Lavoro 28 Aprile 2020

Coronavirus, medici tedeschi posano nudi: «Mancano dispositivi di protezione»

La singolare protesta dei camici bianchi ha fatto il giro del mondo: «La nudità è un simbolo di quanto siamo vulnerabili senza i Dpi»

Un gruppo di medici tedeschi ha deciso di posare senza veli per attirare l’attenzione mediatica sulla carenza di attrezzature e Dispositivi di protezione individuale nella lotta contro il Coronavirus. I membri del gruppo Blanke Bedenken ritengono di essere a rischio a causa della grande esposizione al Covid-19 e sostengono che le loro richieste di aiuto, che vanno avanti almeno dalla fine di gennaio, non sono state ascoltate.

Tra di loro Ruben Bernau, medico di famiglia, che all’Arztezeitung (rivista medica tedesca) ha spiegato come sia lui che il suo team non erano sufficientemente attrezzati per affrontare il virus: «La nudità è un simbolo di quanto siamo vulnerabili senza protezioni».

Il gruppo si è ispirato ad un medico francese, Alain Colombié, fotografato nudo durante il suo lavoro dopo aver descritto sé stesso e gli altri medici come “carne da cannone” nella lotta contro la pandemia.

Le aziende tedesche che producono indumenti protettivi hanno aumentato le loro capacità produttive ma non sono state in grado di soddisfare la domanda. Le strutture, le cliniche e le case di cura hanno effettuato diverse richieste di maschere, occhiali, guanti e grembiuli ma sostengono che le loro esigenze sono state a malapena soddisfatte.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Articoli correlati
Covid-19, Rostan (IV): «Diagnosi oncologiche e biopsie dimezzate con lockdown. Garantire accesso a farmaci innovativi»
Nell'interrogazione al Ministro della Salute Speranza presentata da Michela Rostan (Iv) anche la richiesta di istituire un Fondo Unico per l’innovazione farmaceutica, superando il sistema duale previsto dalla normativa vigente
“Ripensare il futuro”, le riflessioni di Domenico Mastrolitto (Campus Bio-medico) sulla società post Covid-19
Nel volume pubblicato da oVer edizioni anche un'analisi della situazione sanitaria italiana comparata ad altri modelli europei
Covid-19, Brusaferro (ISS): «Fondamentale individuare asintomatici. In arrivo nuovi test più semplici»
Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità è stato audito dalla Commissione Sanità del Senato su Covid-19, medicina territoriale e plasma iperimmune. Una speranza arriva dagli anticorpi monoclonali, e sullo studio TSUNAMI: «Ci sono rallentamenti, in estati numero di casi adatti diminuito»
Approvato Decreto Ristori: 30 milioni per i tamponi rapidi a medici di famiglia e pediatri
Via libera dal Cdm alle misure di sostegno economico per ristoranti e palestre. Sì allo stanziamento per i tamponi rapidi da mmg e pediatri, istituito un nuovo servizio nazionale di risposta telefonica per persone positive o che hanno avuto contatti stretti o casuali con soggetti positivi all’infezione
In Campania è corsa al vaccino antinfluenzale. Fimmg Napoli: «Finite le prime 400mila dosi»
Sparano e Calamaro: «Questa situazione rischia di diventare esplosiva. Sta creando una conflittualità tra medici di famiglia e pazienti che si sentono abbandonati»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 ottobre, sono 43.979.777 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.167.124 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare