Lavoro 3 dicembre 2018

Contratto medici, il nodo è la Ria. Palermo (Anaao): «Bene impegno Ministro, ora risposte. Problemi sono tecnici, c’è qualcuno che fa finta di non capire»

Il segretario si dice «pessimista» sul rinnovo. Poi chiede di utilizzare la Retribuzione individuale di anzianità: «Si tratta di prendere questa quota economica che attualmente è nelle casse aziendali dispersa in molle rivoli e di finalizzarla su servizi che siano utili ai cittadini»

Immagine articolo

Sono ore decisive per il futuro della legge di Bilancio in Parlamento. Gli emendamenti presentati al testo in materia di sanità, 56 in tutto, ridisegneranno il profilo delle risorse stanziate per il Servizio sanitario pubblico. Un intervento importante anche per il rinnovo del contratto della dirigenza medica che, a una settimana dallo sciopero della categoria, ancora non trova soluzione: da una parte ci sono le richieste dei sindacati, dall’altra l’esigenza di far quadrare i conti. «Ad oggi sono pessimista», spiega a Sanità Informazione Carlo Palermo, segretario dell’Anaao Assomed: «L’impegno politico c’è stato, i problemi sono meramente tecnici, c’è qualcuno che fa finta di non capire cosa abbiamo chiesto, siamo disponibili a qualsiasi confronto su questo tema». Il nodo è la Retribuzione individuale di anzianità, la Ria, una somma che le aziende sanitarie incamerano e che non sempre viene utilizzata per intervenire sulle problematiche relative alla cura dei cittadini. «Chiediamo – spiega Palermo – che ci sia una sorta di partita di giro tra gli stipendi dei medici e il Fondo accessorio che serve a remunerare disagi e carriera».

LEGGI ANCHE: SCIOPERO MEDICI, ADESIONE TRA 80 E 90%. SINDACATI: «SENZA RISPOSTE CI FERMEREMO ANCHE A DICEMBRE». E GRILLO LI CONVOCA: «ACCOGLIEREMO LORO ISTANZE»

Segretario, è passata più di una settimana dallo sciopero che ha visto adesioni record fra i medici. Cosa si è mosso?

«Per ora direi poco, stiamo aspettando da un lato la risposta del Ministro Grillo, dall’altro quella della Commissione Affari Sociali nella figura della presidente Lorefice. La problematica non è di elevata complessità perché si tratta di trasferire nel fondo accessorio la cosiddetta retribuzione individuale di anzianità che non necessità di un finanziamento da parte del Mef. Si tratta di prendere questa quota economica che attualmente è nelle casse aziendali dispersa in molle rivoli e di finalizzarla su servizi che siano utili ai cittadini. Perché è utile il pagamento dello straordinario dei medici, delle notti, dei festivi, della carriera. Quindi si tratta, attraverso quote che sono già all’interno del finanziamento statale della sanità, di utilizzarli per chiudere definitivamente il contratto. Bisogna che le regioni in qualche modo accettino di finalizzare la Retribuzione individuale di anzianità, si tratta di seguire un meccanismo che è già stato messo in campo per gli universitari ai quali è stata ripristinata la progressione dello stipendio con gli scatti biennali: agli stessi è stata data una tantum per recuperare il pregresso. Il comma 435, cosiddetto comma Gelli, rappresenta per noi la remunerazione di ciò che è stato perso dal 2011 al 2016, il ripristino della Ria nei Fondi accessori alla dirigenza dal 2017 in avanti rappresenta il ripristino che è stato già fatto ad esempio nella progressione di carriera degli universitari. Non c’è differenza, anzi per gli universitari si è dovuto andare ad un impegno economico aggiuntivo. Noi non chiediamo nemmeno quello, chiediamo che ci sia una sorta di partita di giro tra gli stipendi dei medici e il Fondo accessorio che serve a remunerare disagi e carriera».

Il Ministro è stato ottimista, ha detto che a breve ci sarà un annuncio…

«L’impegno politico c’è stato, i problemi sono meramente tecnici, c’è qualcuno che fa finta di non capire cosa noi abbiamo chiesto, siamo disponibili a qualsiasi confronto su questo tema. Ma se non si risolve questo aspetto che non richiede nessun finanziamento a carico del bilancio statale non si chiude il contratto».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, CIMO CHIEDE ALLA CORTE DEI CONTI INDAGINE SU DIECI REGIONI. QUICI: «SERVE TRASPARENZA, DONO SONO FINITI TUTTI I SOLDI»

Qualcuno ha dato la colpa alle regioni che non hanno accantonato le risorse… 

«Questo è un punto a parte. Certamente è grave che le regioni non abbiano accantonato le riserve economiche previste dalla legge, perché stiamo parlando del D. legislativo 165, dell’articolo 48 e di atti legislativi conseguenti che impongono alle regioni di mettere a riserva la quota economica ma noi come ho sempre detto ma noi non vogliamo entrare nella querelle tra Mef da un lato e regioni dall’altro, perché significherebbe accettare che il diritto e la cura siano messi in competizione con il diritto a un contratto dignitoso per chi quelle cure le deve erogare. È inaccettabile. Si mettano d’accordo ed escano da questa pantomima che sta diventando un po’ pesante e vergognosa».

Ad oggi è ottimista o pessimista? 

«Ad oggi sono pessimista».

 

Articoli correlati
Calabria, Giulia Grillo: «Con bandi pubblici finalmente nomine trasparenti nella sanità. Essenziale ruolo dei commissari Cotticelli e Schael»
«Bandi pubblici in Calabria significa dare reale possibilità di cambiamento a una Regione che da troppi anni versa in gravi condizioni rispetto all’assistenza sanitaria da offrire ai cittadini. I bandi scadono il 26 febbraio ed è importante che tanti decidano di presentare la propria candidatura. I calabresi onesti sappiano che il Governo è dalla loro parte» così Giulia Grillo in una nota
Ministro Grillo: a che punto è la notte?
di Aldo Grasselli, Presidente FVM – Federazione Veterinari, medici farmacisti e Dirigenti sanitari
Sovraffollamento Pronto soccorso, Barbara Cittadini (AIOP): «Siamo disponibili a confrontarci con il Ministro per risolvere il problema»
«Le aziende ospedaliere di diritto privato del Servizio Sanitario Nazionale avvertono la responsabilità e l’urgenza di dare risposte efficaci per individuare una soluzione alle principali criticità che registra l’assistenza sanitaria, tra le quali emerge il drammatico problema del sovraffollamento dei Pronto Soccorso. Registriamo l’impegno del Ministro Grillo e auspichiamo di poterci confrontare con il Ministero […]
Sanità Lazio, continua il duello tra Ministro e Regione. Grillo: «Non ci sono condizioni per uscita». La replica dell’assessore D’Amato: «Abbiamo carte in regola»
ESCLUSIVA | Botta e risposta a margine della presentazione del Manifesto Interreligioso dei Diritti nei Percorsi di Fine Vita. L’assessore alla Sanità del Lazio ha invitato la titolare della Salute alla conferenza sullo Stato di salute della popolazione del Lazio. «Sarà tavolo tecnico a decidere, noi come governo proseguiamo per la nostra strada – sottolinea il ministro - convinti che un presidente di regione non possa fare contemporaneamente anche il Commissario»
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Roma, si accende la Fontana dei Quattro Fiumi per la giornata contro il cancro
Oggi si celebra la Giornata mondiale per la lotta al cancro (World cancer day- WCD), promossa dall’Unione internazionale contro il cancro (Uicc) e sostenuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. In occasione della Giornata, il ministro della Salute Giulia Grillo, il sottosegretario al ministero della Salute Armando Bartolazzi, il direttore generale dell’IFO Francesco Ripa di Meana e i direttori […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...