Lavoro 22 Ottobre 2021 11:32

Decreto fiscale e sicurezza nei luoghi di lavoro, FNO TSRM e PSTRP: «Investire su prevenzione, non su sanzioni»

Il decreto fisco-lavoro è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale. La FNO TSRM e PSTRP e la Commissione di albo nazionale del Tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro «esprimono sconcerto per le modifiche introdotte, auspicandone una pronta modifica»

Decreto fiscale e sicurezza nei luoghi di lavoro, FNO TSRM e PSTRP: «Investire su prevenzione, non su sanzioni»

Approvato dal Consiglio dei ministri venerdì scorso, il decreto fisco-lavoro, collegato alla Legge di Bilancio 2022, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Entra in vigore oggi 22 ottobre e sarà presentato alle Camere per la conversione in legge.

Sicurezza sul lavoro, sanzioni alle aziende e stretta sui lavoratori in nero

Il decreto introduce alcune misure in materia di sicurezza sul lavoro. Nell’art. 13 del DL Fiscale sono rafforzate le sanzioni già previste dal testo unico su salute e sicurezza. Le norme approvate consentiranno di intervenire con maggiore efficacia sulle imprese che non rispettano le misure di prevenzione o che utilizzano lavoratori in nero.

In caso di gravi violazioni delle norme di sicurezza o se il 10% dei lavoratori presente sul luogo di lavoro risulta occupato in nero, l’Inail potrà sospendere l’attività. «Non è più richiesta alcuna “recidiva” ai fini della adozione del provvedimento che scatterà subito a fronte di gravi violazioni prevenzionistiche» si legge nella nota del Governo.

La nuova disciplina prevede anche l’impossibilità, per l’impresa destinataria del provvedimento, di contrattare con la pubblica amministrazione per tutto il periodo di sospensione. Per poter riprendere l’attività produttiva è necessario non soltanto il ripristino delle regolari condizioni di lavoro «ma anche il pagamento di una somma aggiuntiva di importo variabile a seconda delle fattispecie di violazione». L’importo è raddoppiato se, nei cinque anni precedenti, la stessa impresa ha già avuto un provvedimento di sospensione.

Decreto fiscale, la Federazione nazionale TSRM e PSTRP esprime «sconcerto»

La Federazione nazionale TSRM e PSTRP e la Commissione di albo nazionale del Tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro, a cui afferiscono circa 11.000 professionisti della prevenzione, esprimono «sconcerto per le modifiche introdotte, auspicandone una pronta modifica».

«Le disposizioni previste nell’art. 13 del DL Fiscale – spiega la Federazione – rappresentano infatti un salto indietro di decenni rispetto ai risultati che dal 1978, con l’istituzione del SSN e l’impegno nella Prevenzione, sono stati raggiunti in merito alla riduzione degli infortuni, anche mortali, sul lavoro. Di contro, se da un lato i dati statistici ufficiali attestano in modo inequivocabile una costante diminuzione di questa tipologia di infortuni, dall’altro va considerato come gli stessi rappresentino ancora una situazione emergenziale e drammatica, che esige riforme efficaci ed efficienti a salvaguardia della salute dei cittadini lavoratori».

«Investire nell’educazione e nella prevenzione piuttosto che nella pena»

Le modifiche apportate dal Decreto in tema di sicurezza «appaiono incomprensibili – prosegue – anche per la mancanza dei necessari riferimenti alle varie competenze che sono essenziali per il corretto funzionamento del sistema». Il Decreto, secondo la Federazione, «sembra porsi come obiettivo principale la revisione del sistema sanzionatorio, la cui efficacia si è rivelata negli anni quasi nulla, anziché investire in azioni atte a favorire la prevenzione primaria, senza tener conto di tutte le evidenze tecnologiche e scientifiche che in questi anni si sono sviluppate nel mondo del lavoro e della prevenzione. Uno Stato moderno ed una Società civile devono investire nell’educazione e nella prevenzione piuttosto che nella pena».

«Nel 2021 già 772 morti sul lavoro»

«Negli ultimi 14 anni – continua la nota della Federazione dei tecnici sanitari – abbiamo avuto 15 mila morti sul lavoro e 10 milioni di infortuni, con una media di 700 mila infortuni l’anno. Quest’anno, nei primi 8 mesi, siamo già a 772 morti. La gravità di questi dati richiede interventi urgenti ed organici che non possono prescindere dall’indispensabile coinvolgimento di tutte le parti coinvolte e preposte a garantire la salute e sicurezza nel mondo del lavoro».

La Federazione auspica «che in fase di conversione si proceda con una sostanziale modifica dell’art. 13 del DL Fiscale, rendendoci immediatamente disponibili ad un costruttivo confronto con tutte le parti istituzionali, politiche e professionali coinvolte e interessate ad avviare un reale processo di riforma che persegua in modo efficace e concreto la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori» conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Con Health Masterchef School la prevenzione inizia a tavola
Dodici istituti alberghieri si sono misurati nella ideazione di quattro ricette sane e gustose realizzate dallo chef stellato Danilo Di Vuoto nell’ambito di una iniziativa promossa da Ail, Cittadinanza Attiva e ANDeA per insegnare sin da piccoli a prevenire alcune malattie della pelle con una cucina equilibrata
di Federica Bosco
Ecm, sanzioni e via l’Iva sui corsi
di Roberto Carlo Rossi Presidente Omceo Milano
di Roberto Carlo Rossi Presidente Omceo Milano
Obbligo vaccinale, fabbisogni e formazione e Costituzione etica, FNOPI e FNO TSRM e PSTRP si incontrano
Gli esiti dell’incontro tra i vertici delle due federazioni che assieme rappresentano circa 700mila professionisti della salute
Entro il 2050 il 75% della popolazione mondiale si trasferirà nei centri urbani. Ma in città ci si ammala di più
Lenzi (Health City Institute): «Riscrivere medicina, clinica e patologia mediche pensando alla città come luogo principale di residenza. Prevenzione cardiovascolare fondamentale per ridurre del 25% la mortalità prematura per malattie non trasmissibili, come raccomandato dall’Italian Urban Health Declaration ai Governi dei Paesi del G20»
di Isabella Faggiano
A scuola in sicurezza: distanziamento, mascherine e test salivari. Ma cosa fare se c’è un positivo?
Le indicazioni di ISS e Governo per il rientro a scuola e il corretto svolgimento della didattica in presenza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 novembre, sono 262.221.568 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.208.466 i decessi. Ad oggi, oltre 7,95 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano