Lavoro 24 Agosto 2016

Contratto dei medici: altolà del Mef agli Atti d’indirizzo di Comparto e Dirigenza medica. Accordo a rischio?

Stop del Mef agli Atti d’indirizzo di Comparto e Dirigenza medica: dubbi sulle coperture. Si teme per il rinnovo del contratto di medici e infermieri

di Valentina Brazioli
Immagine articolo

«Gli atti d’indirizzo così come formulati non possono essere valutati positivamente sotto il profilo della compatibilità economica». Pesano come un macigno le prime osservazioni del Mef sugli Atti d’indirizzo di Comparto e Dirigenza medica, anticipate da QuotidianoSanita.it.  Mentre s’infiamma il dibattito sulle somme stanziate dal Governo per il rinnovo dei contratti nella Pubblica Amministrazione – definite “insufficienti” dai sindacati  – si diffonde il timore che possano essere messe in discussione le fondamenta di un accordo considerato da più parti un primo importante passo verso un equo rinnovo del contratto dell’intera categoria medico-sanitaria.

I dubbi espressi da Via XX Settembre sono numerosi e riguardano innanzitutto i necessari capitoli di spesa, in quanto «entrambi gli atti omettono di quantificare le risorse complessivamente disponibili per gli incrementi contrattuali». Il Mef sottolinea, inoltre, come il Comitato di Settore Regioni-Sanità dovrebbe assicurare appositi accantonamenti nei bilanci regionali per far fronte a tali oneri.

Gli stralci richiesti dal Ministero dell’Economia sono diversi, e riguardano aspetti salienti dell’accordo quali, ad esempio, la possibilità per le Regioni di destinare al personale parte di eventuali risorse aggiuntive ottenute attraverso risparmi sui costi per le risorse umane. A rischio anche la previsione di una specifica area per le professioni socio-sanitarie che consentisse di superare la vecchia divisione in personale sanitario, professionale, tecnico ed amministrativo. Dubbi suscita anche l’istituzione della figura di “professionista specialista” delle professioni sanitarie infermieristica – ostetrica, tecnica, della riabilitazione e della prevenzione.

Da Via XX Settembre giungono anche diverse richieste di integrazione per far fronte alle perplessità derivanti da alcuni fattori come, ad esempio, l’unione in una singola categoria degli incarichi di coordinamento, specialista e di posizione, e ciò a causa delle disparità salariali attualmente esistenti.

Mentre si attendono le repliche del Comitato di Settore alle osservazioni del Ministero dell’Economia, i camici bianchi si interrogano ansiosamente su quanto questa vicenda rischi di compromettere le delicate trattative per il rinnovo del contratto del comparto medico-sanitario.

Articoli correlati
Dl Rilancio, la carica degli 8mila emendamenti. Dagli incentivi ai sanitari all’aumento delle borse di specializzazione, tutte le proposte per la sanità
Molte proposte emendative si concentrano sul potenziamento della rete di assistenza territoriale, sull’assistenza domiciliare e sulla telemedicina. Forza Italia torna sullo scudo penale, mentre l’ex ministro Giulia Grillo chiede di estendere la legge Sirchia sul fumo alle sigarette elettroniche. Siani (Pd) chiede che le USCA si avvalgano di psicologi
Violenza camici bianchi, parla un medico aggredito: «Da eroi a capri espiatori. Ddl potrebbe non bastare»
David Di Lello, anestesista rianimatore all’ospedale Veneziale di Isernia: «Siamo l’oggetto della rabbia, il fenomeno delle aggressioni al personale sanitario è ormai dilagante. Come porvi un freno? Rifinanziando la sanità pubblica e rivalutando il ruolo sociale del medico»
Contratto sanità privata, Cimop: «Degradante teatrino di Aris e Aiop. Prendono tempo e ingannano i lavoratori»
«Contratto sanità privata, degradante il teatrino di Aris e Aiop: prendono altro tempo e ingannano i lavoratori. Mi chiedo se Ministero e Conferenza Stato-Regioni ne siano al corrente»
CCNL Dirigenza Medica Veterinaria e Sanitaria, il no delle OO.SS. a nuove interpretazioni
Le OO.SS. FP CGIL MEDICI, CISL MEDICI, UIL FPL Area Sanità, CIMO ASMD, FESMED e FVM «rigettano il tentativo delle regioni di stravolgere una consolidata e confermata applicazione del contratto nazionale»
CCNL 2016-2018 e adeguamento retributivo turni di Guardia. AAROI-EMAC diffida Aziende e Enti inadempienti
«Anni e anni senza contratto, la sigla del nuovo CCNL avvenuta ben oltre tempo massimo, eppure ancora in molti giocano con i numeri per non applicarlo correttamente. Diverse Aziende e Enti Sanitari, infatti, a ormai sei mesi dalla firma del CCNL 2016-2018, non hanno ancora adeguato la retribuzione dei turni di Guardia». A denunciarlo è […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 giugno, sono 6.651.047 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 391.439 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 5 giugno: nel...
Formazione

Fuga dagli ospedali, 500 specialisti hanno tentato il concorso di Medicina Generale

Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori. Lo studio dell'Associazione Liberi Specializzandi
di Tommaso Caldarelli
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco