Lavoro 26 Febbraio 2020

Coronavirus, Scotti (Fimmg): «Subito DPI adeguati negli ambulatori. Se salta la medicina territoriale salta tutto»

«Dotatemi delle giuste protezioni e andrò io oggi stesso a sostituire i colleghi in quarantena nel lodigiano. Il vero problema non è la gravità dell’infezione ma la velocità di contagio, che potrebbe far saltare i servizi sanitari»

Immagine articolo

Mentre i numeri dei contagiati da Covid-19 in Italia non accennano ad arrestarsi, e l’epidemia si estende a sempre più Regioni italiane, la medicina territoriale si trova a fare i conti con una sfida al limite delle proprie capacità. E se negli ospedali ci si attrezza con tende esterne per il pre-triage allo scopo di selezionare e filtrare gli accessi contendendo il rischio di diffusione dell’epidemia, le stesse misure sarebbero auspicabili anche negli studi dei medici di famiglia ma, al momento, tali misure sarebbero di fatto inapplicabili a livello logistico e pratico. Sanità Informazione ha sentito sul punto il segretario generale della Federazione italiana dei medici di medicina generale (Fimmg) Silvestro Scotti.

LEGGI ANCHE: «SIAMO COME SOLDATI CHE VANNO AL FRONTE A MANI NUDE». IL GRIDO D’ALLARME DEI SINDACATI: «MANCANO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE»

«Dal momento che hanno allestito i pre-triage per gli accessi in Pronto soccorso – osserva Scotti – mi sembrerebbe doveroso porre anche noi medici di famiglia nelle condizioni giuste per attuarli. Purtroppo però è un caso eccezionale che si possa fare un triage nell’ambulatorio del medico di famiglia, anche perché negli ambulatori ad accogliere l’utenza in prima battuta c’è un collaboratore di studio e non il medico. E come fa il collaboratore di studio a capire se un determinato paziente è da indirizzare in un’area dedicata? È evidente – prosegue – che si tratta di un modello ospedaliero trasferito al territorio che così com’è non può trovarvi applicazione, a nostro avviso. Rimane in questo momento l’indicazione fondamentale ai pazienti che è quella della necessità, in caso di afflizioni respiratorie di qualunque tipo, di procedere con il triage telefonico con il proprio medico curante. Un’altra variabile – continua Scotti – nell’applicazione del pre-triage agli ambulatori è se il medico di base sia dotato o meno di dispositivi di protezione individuale. Se non lo è, deve fermarsi al triage telefonico. Se invece è dotato di questi dispositivi e ha un ambulatorio che logisticamente permette una sorta di preselezione, la programmazione di un arrivo in ambulatorio in orario diverso rispetto a quelli normalmente previsti al pubblico, una stanza apposita che può essere utilizzata solo ed esclusivamente per questi casi, allora – conclude – si può prevedere una visita ambulatoriale».

Sulle conseguenze di una negligenza a livello istituzionale nel rispondere adeguatamente alle esigenze dei medici di famiglia in queste circostanze, il segretario generale Fimmg non ha dubbi: sarebbero catastrofiche.

LEGGI ANCHE: MEDICI DI FAMIGLIA, PEDIATRI, FARMACISTI: DA CODOGNO LE STORIE DEGLI EROI SILENZIOSI IN PRIMA LINEA OGNI GIORNO

«Ad oggi – osserva – sono 17 in Italia i medici di famiglia in quarantena. Se continuiamo a questi ritmi, gli ospedali si preparino a prendere il posto degli ambulatori di medicina generale. Il problema è strutturale: data la situazione di questi giorni, se l’ambulatorio di un mmg non è dotato di questi dispositivi di protezione individuale, è necessario prevedere un altro sistema di supporto. E le posso dire che in questo momento questi dispositivi per i medici di medicina generale non ci sono affatto. Ed è ovvio che a parte il triage telefonico il mmg non può fare altro, se non gestire l’attesa del paziente in evoluzione al domicilio nei casi più lievi. Se io medico di famiglia – spiega Scotti – ho un contatto con un paziente che poi risulta positivo al coronavirus, io vado in quarantena. E lascio tutti gli altri pazienti senza medico. Perché come può immaginare soprattutto nelle zone a rischio è estremamente difficile trovare medici che sostituiscano quelli in quarantena. Purtroppo finora, sulle nostre reali necessità, abbiamo sentito solo chiacchiere. Dotatemi delle giuste protezioni e andrò io oggi stesso a sostituire i colleghi in quarantena nel lodigiano. Questo – continua Scotti – per darle un’idea di quanto velocemente il sistema possa collassare, se non si pongono in essere misure efficaci in tempi strettissimi. Non si sta parlando di quello che è successo in un mese, stiamo parlando di cose successe nel giro di quattro giorni. Si sta facendo passare il messaggio sbagliato, il vero problema non è la gravità dell’infezione ma la velocità di contagio. Questa velocità e l’inevitabile coinvolgimento di una larga fetta di popolazione è quello che fa saltare i servizi sanitari. In questo momento – aggiunge – misure efficaci stanno venendo prese per la parte relativa agli ospedali, non ancora per la parte relativa al territorio. E l’uno, purtroppo, condizionerà l’altro, perché se salta il territorio salta anche l’ospedale. Immagini di fare un pre-triage fuori da un ospedale dividendo le afflizioni respiratorie da tutte le altre. Senza un supporto territoriale – conclude Scotti – la fila fuori dall’ospedale sarà inimmaginabile, con solo un paziente su cento effettivamente affetto da coronavirus… che inevitabilmente contagerà in quella sede tutti gli altri».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 27 ottobre, sono 43.514.678 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.159.708 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 26 ottobre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 542.789 (17.012 in più rispetto a ieri). 124.686 i […]
Tamponi rapidi dal medico di famiglia, i sindacati: «Disponibili, ma in strutture idonee e sicure»
Si è svolto questa mattina l’incontro sull’atto di indirizzo che si occupa anche dei tamponi rapidi e dei macchinari per la diagnostica di primo livello. Domani la riunione con Sisac sull’Acn
«Superare la frammentazione verticale tra Medicina del territorio e specialistica: una proposta»
di Zairo Ferrante (Medico Radiologo Arcispedale Sant'Anna Ferrara), Elisa Mandolesi (Medico di Medicina Generale ASL Ferrara), Martino Ardigó (Universidade federale de Mato Grosso do Sul), Agostino Panajia (Campagna “2018 PHC Now or Never” e MMG ASL Ferrara)
di Zairo Ferrante, Elisa Mandolesi, Martino Ardigó, Agostino Panajia
Vaccino antinfluenzale, in Lombardia prime dosi per pazienti fragili ma le farmacie sono a secco
Mandelli (Fofi): «Problema denunciato al Ministero, a noi solo le briciole in un momento in cui è fondamentale vaccinarsi»
di Federica Bosco
Ex specializzandi, Scotti (Fimmg): «Risolvere vicenda anche per stimolare aumento borse MMG»
Il segretario generale della Federazione dei medici di medicina generale: «La politica si faccia carico del problema e adotti una soluzione transattiva»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 ottobre, sono 43.514.678 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.159.708 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 26 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare