Lavoro 30 Giugno 2021 12:34

Dalle Case di Comunità 4.0 all’indagine su italiani e professionisti sanitari, le attività della Fondazione Italia in Salute

La Fondazione presieduta da Federico Gelli sta lavorando all’aggiornamento del manuale sulla legge 24/17 sulla responsabilità professionale. Il terzo “Quaderno” della collana sarà dedicato al tema dell’innovazione digitale in sanità

Dalle Case di Comunità 4.0 all’indagine su italiani e professionisti sanitari, le attività della Fondazione Italia in Salute

Progetti di ricerca, una nuova edizione dei Quaderni, un paper e tanto altro. Con l’avvento della stagione estiva non si interrompono ma anzi si moltiplicano le iniziative della Fondazione Italia in Salute presieduta da Federico Gelli che nei giorni scorsi ha visto riunito il Consiglio di Amministrazione.

Attesa per il secondo paper della Fondazione dedicato alla Casa della Comunità 4.0 che nelle prossime settimane verrà diffuso a tutti gli interlocutori istituzionali che si occupano di sanità nel Paese, un prezioso contributo di idee e proposte che arriva in un momento nevralgico per l’attuazione del PNRR.  «Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza dedica importanti risorse all’implementazione di queste strutture: ne saranno create altre 1.288 entro il 2026 per averne una ogni 20mila abitanti – spiega Gelli a Sanità Informazione -. Nel nostro paper andremo ad esaminare l’importanza che potrà giocare l’innovazione tecnologica nel potenziamento di queste strutture. Una parte di questo ragionamento sarà sviluppata nel terzo “Quaderno” della collana pubblicata dalla Fondazione dedicato al tema dell’innovazione digitale in sanità. L’obiettivo è fornire ai decisori politici delle proposte valide per non sprecare la grande opportunità dei fondi europei».

Altro tema su cui si concentrerà la Fondazione Italia in Salute è quello della responsabilità professionale dei sanitari: nel corso del CdA è stato illustrato lo stato di avanzamento della versione 2021 del Manuale sulla legge 24/17 pubblicato con Giuffré Editore e promosso dalla Fondazione Italia in Salute che sarà aggiornato dopo l’emanazione degli ultimi decreti attuativi (relativi alle assicurazioni) al momento all’esame della Conferenza Stato Regioni. «L’aggiornamento sarà l’occasione per fare il punto sul tema della responsabilità professionale, anche alla luce di importanti novità come lo scudo penale contenuto nel Dl 44 del primo aprile o di sentenze importanti» spiega Gelli.

Infine, altra novità è l’avvio di progetti di ricerca che verranno a concretizzarsi nella seconda metà del 2021: «Voglio sottolineare uno di questi progetti che verterà su una indagine demoscopica sull’atteggiamento degli italiani verso i professioni sanitari e in particolare i medici nel corso di questi mesi di pandemia», conclude Gelli.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ritardo del medico nell’attivazione, il punto della Cassazione
Una sentenza della Cassazione fa il punto sul nesso eziologico tra il ritardo del medico e il danno subito dal paziente
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Legge Gelli: i requisiti minimi di garanzia delle polizze assicurative
Nella bozza del decreto attuativo è previsto il diritto di rivalsa nei confronti del professionista sanitario che non ha regolarmente assolto l’obbligo formativo
L’assicurazione si sfila e quella dell’Azienda è in liquidazione. Medico deve pagare oltre 100mila euro
La storia surreale di un professionista sanitario a cui ogni mese vengono sottratti 730 euro dalla busta paga. «Non sapevo che l’Azienda non avesse copertura assicurativa, mentre la mia ha trovato un cavillo e non ha pagato»
Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo
Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a tutti i medici dipendenti di una struttura sanitaria»
Lo scudo penale potrebbe non ostacolare una valanga di contenziosi alla fine dell’emergenza
La non punibilità per colpa grave degli operatori sanitari potrebbe non essere sufficiente per scongiurare le cause. Balboni (Fdi): «Resta la responsabilità civile, la norma non dice nulla di nuovo». Recchia (Fials): «Ora serve scudo procedimentale o si tornerà alla medicina difensiva»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 2 agosto, sono 198.335.925 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.224.492 i decessi. Ad oggi, oltre 4.11 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva