Lavoro 22 Ottobre 2021 11:32

Decreto fiscale e sicurezza nei luoghi di lavoro, FNO TSRM e PSTRP: «Investire su prevenzione, non su sanzioni»

Il decreto fisco-lavoro è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale. La FNO TSRM e PSTRP e la Commissione di albo nazionale del Tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro «esprimono sconcerto per le modifiche introdotte, auspicandone una pronta modifica»

Decreto fiscale e sicurezza nei luoghi di lavoro, FNO TSRM e PSTRP: «Investire su prevenzione, non su sanzioni»

Approvato dal Consiglio dei ministri venerdì scorso, il decreto fisco-lavoro, collegato alla Legge di Bilancio 2022, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Entra in vigore oggi 22 ottobre e sarà presentato alle Camere per la conversione in legge.

Sicurezza sul lavoro, sanzioni alle aziende e stretta sui lavoratori in nero

Il decreto introduce alcune misure in materia di sicurezza sul lavoro. Nell’art. 13 del DL Fiscale sono rafforzate le sanzioni già previste dal testo unico su salute e sicurezza. Le norme approvate consentiranno di intervenire con maggiore efficacia sulle imprese che non rispettano le misure di prevenzione o che utilizzano lavoratori in nero.

In caso di gravi violazioni delle norme di sicurezza o se il 10% dei lavoratori presente sul luogo di lavoro risulta occupato in nero, l’Inail potrà sospendere l’attività. «Non è più richiesta alcuna “recidiva” ai fini della adozione del provvedimento che scatterà subito a fronte di gravi violazioni prevenzionistiche» si legge nella nota del Governo.

La nuova disciplina prevede anche l’impossibilità, per l’impresa destinataria del provvedimento, di contrattare con la pubblica amministrazione per tutto il periodo di sospensione. Per poter riprendere l’attività produttiva è necessario non soltanto il ripristino delle regolari condizioni di lavoro «ma anche il pagamento di una somma aggiuntiva di importo variabile a seconda delle fattispecie di violazione». L’importo è raddoppiato se, nei cinque anni precedenti, la stessa impresa ha già avuto un provvedimento di sospensione.

Decreto fiscale, la Federazione nazionale TSRM e PSTRP esprime «sconcerto»

La Federazione nazionale TSRM e PSTRP e la Commissione di albo nazionale del Tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro, a cui afferiscono circa 11.000 professionisti della prevenzione, esprimono «sconcerto per le modifiche introdotte, auspicandone una pronta modifica».

«Le disposizioni previste nell’art. 13 del DL Fiscale – spiega la Federazione – rappresentano infatti un salto indietro di decenni rispetto ai risultati che dal 1978, con l’istituzione del SSN e l’impegno nella Prevenzione, sono stati raggiunti in merito alla riduzione degli infortuni, anche mortali, sul lavoro. Di contro, se da un lato i dati statistici ufficiali attestano in modo inequivocabile una costante diminuzione di questa tipologia di infortuni, dall’altro va considerato come gli stessi rappresentino ancora una situazione emergenziale e drammatica, che esige riforme efficaci ed efficienti a salvaguardia della salute dei cittadini lavoratori».

«Investire nell’educazione e nella prevenzione piuttosto che nella pena»

Le modifiche apportate dal Decreto in tema di sicurezza «appaiono incomprensibili – prosegue – anche per la mancanza dei necessari riferimenti alle varie competenze che sono essenziali per il corretto funzionamento del sistema». Il Decreto, secondo la Federazione, «sembra porsi come obiettivo principale la revisione del sistema sanzionatorio, la cui efficacia si è rivelata negli anni quasi nulla, anziché investire in azioni atte a favorire la prevenzione primaria, senza tener conto di tutte le evidenze tecnologiche e scientifiche che in questi anni si sono sviluppate nel mondo del lavoro e della prevenzione. Uno Stato moderno ed una Società civile devono investire nell’educazione e nella prevenzione piuttosto che nella pena».

«Nel 2021 già 772 morti sul lavoro»

«Negli ultimi 14 anni – continua la nota della Federazione dei tecnici sanitari – abbiamo avuto 15 mila morti sul lavoro e 10 milioni di infortuni, con una media di 700 mila infortuni l’anno. Quest’anno, nei primi 8 mesi, siamo già a 772 morti. La gravità di questi dati richiede interventi urgenti ed organici che non possono prescindere dall’indispensabile coinvolgimento di tutte le parti coinvolte e preposte a garantire la salute e sicurezza nel mondo del lavoro».

La Federazione auspica «che in fase di conversione si proceda con una sostanziale modifica dell’art. 13 del DL Fiscale, rendendoci immediatamente disponibili ad un costruttivo confronto con tutte le parti istituzionali, politiche e professionali coinvolte e interessate ad avviare un reale processo di riforma che persegua in modo efficace e concreto la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori» conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Liste d’attesa: SSN investe sugli ambulatori specialistici accreditati per snellirle
Marino (Unindustria Lazio): «L’accordo tra Ministero della Salute e Regioni è quasi concluso. Presto i cittadini avranno un accesso più rapido alle prestazioni. Ora, il Governo offra un ruolo attivo agli ambulatori specialistici privati-accreditati nella realizzazione del PNRR»
Nasce tavolo permanente FNO TSRM e PSTRP-FNOMCeO, Anelli: «Confronto progettuale tra Federazioni»
Un luogo di confronto, un percorso condiviso per garantire e tutelare la salute pubblica, gli assistiti e i professionisti sanitari
Giornata mondiale sicurezza e salute sul lavoro: ANMIL propone testimonial in aziende e scuole
L’obiettivo dell’ANMIL (Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati ed Invalidi del Lavoro) è accendere i riflettori sulla piaga sociale della mancanza di prevenzione nei luoghi di lavoro e delle malattie professionali
Aprile mese della prevenzione dell’ictus, SIN e ISA: «Come riconoscere precocemente i fattori di rischio»
Ci sono fattori di rischio modificabili - legati allo stile di vita - e non modificabili per condizioni patologiche
“Nei…nostri pensieri”, la prevenzione dei melanomi arriva al cuore delle periferie
La campagna organizzata dall’Associazione Terra e Vita sarà «la prima di una lunga serie, per non lasciare indietro nessuno e sensibilizzare le istituzioni sui bisogni di salute delle fasce deboli»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 19 maggio, sono 525.383.960 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.283.599 i decessi. Ad oggi, oltre 11,42 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...