Lavoro 9 Giugno 2020 10:58

Covid-19, Amato (OMCeO Palermo): «Siano premiati solo i medici che hanno lottato in prima linea»

«No al bonus di crediti ECM a tutta la categoria medica. Serve invece assicurare punteggi maggiori ai giovani che si sono offerti volontari per combattere il virus e che ai concorsi di accesso ai corsi post-laurea rischiano di essere penalizzati». Così il presidente dell’Ordine dei Medici del capoluogo siciliano

Covid-19, Amato (OMCeO Palermo): «Siano premiati solo i medici che hanno lottato in prima linea»

I giovani medici, non ancora specializzati, che si sono offerti volontari per dare il proprio contributo alla lotta contro il Covid-19 potrebbero essere penalizzati nei concorsi per l’accesso alle scuole di specializzazione o ai corsi di formazione in Medicina Generale. È il monito lanciato da Toti Amato, presidente dell’Ordine dei Medici di Palermo, che chiede la previsione di premialità, in termini di punteggio ai concorsi, per i medici che si sono spesi sul campo.

«Questi ragazzi, laureati in Medicina ma al di fuori di qualunque percorso formativo, hanno deciso di offrire le proprie conoscenze e di rischiare anche la vita per aiutare i pazienti con Covid nelle regioni più colpite dall’epidemia – spiega Amato ai nostri microfoni -. Molti di questi sono ancora nel Nord Italia, e non hanno avuto il tempo di studiare e prepararsi come invece hanno potuto fare quei candidati che, legittimamente, questi mesi sono rimasti a casa. Invece di chiamarli eroi, credo sia giusto riconoscere loro una certa premialità, altrimenti si ritroveranno non solo senza alcun riconoscimento reale, ma addirittura penalizzati nelle prospettive future di formazione e carriera».

«Ho scritto una lettera al presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Filippo Anelli chiedendogli di prendersi cura di questi giovani medici, e lo ringrazio per avere fatto un intervento ai ministeri competenti, quello dell’Università e quello della Salute, anche se al momento non abbiamo ancora ricevuto una risposta», prosegue Amato.

LEGGI ANCHE: SPALLE AL PALAZZO E VIA IL CAMICE, LA PROTESTA DEGLI SPECIALIZZANDI A MONTECITORIO: «TROPPE POCHE BORSE, SI RISCHIA UN ESERCITO DI CAMICI GRIGI»

«È giusto premiare chi si è speso sul campo, e riconoscere il merito di chi in questi mesi ha dato anima e corpo alla battaglia contro il Coronavirus. Certo, questo non può coincidere con un premio per tutta la categoria medica, come pare preveda un emendamento approvato con il Decreto Scuola, che potrebbe abbonare i crediti ECM previsti per quest’anno a tutta la categoria medica senza alcuna distinzione. Se si premiano tutti, anche in questo caso, non si riconosce il valore ed il contributo di chi veramente ha lavorato in trincea e ha fatto effettivamente formazione sul campo», aggiunge Amato.

«La formazione è una cosa seria, non si può fare un colpo di spugna così – specifica il presidente OMCeO Palermo -. È giusto riconoscere un privilegio ai colleghi che con enormi sacrifici e correndo seri rischi si sono spesi in attività di impegno sociale; ma non a tutti. Su questo non sono d’accordo».

LEGGI ANCHE: BONUS ECM NEL DECRETO SCUOLA, L’ASSOCIAZIONE PROVIDER: «LEGGE FARSA E INCOSTITUZIONALE»

Anche il Sole 24 Ore condivide la posizione di Toti Amato sul bonus di crediti ECM: analizzando il provvedimento, Stefano Simonetti si chiede «Perché, ad esempio, un veterinario o un tecnico della prevenzione ambientale non dovrebbe aver acquisito regolarmente i crediti?». È vero che convegni e seminari sono stati annullati, ma «era sempre possibile – scrive il Sole –, in ogni caso, la FAD in modalità remota». Inoltre, «se così fosse stata la ratio del riconoscimento, esso si sarebbe dovuto prevedere per tutti i professionisti (avvocati, ingegneri, architetti, ecc.) per i quali, si ricorda, che dal 2012 vige l’obbligo della formazione continua».

«Di conseguenza – conclude Simonetti – gli accrediti vanno esclusivamente a chi è stato direttamente coinvolto nelle attività di contrasto del Covid-19; e, allora, in questo contesto ci si chiede cosa c’entrino i liberi professionisti. Resta di chi li individua formalmente e in base a quali criteri. Le stesse dichiarazioni del parlamentare autore dell’emendamento confermano il riconoscimento selettivo. Il senatore Campari (Lega) ha infatti dichiarato che “non si tratta solo di un premio; credo che chi in questi mesi ha fronteggiato una così grave emergenza, abbia sicuramente acquisito conoscenze e capacità che prima non aveva. Una impareggiabile formazione sul campo”». È ora necessario attendere le decisioni della Commissione nazionale ECM che ha il compito di delineare i dettagli operativi della norma.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Scudo penale nel Dl Covid: «Professionisti sanitari punibili solo per colpa grave in emergenza»
Al Senato passa emendamento chiesto da tutto il mondo della sanità. Ora il giudice dovrà tenere conto “della limitatezza delle conoscenze scientifiche al momento del fatto sulle patologie da SARS-Cov-2 e sulle terapie appropriate, nonché della scarsità delle risorse umane e materiali”. Le reazioni
Dl Covid, Evangelista (M5S): «Finalmente per operatori sanitari punibilità solo per colpa grave»
«Non si può non tenere conto della situazione e del contesto in cui i nostri sanitari hanno operato durante quest’anno per far fronte al Covid-19» sottolinea la senatrice M5S
David Donatello 2021, premiati i sanitari del Lazio. Marongiu: «Una grande e inaspettata emozione»
Consegnate le targhe d’onore a tre professionisti sanitari laziali: Silvia Angeletti, Ivanna Legkar e Stefano Marongiu. Quest'ultimo, nell'intervista a Sanità Informazione, dichiara: «Abbiamo bisogno di sognare e riflettere e il cinema, in questo, è maestro»
Il vaccino con birra in omaggio. Ecco come nel mondo si convincono i più scettici
Alcolici ma anche ciambelle, buoni sconto, premi. Dopo il boom iniziale che ha portato alcuni Paesi a vaccinare a tappeto si pensano modi alternativi per attirare più persone possibile
La Simedet lancia la “Guida pratica al Covid 19 delle professioni sanitarie”. Prefazione del Ministro Speranza
«Un lavoro enorme che ha coinvolto decine di professionisti di ogni parte d'Italia e che ci permette di avere una risposta basata sulle attuali conoscenze ma pratica e utile per tutti gli operatori» spiega una nota della Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 160.469.865 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.331.823 i decessi. Ad oggi, oltre 1,35 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...