per un medico è la normalità essere in turno per oltre 50 ore a settimana, arrivare anche a 7-8 notti al mese e non andare in ferie. Ogni anno molti di loro affrontano tra le 2.500 aggressioni e i 35mila contenziosi, come aggiunta a una professione già logorante. C’è poi, lo dice chiaro il dossier, un continuo cambio di mansioni (il “task shifting”) che non favorisce la carriera, accompagnato dalla creazione di nuove figure gestionali a scapito dei medici stessi. Senza dimenticare uno dei tasti più dolenti: gli stipendi, che sono tra i più bassi d’Europa e sottoposti a tagli continui. Con l’aggiunta del 98% delle Aziende che applica ancora il CCNL 2006-2009.

«L’84% dei medici che entrano nel SSN – prosegue Quici – non ha nessuna aspettativa di carriera e, non avendone, si troveranno a essere demotivati. Perché un medico giovane che entra in PS e rischia di trascorrervi tutta la sua vita lavorativa, notti, festivi e sacrificando la famiglia per nessuna prospettiva di carriera ovviamente si scoraggia e va via. C’è una grande fuga dagli ospedali, ma sono gli stessi giovani che provando a lavorare in condizioni ingestibili chiedono di andare via e trovare un lavoro più tranquillo e sereno. A monte di tutto questo ci sono 1.100 borse di studio andate deserte. In alcuni settori, come la medicina d’urgenza, i colleghi non vogliono proprio lavorare».

E come biasimarli se si trovano di fronte situazioni ingestibili di difficoltà e fatica continue, per di più aggravare dai cosiddetti “sogni spezzati”. Quella carriera folgorante che si sa già che non si potrà avere. Non più «sono un medico», ma «faccio il medico». Un lieve mutamento di lessico, in cui si legge tutta la frustrazione dei giovani – e non solo – che perdono la vocazione ancora prima di goderne i frutti.

La richiesta di Speranza agli specializzandi

Ora proprio a quei giovani si rivolge il ministro della Salute Roberto Speranza. Nel suo discorso alla classe dirigente medica, il ministro ha ribadito che nei prossimi anni gli specializzandi avranno un ruolo chiave per supplire alle carenze. Prima che l’aumento di borse di specializzazione degli ultimi due anni (e questo sarebbe il terzo) dia i suoi frutti.

«Questa è l’unica soluzione in questo momento: lo specializzando nell’ultimo anno potrebbe completare il ciclo formativo all’interno delle strutture ospedaliere, dove la parte pratica è molto più importante – concorda Quici, ma puntualizza -. Se poi gli ospedali diventassero strutture di riferimento anche ai fini formativi, allora si chiuderebbe il cerchio e le cose andrebbero meglio. Io tra 7 o 8 anni mi aspetto una pletora di medici specialisti, quindi avremmo esattamente l’opposto di ora ma poiché c’è stata una grave carenza, conviene definire nuovamente le dotazioni organiche. Una volta si parlava di carichi di lavoro, poi di dotazione organica, poi di fabbisogno standard e sempre di più diluendo la possibilità di individuare quanti medici ci vogliono in quel tipo di reparto o di sala operatoria. Almeno dobbiamo sapere chi e cosa ci vuole per garantire uno standard assistenziale minimo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Perché andare nelle Case della Comunità, se lo studio medico è sotto casa? Risponde Pina Onotri (SMI)
Il Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani, in un’intervista a Sanità Informazione ripercorre le principali criticità del PNNR. Le proposte: «Modificare la legge 502/92 e studiare un meccanismo flessibile di equivalenza scelta/ore, che permetta ai medici con un carico assistenziale inferiore al massimale di coprire un debito orario nelle case di comunità, retribuiti a quota oraria o capitaria»
Medici e infermieri: patto su assistenza. Anelli (Fnomceo): «Regioni in ritardo sui fabbisogni»
Riuniti i due Comitati Centrali Fnomceo-Fnopi: «Da noi le indicazioni per la qualità e l’efficienza dei servizi. Ai cittadini vanno garantite le competenze delle due professioni». Anelli: «DM 71 ha sottostimato fabbisogno infermieri nelle case di comunità e non ha risolto il problema della carenza dei MMG»
Pediatri, medici del 118, guardie mediche: la carenza di camici bianchi investe il Molise
Nella regione si registra una grave carenza di pediatri ospedalieri e il Punto nascite di Isernia rischia di chiudere. Crudele (OMCeO Isernia): «Non bisogna fare avvisi per sei mesi a tempo determinato, ma concorsi che diano una stabilità». De Gregorio (OMCeO Campobasso): «La coperta è corta, abbiamo troppe sedi di guardia medica»
di Francesco Torre
Nei pronto soccorso piemontesi mancano 300 medici dei 640 previsti
La Simeu Regionale piemontese per quanto di propria competenza sui Pronto Soccorso precisa che si è conclusa da poco una ricognizione volta all’analisi della situazione dell’organico medico nei Pronto Soccorso della Regione
Medici contro l’ipotesi di usare gli infermieri come «supplenti» degli mmg
La Fnomceo e la Cimo-Fesmed rispondono all'assessore della Lombardia Letizia Moratti, secondo la quale gli infermieri potrebbe sostituire e contribuire alla carenza di medici di famiglia
di Redazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali