Lavoro 22 Aprile 2014

Ddl specializzandi ’94-2006 – ATTO SENATO N.1269

“Una trasversalità che spinge il Governo a tutelare medici e casse dello Stato”

Immagine articolo

Un consenso bipartisan per il Ddl “Atto Senato n.1269”, presentato nei giorni scorsi nella Sala Nassirya di Palazzo Madama, denominato “Estensione dei benefici normativi ai medici specializzandi ammessi alle scuole di specializzazione universitarie negli anni dal 1993 al 2005”.

La proposta di transazione definitiva, contenuta nel Ddl e seguita nel suo iter istituzionale dall’Associazione Consulcesi , rappresenta il giusto compromesso tra il rispetto del diritto dei medici ad ottenere l’equa retribuzione per gli anni di specializzazione e la tutela delle casse dello Stato che, altrimenti, rischierebbe un esborso di alcuni miliardi euro. Sul tema, Sanità Informazione questa settimana ha raccolto l’opinione del senatore Carlo Lucherini (PD) che esprime il suo plauso all’iniziativa, ribadendo la necessità di un impegno istituzionale coeso, al di là di qualsiasi colore politico.

L’Atto Senato n.1269 è una passo importante nell’impegno istituzionale a favore dei medici specializzandi.
Sì, speriamo sia la volta buona che nell’attuale legislatura si riesca ad approvare questo provvedimento. Per quanto mi riguarda stiamo elaborando un testo da presentare come Partito Democratico: l’obiettivo è farlo firmare a più colleghi possibile, così da lavorare in Commissione su un testo unitario, che possa approdare rapidamente in Aula ed essere approvato.

L’importanza di un appoggio trasversale a questo documento è stata testimoniata da più parti. E’ urgente che le istituzioni prendano atto per evitare un esborso stimato in 5–6 miliardi di euro.
Sì, la trasversalità e l’unitarietà sono assolutamente dovute: si tratta di un provvedimento che riguarda, naturalmente, medici di tutti gli orientamenti, con il quale non solo si sana un debito che lo Stato ha nei loro confronti, ma si coglie anche l’opportunità di evitare che lo Stato spenda molto di più di quello che spenderebbe se si arrivasse ad una transazione, come previsto nella proposta di legge.

Il PD, che lei rappresenta, è la principale forza di governo. E’ opportuno che l’esecutivo  guardi in questa direzione.
Certamente, penso sia doveroso, e credo che il governo lo stia facendo perché, anche in una fase in cui si sta lavorando per tagliare, mi sembra che i servizi sociali e soprattutto la sanità continuino a essere totalmente garantiti. Credo che all’interno del budget per il Ssn possa rientrare anche questo investimento necessario.

In attesa che lo Stato prenda atto e porti a termine l’impegno istituzionale, è quindi giusto per i medici ricorrere per ottenere il proprio diritto.
E’ evidente che ogni singolo medico tutela un proprio diritto, ed è giusto che lo faccia. D’altra parte, essendo oramai i ricorsi numerosissimi, allo Stato converrà chiudere questa vertenza arrivando ad un accordo che gli eviti di sborsare somme eccessive, e d’altra parte permetta agli aventi diritto con ricorsi in atto, di ottenere una somma in tempi più rapidi di quelli garantiti da un tradizionale iter giudiziario che, soprattutto in ambito civile, rischia di diventare lunghissimo.

Per informazioni l’Associazione Consulcesi mette a disposizione il numero verde 800 122 777 e il sito www.consulcesi.it.

Articoli correlati
Ex specializzandi, lo Stato paga altri 18 milioni. Il racconto della vicenda dagli inizi ad oggi
Continuano le sentenze in favore dei camici bianchi che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico durante la scuola post-laurea. Online un reportage esclusivo che racconta ciò che è successo in questi anni, dal ritardo con cui lo Stato italiano si è adeguato alle direttive europee agli ultimi Ddl presentati in Senato
Ex specializzandi, raffica di sentenze: Stato condannato a pagare altri 18 milioni
Con le ultime vittorie salgono ad otto le pronunce positive da gennaio nonostante lo stop imposto dal Covid-19. Tortorella (Presidente Consulcesi): «Tribunali e Corti continuano a sanare ingiustizia. Impegno politico bipartisan su Ddl per l’accordo conferma volontà politica di trovare soluzione ma il provvedimento va migliorato»
Ddl ex specializzandi, il senatore Zaffini: «Lo Stato dimostri di essere Stato»
Tra i 28 firmatari dei Disegni di legge che prevedono una soluzione transattiva alla vicenda degli ex specializzandi, il senatore auspica un'approvazione rapida dei testi
Ddl ex specializzandi, indennizzi solo a chi ha fatto ricorso. Consulcesi: «Tutelare il diritto con le azioni legali»
Il sì bipartisan accelera l’iter per l’accordo transattivo. Anche la FNOMCeO appoggia l’iniziativa parlamentare per i medici specialisti 78-2006. La dottrina conferma il diritto con la pubblicazione del professor Sergio Di Amato sulla rivista della “School of law” della Luiss
Ex specializzandi, anche la FNOMCeO appoggia i Ddl per la transazione
Il presidente Anelli: «Invitiamo ad approvare i provvedimenti e a individuare le risorse necessarie per chiudere l’annosa questione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...