Lavoro 4 Marzo 2020 18:22

Coronavirus, la storia: «Sono un medico di famiglia in quarantena perché il 112 non si è fidato di me»

«Secondo me il virus circola da molto più tempo. Ho visto tante influenze anomale e insistenti che potrebbero essere state Covid-19»

Coronavirus, la storia: «Sono un medico di famiglia in quarantena perché il 112 non si è fidato di me»

La dottoressa D. B. (che ha chiesto di rimanere anonima) è un medico di famiglia di un paesino in Toscana. Un suo paziente è risultato positivo al coronavirus. Lei lo aveva visitato, e quindi ora è in quarantena. Ha trascorso una mattinata al telefono per trovare un sostituto che prendesse il suo posto in ambulatorio, ha fatto incetta di igienizzanti e mascherine e ha chiuso la porta di casa.

Si dice dispiaciuta di non poter dare il suo contributo in un momento di emergenza come questo, ma è anche amareggiata: «Se mi avessero ascoltata, forse mi sarei evitata l’isolamento». È dovuta passare una settimana, infatti, prima che il suo paziente venisse testato per il coronavirus e preso in carico dal sistema. Una settimana nella quale tutta la responsabilità è stata lasciata a lei, che è andata a visitare quel paziente – abbastanza giovane ma portatore di diverse patologie – a cui la febbre proprio non passava.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS: COME COMPORTARSI IN CASO DI AUTOISOLAMENTO? LE 5 REGOLE DI WAIDID

Da poco tornato da un convegno con oltre mille partecipanti, alcuni dei quali provenienti dalla zona rossa lombarda, ha avuto la febbre. «Mi ha chiamato, ho seguito il protocollo e l’ho tranquillizzato – racconta la dottoressa -. Gli ho dato i numeri di riferimento, ma gli è stato detto che non avendo avuto contatti stretti con nessuno dei casi risultati positivi non rientrava nei protocolli. La febbre però continuava a non scendere, qualche dubbio iniziavo ad averlo anche io e allora ho chiamato il 112, gli ho dato un quadro dettagliato della situazione ma mi è stato detto con supponenza che la mia telefonata era impropria. Che dovevo vedermela io».

«A quel punto – prosegue la dottoressa – è prevalso il mio senso etico. Ho indossato la mascherina chirurgica che ci avevano consegnato proprio qualche ora prima, perché quelle con il filtro a noi non le danno, e sono andata a visitarlo. Ho ricontattato il 112, ma ho ricevuto la stessa risposta. Loro non potevano intervenire».

Il giorno dopo, però, il paziente viene contattato perché alcuni partecipanti del convegno, provenienti dal lodigiano, sono risultati positivi al coronavirus. «Finalmente il 112 è stato disponibile – continua la dottoressa – e un infettivologo ha predisposto la presa in carico del mio paziente, che attualmente è ricoverato in ospedale. Sta meglio, non è un caso grave, ma io nel frattempo sono stata messa in quarantena. E magari questa cosa poteva essere evitata. Io capisco le difficoltà dei colleghi del 112 in questo momento, ma sono un medico, non un paziente. Non mi si può rispondere in questo modo».

«Tutta questa situazione è stata gestita male sin dall’inizio – commenta -. Dovevamo essere molto più prudenti. E sono convinta che il virus circoli in Italia da molto più tempo di quel che ci dicono. Io quest’anno ho visto influenze particolarmente insistenti e abbastanza anomale, che hanno richiesto più cure del previsto. Col senno di poi, nessuno mi toglie dalla testa che fossero casi di Covid-19. Anche perché quest’anno ho vaccinato molti più pazienti contro l’influenza. Mi sembra che qualcosa – conclude – ci stia sfuggendo di mano».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Così Israele guida la corsa alla somministrazione dei vaccini anti Covid-19
Luci e ombre della campagna vaccinale a Tel Aviv: «Ma le scorte si stanno esaurendo»
di Tommaso Caldarelli
Variante inglese, i test rapidi possono riconoscerla?
Alcune domande al Professor Luigi Toma, Infettivologo dell'IFO Regina Elena di Roma, sulla cosiddetta “variante inglese” del SARS-CoV-2
di Vanessa Seffer
Covid-19 e infodemia, il vademecum per districarsi in un oceano di informazioni
Che differenza c’è tra studio osservazionale e studio clinico controllato e randomizzato? Qual è il più affidabile? Di cosa si occupano, esattamente, virologi, infettivologi e immunologi? Giovanni De Gaetano, Presidente dell'IRCCS Istituto Mediterraneo Neuromed ci aiuta a capirne un po’ di più
di Peter D'Angelo
Covid-19, scoperta in Sudafrica variante del virus ancora più contagiosa
Una nuova mutazione del coronavirus è stata individuata nel Regno Unito proveniente dal Sudafrica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 15 gennaio, sono 93.129.104 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.994.440 i decessi. Ad oggi, oltre 35,57 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»