Lavoro 22 Aprile 2014

Ddl specializzandi ’94-2006 – ATTO SENATO N.1269

“Una trasversalità che spinge il Governo a tutelare medici e casse dello Stato”

Immagine articolo

Un consenso bipartisan per il Ddl “Atto Senato n.1269”, presentato nei giorni scorsi nella Sala Nassirya di Palazzo Madama, denominato “Estensione dei benefici normativi ai medici specializzandi ammessi alle scuole di specializzazione universitarie negli anni dal 1993 al 2005”.

La proposta di transazione definitiva, contenuta nel Ddl e seguita nel suo iter istituzionale dall’Associazione Consulcesi , rappresenta il giusto compromesso tra il rispetto del diritto dei medici ad ottenere l’equa retribuzione per gli anni di specializzazione e la tutela delle casse dello Stato che, altrimenti, rischierebbe un esborso di alcuni miliardi euro. Sul tema, Sanità Informazione questa settimana ha raccolto l’opinione del senatore Carlo Lucherini (PD) che esprime il suo plauso all’iniziativa, ribadendo la necessità di un impegno istituzionale coeso, al di là di qualsiasi colore politico.

L’Atto Senato n.1269 è una passo importante nell’impegno istituzionale a favore dei medici specializzandi.
Sì, speriamo sia la volta buona che nell’attuale legislatura si riesca ad approvare questo provvedimento. Per quanto mi riguarda stiamo elaborando un testo da presentare come Partito Democratico: l’obiettivo è farlo firmare a più colleghi possibile, così da lavorare in Commissione su un testo unitario, che possa approdare rapidamente in Aula ed essere approvato.

L’importanza di un appoggio trasversale a questo documento è stata testimoniata da più parti. E’ urgente che le istituzioni prendano atto per evitare un esborso stimato in 5–6 miliardi di euro.
Sì, la trasversalità e l’unitarietà sono assolutamente dovute: si tratta di un provvedimento che riguarda, naturalmente, medici di tutti gli orientamenti, con il quale non solo si sana un debito che lo Stato ha nei loro confronti, ma si coglie anche l’opportunità di evitare che lo Stato spenda molto di più di quello che spenderebbe se si arrivasse ad una transazione, come previsto nella proposta di legge.

Il PD, che lei rappresenta, è la principale forza di governo. E’ opportuno che l’esecutivo  guardi in questa direzione.
Certamente, penso sia doveroso, e credo che il governo lo stia facendo perché, anche in una fase in cui si sta lavorando per tagliare, mi sembra che i servizi sociali e soprattutto la sanità continuino a essere totalmente garantiti. Credo che all’interno del budget per il Ssn possa rientrare anche questo investimento necessario.

In attesa che lo Stato prenda atto e porti a termine l’impegno istituzionale, è quindi giusto per i medici ricorrere per ottenere il proprio diritto.
E’ evidente che ogni singolo medico tutela un proprio diritto, ed è giusto che lo faccia. D’altra parte, essendo oramai i ricorsi numerosissimi, allo Stato converrà chiudere questa vertenza arrivando ad un accordo che gli eviti di sborsare somme eccessive, e d’altra parte permetta agli aventi diritto con ricorsi in atto, di ottenere una somma in tempi più rapidi di quelli garantiti da un tradizionale iter giudiziario che, soprattutto in ambito civile, rischia di diventare lunghissimo.

Per informazioni l’Associazione Consulcesi mette a disposizione il numero verde 800 122 777 e il sito www.consulcesi.it.

Articoli correlati
Il presidente del Parlamento Ue Antonio Tajani: «Formazione obbligatoria ECM, l’Europa vigila e premia solo chi si aggiorna»
ESCLUSIVA | Il Presidente dell’Europarlamento, in visita a Roma al Gruppo Consulcesi, si è schierato al fianco dei medici che attendono la remunerazione della specializzazione: «Lo Stato deve sempre dare il buon esempio. Non può pretendere che i cittadini paghino le tasse e poi quando lui dev’essere pagatore non fa il suo dovere». Poi parla degli incentivi alla formazione medica ECM, che potrebbe rientrare nel nuovo bilancio comunitario 2021-2027: «Fondi e incentivi per l’aggiornamento di tutte le professioni sanitarie. Si potrebbero favorire nelle carriere coloro che hanno fatto corsi di formazione: questo permetterebbe di applicare i risultati dell’innovazione e della ricerca» | VIDEO INTERVISTA
Ex specializzandi, De Poli (Udc): «Dopo sentenza Corte d’Appello di Roma approvare subito Ddl: medici vogliono giustizia»
Il tribunale ha riconosciuto a 490 camici bianchi altri 15 milioni di euro e ha riformato la posizione di altri 172 medici tutelati da Consulcesi che avevano perso in primo grado. Il senatore dell’Unione di Centro, primo firmatario di un disegno di legge per un accordo transattivo con il governo: «Circa 560 circa medici che hanno avuto ragione, ma ce ne sono altri 118mila che stanno aspettando»
Ex specializzandi, De Poli (Udc): «Sentenza Corte d’Appello ci dà ragione. Serve accordo transattivo»
Il parlamentare UDC è autore di un ddl in Senato: la soluzione farebbe risparmiare 5 miliardi alle casse dello Stato che potranno essere reinvestiti sulla sanità per migliorare i servizi
Ex specializzandi, la Corte di Appello di Roma riconosce altri 19 milioni di euro e ribalta il primo grado per 172 medici
Consulcesi: «È la conferma che solo non proseguire nell’azione legale è una sconfitta certa». Il 12 aprile nuova azione collettiva sulla scia delle ultime sentenze positive: solo nel 2018 rimborsi per 48 milioni
Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019
La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azione collettiva, il Presidente di Consulcesi Massimo Tortorella: «Altri 1521 medici hanno visto riconosciuto il loro diritto, la nostra battaglia per tutti gli altri proseguirà con ancora più forza in questo 2019: fondamentale proseguire le cause già avviate e intraprendere le nuove»