Lavoro 19 Febbraio 2019

Contenziosi medici-pazienti, i più colpiti sono oncologi, ortopedici, chirurghi e ginecologi. Ma non tutti gli errori sono uguali…

«Se una massa neoplastica interessa un’arteria e il chirurgo, nel tentativo di eliminarla, recide il vaso, non è detto che sia colpevole. Bisogna valutare le specificità del caso». Così il chirurgo maxillo-facciale Valentino Valentini. Ma intanto aumentano i contenziosi ed il ricorso alla medicina difensiva che, secondo il professor Marco De Vincentiis (Sapienza) va ridimensionata con la formazione

Immagine articolo

Oncologi, ortopedici, chirurghi e ginecologi. Sono loro gli specialisti che ricevono più denunce, i principali destinatari di buona parte di quelle 300mila cause che giacciono nei nostri tribunali. Medici in prima linea per diagnosi e terapie spesso ad alto rischio, si trovano ad affrontare un potenziale contenzioso legale. Il 37,9% di questi, infatti, nasce da errori chirurgici seguiti da diagnosi sbagliate (15,5%) e da terapie scorrette (10,2%). La maggior parte delle cause, tuttavia, si conclude a favore dell’operatore sanitario, anche perché in medicina non tutti gli errori sono tali.

LEGGI ANCHE: MEDICI NEL MIRINO DELLE DENUNCE: ACCUSATI DI ERRORI CHIRURGICI, DIAGNOSI SBAGLIATE E TERAPIE SCORRETTE

Come spiegato dal professor Valentino Valentini, chirurgo maxillo-facciale, «se durante un intervento addominale o sul collo viene recisa un’arteria, non è detto che il chirurgo sia colpevole, ma bisognerà valutare le specificità del caso. Se, ad esempio, si trova di fronte a masse neoplastiche che vanno ad infiltrare e ad interessare dei vasi importanti, il chirurgo può trovarsi costretto ad intervenire per cercare di salvare la vita del paziente. È un rischio che si prende per risolvere la malattia, e non sempre ci riesce. Però – prosegue – non si può influenzare la scelta del medico. È vero, il rischio che il paziente muoia c’è, ma magari togliendola ha la possibilità di salvare la vita di una persona comunque condannata a morte».

Sono sempre di più, infatti, i chirurghi che temono di entrare in sala operatoria e che scelgono di non intervenire su casi particolarmente complessi per la paura di essere chiamati in giudizio. Chi non è chirurgo, invece, sceglie di ricorrere sempre più alla medicina difensiva, che ha costi enormi sia per il cittadino che per il Servizio sanitario nazionale. «Credo che la medicina difensiva – commenta il professor Marco De Vincentiis, ordinario di Otorinolaringoiatria e direttore della Scuola di specializzazione in Otorinolaringoiatria dell’università Sapienza di Roma – vada ridimensionata proprio durante il percorso formativo sia degli studenti che degli specialisti. Il primo approccio dei più giovani nei confronti dell’urgenza è pieno di spavento, ma bisogna insegnar loro che rimanendo sereni e seguendo linee guida e buone pratiche si possono evitare problemi».

È quindi necessario riportare maggiore serenità nel settore e ristabilire quel rapporto di fiducia tra medici e pazienti che, negli anni, si è sfilacciato, intervenendo anche sulla formazione sia dei medici più giovani che dei più esperti: «Legare il momento fondamentale della prevenzione dell’errore sanitario con quello di una adeguata e continua formazione dell’esercente la professione sanitaria – sottolinea infine la professoressa Paola Frati, ordinario di Medicina legale presso l’università Sapienza di Roma – è uno snodo centrale della legge Gelli sulla responsabilità professionale».

LEGGI ANCHE: CHIRURGIA, MARINI (ACOI): «PER PAURA DEI CONTENZIOSI, I GIOVANI NON VOGLIONO PIU’ FARE I CHIRURGHI E I CHIRURGHI NON VOGLIONO PIU’ OPERARE»

Articoli correlati
Contenziosi, l’urologo Gallucci: «Uso del robot non esclude complicanze, al paziente va spiegato bene»
Il professore di Urologia della Sapienza commenta l’utilizzo della robotica nel suo settore: «L’urologo è quello che più di tutti utilizza il robot. Praticamente quasi tutte le procedure, non solo la prostatectomia radicale, ma anche interventi molto complessi tipo la rimozione della vescica o la ricostruzione anche dell’intestino totalmente intracorporea o ancora i grandi interventi di tumore del rene possono essere fatti con la robotica»
Marco Camisani Calzolari spiega la blockchain in Sanità: «Renderà tutto molto più trasparente»
A Milano il convegno “Responsabilità professionale e arbitrato della salute” è stata l'occasione per presentare tutte le potenzialità in campo sanitario della nuova tecnologia
Rischio clinico e contenzioso, Paola Frati (Medicina legale): «Promuovere formazione di qualità per implementare buone pratiche»
«C’è un costante aumento delle denunce penali contro i medici ma oltre il 60% vanno subito in archiviazione. Se poi seguiamo i processi, un altro 25% sono assoluzioni. Non si arriva al 10% di condanne penali ai sanitari» così il professor Vittorio Fineschi a margine del convegno organizzato all’Università Sapienza di Roma
Contenzioso medico-paziente, Rossi (OMCeO Milano): «Patient satisfaction? Se c’è certificazione allora può aiutare»
«Nessuno deve poter pensare che i dati possono essere in qualche modo drogati», spiega il presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, Roberto Carlo Rossi. La soluzione è stata proposta da Consulcesi durante l'evento milanese “Responsabilità professionale e arbitrato della salute”
Blockchain e diritti, a Milano la nuova tecnologia che misura la “patient satisfaction” per ridurre i contenziosi
Permette di raccogliere in tempo reale le opinioni di pazienti sulle cure ricevute nelle strutture sanitarie e negli studi medici. Massimo Tortorella, presidente Consulcesi: «Cambierà completamente il paradigma nel mondo sanitario»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...