Lavoro 9 Marzo 2021 10:24

Dad per i figli dei sanitari, medici contrari. Anelli (Fnomceo): «Siamo sconcertati, ripristinare la deroga»

I figli dei professionisti sanitari erano stati esentati dalla didattica a distanza per dar modo ai genitori di non doversi assentare dal lavoro. Il dietrofront del ministero dell’Istruzione causa la protesta di medici e operatori sanitari e comitati di genitori, docenti e studenti

Dad per i figli dei sanitari, medici contrari. Anelli (Fnomceo): «Siamo sconcertati, ripristinare la deroga»

I figli dei professionisti sanitari, fino a poco tempo fa, erano esentati  dalla didattica a distanza anche nelle zone rosse. Lo stabiliva il Piano Scuola 2020-2021, per permettere ai genitori di continuare a svolgere la loro attività, considerata essenziale in periodo di pandemia.

Dad: la deroga per i figli dei professionisti sanitari

La deroga veniva confermata dalla circolare del ministero dell’Istruzione del 4 marzo in base a quanto stabilito dal Dpcm del 2 marzo, firmato dal Presidente del Consiglio Mario Draghi e in vigore dal 6 marzo al 6 aprile. Specificava le modalità della didattica a distanza e le sue deroghe, tra cui quella per i figli del personale sanitario «salvo diversa disposizione delle ordinanze regionali o diverso avviso delle competenti strutture delle Regioni».

Marcia indietro del ministero dell’Istruzione

La nuova circolare del ministero dell’Istruzione del 7 marzo stabiliva «nelle zone rosse (o arancione rafforzato) le attività scolastiche e didattiche delle scuole di ogni ordine e grado si svolgono esclusivamente con modalità a distanza». Alla regola ci sono tre eccezioni: l’uso di laboratori, alunni disabili, studenti con bisogni educativi speciali. Nessun eccezione per i figli dei sanitari. Alcune regioni, come la Lombardia e il Piemonte, hanno già emanato circolari che li escludono esplicitamente dalla possibilità di usufruire della didattica in presenza.

La Fnomceo disapprova. Anelli: «Ripristinare subito la deroga per i figli di medici e odontoiatri»

La decisione ha sollevato malumori da parte di comitati di genitori e docenti, a cui si sono aggiunti medici e operatori sanitari. Ad esprimere l’amarezza della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (Fnomceo) è il Presidente Filippo Anelli: «Siamo sconcertati per il susseguirsi di decisioni contrastanti sulla possibilità per i figli dei medici, degli odontoiatri e dei sanitari in genere di poter frequentare la scuola in presenza – dichiara -. Chiediamo ai decisori di ripristinare subito la deroga per i figli dei medici e degli odontoiatri, siano essi dipendenti, convenzionati, liberi professionisti. È un giusto riconoscimento del ruolo che, tutti in egual misura, ricoprono nella gestione della pandemia. La scuola deve accogliere i figli dei sanitari – conclude Anelli – dando modo ai genitori di continuare a svolgere la loro professione con serenità».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Scudo penale, i giuristi lo bocciano: «Così non avrà effetti». Sileri: «Estenderlo a tutto il periodo Covid»
Zucchelli (Consiglio di Stato): «Serve una procedura filtro all’azione penale». Anelli (FNOMCeO): «Soluzione del governo è minimale»
Enpam, per medici e dentisti via libera a domande per esonero contributi
L'Enpam avvia la procedura online per ricercare medici e odontoiatri potenzialmente beneficiari dell’esonero dei contributi previdenziali
Decreto Covid, la delusione di medici e professionisti sanitari. Anelli (FNOMCeO): «Tutela insufficiente»
Il Ministro Speranza esprime soddisfazione per il DL e ribadisce «l’impegno di tutto il governo a lavorare, in sede di conversione del decreto, ad una protezione legale per il personale sanitario impegnato nell’emergenza»
Elezioni Fnomceo 2021-2024: ecco tutti gli eletti. Anelli confermato Presidente
Le prime elezioni a svolgersi con voto elettronico, in presenza, e telematico, a distanza. Filippo Anelli, il presidente uscente, ha ottenuto l’85% delle preferenze
Consenso informato, Cassazione: «È un atto medico»
Secondo la Corte di Cassazione, l’ottenimento del consenso informato è considerato atto medico. Un’informazione non corretta o carente è responsabilità professionale, con dovere di risarcire un doppio danno: alla salute e all’autodeterminazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...