Lavoro 3 Dicembre 2021 10:54

Controlli Nas, trovati al lavoro 281 medici e sanitari non vaccinati

Tra i fermati, 126 erano già stati sospesi dagli ordini professionali perché non vaccinati. Per medici, odontoiatri, farmacisti, veterinari, infermieri e fisioterapisti è scattata la denuncia per esercizio abusivo della professione medica

Controlli Nas, trovati al lavoro 281 medici e sanitari non vaccinati

Sono 281 i medici e sanitari sorpresi dai Carabinieri del Nas al lavoro senza essere vaccinati. I controlli sono stati effettuati nell’ambito della campagna d’intesa con il ministero della Salute sul rispetto dell’obbligo vaccinale per le figure sanitarie. L’obiettivo dell’operazione era individuare i professionisti che continuavano a esercitare l’attività sebbene privi di vaccinazione anti-Covid, in ambito pubblico e libero professionale.

Tra i fermati, 126 lavoravano seppur già sospesi

Le verifiche hanno interessato 1.609 strutture: sono state esaminate 4.900 posizioni relative a medici, odontoiatri, farmacisti, veterinari e infermieri, accertando 281 irregolarità. Dai controlli del Nas è emerso che 126 di loro lavoravano pur essendo già stati sospesi dagli ordini di riferimento su segnalazione dell’autorità sanitaria. Continuavano a svolgere regolarmente la libera professione presso studi medici di proprietà, ambulatori o cliniche private, ma anche in reparti di ospedali pubblici. Per tutti è scattata la denuncia per esercizio abusivo della professione medica.

Otto tra mmg e pediatri non si erano mai vaccinati

In quattro regioni, Abruzzo, Sardegna, Campania e Lazio, il Nas ha individuato otto medici di famiglia, tra medici e pediatri di medicina generale che non si erano mai sottoposti a vaccinazione. In Calabria, Sicilia, Molise e nella provincia di Bolzano sono stati disposti accertamenti nei confronti di alcune aziende sanitarie. Il motivo è non aver preso provvedimenti amministrativi e disciplinari riguardo al personale non vaccinato.

Speranza: «Grazie a Nas per il lavoro di controllo a tutelare la salute di tutti»

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha applaudito le operazioni di controllo da parte del Nas che hanno permesso di accertare gravi illegalità. «Voglio esprimere il mio ringraziamento ai Nas, per il prezioso lavoro di controllo sul rispetto delle regole, a tutela della salute di tutti – ha detto -. Il personale sanitario e tutti coloro che accedono alle strutture sanitarie sia pubbliche che private devono avere garanzia di trovarsi in ambienti sicuri, dove sono rispettate tutte le misure a contrasto della diffusione della pandemia, a partire dall’obbligo vaccinale per chi esercita una professione sanitaria».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, Report Fiaso: «In una settimana +25,8% ricoveri. Impennata di pazienti pediatrici, +86%»
In terapia intensiva il 72% non è vaccinato, i vaccinati sono il 28%. Migliore: «Il raddoppio dei ricoveri pediatrici, in particolare i bambini sotto i 4 anni, deve indurre a una rapida accelerazione della campagna vaccinale»
Se i no vax rifiutano pure le cure. Giannini (SIAARTI): «Non fermiamoci al primo “no”. Non possiamo lasciarli morire»
“Usura da negazione”, il componente del comitato etico della SIAARTI: «Un medico o un professionista sanitario di fronte ad un paziente che rifiuta una cura, appropriata e potenzialmente utile, prova un’enorme sofferenza. Si genera quello che in inglese viene definito il “moral distress”»
I Nas oscurano 30 siti che vendevano illegalmente farmaci anti-Covid
Ivermectina, colchicina, idrossiclorochina e altri ancora. Tutti in vendita su siti online che ora i carabinieri del Nas hanno disabilitato
Vaccino anti-Covid, terza dose tra i sanitari al 18,5%. Rasi (Consulcesi): «Accelerare e vaccinare in contemporanea i cittadini fragili»
Il consigliere del generale Figliuolo e direttore scientifico Consulcesi: «Non esistono indicazioni precise su quando fare la terza dose. Si ritiene possa essere efficace tra il sesto e il nono mese dall’inoculazione della seconda. Inutile sottoporsi preventivamente ad un test per la conta degli anticorpi»
di Isabella Faggiano
Pandemia, Green pass, no vax, informazione e formazione ECM, a che punto siamo in Europa
Intervista a Nicolino D’Autilia (Vicepresidente Ceom): «Italia messa molto meglio di altre nazioni nel contrasto al Covid-19». I no vax? «Da noi sono pochi in confronto agli altri Paesi». E sulla formazione ECM: «La forma mentis che non fa sfruttare la FAD sta cambiando»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 gennaio, sono 342.684.472 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.574.860 i decessi. Ad oggi, oltre 9,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre