Lavoro 16 Marzo 2022 17:28

Congresso Cisl Fp a Napoli: «Al via una nuova era per la Sanità e i professionisti che vi operano»

Investimenti e adeguamenti contrattuali per PA e imprese, ma anche nuove opportunità per tutelare i diritti dei lavoratori

Si apre in un momento storico delicato e importante il VI Congresso Nazionale Cisl Fp, nella tre giorni a Napoli dal 15 al 17 marzo. Oggetto di riflessione da parte degli esponenti nazionali del sindacato e dei numerosi ospiti intervenuti nei vari panel, la necessità di aprire una stagione di riforme per la pubblica amministrazione, soprattutto nel settore della Sanità. È questo l’ambito, infatti, che gli ultimi due anni hanno messo più duramente alla prova facendo emergere in modo evidente le contraddizioni e le lacune esistenti per i lavoratori della sanità pubblica e privata, che a cascata si riversano sulla qualità dell’assistenza. Revisione dei contratti, maggiori tutele, equità e uniformità nell’erogazione dei servizi insieme alle convenzioni stipulate con gli stakeholder del settore a vantaggio degli associati, sono solo alcuni dei punti focali trattati dai relatori del Congresso.

Dieci miliardi in più sul FSN: il tempo di investire è ora

A inaugurare il panel dedicato alla Salute il Ministro Roberto Speranza in collegamento: «Con la pandemia abbiamo riscoperto l’importanza di alcuni asset quali il welfare e le politiche sociali, l’assistenza alle persone e il diritto alla salute. C’è stato un tempo, purtroppo abbastanza lungo, in cui gli investimenti in questi ambiti venivano percepiti come costi. Quello che dobbiamo fare è invece un salto di natura culturale, e capire che le risorse investite nell’assistenza e quindi anche sui rinnovi dei contratti ai sanitari, sono soldi spesi a garanzia dei diritti fondamentali delle persone. Sono ambiti su cui investire di più, e subito, perché oggi la pandemia ci ha insegnato una maggiore consapevolezza su questi temi. Oggi abbiamo gli strumenti per capire la necessità di avere dieci miliardi in più stanziati per il Fondo Sanitario Nazionale. Il tempo di investire su sanità, assistenza, welfare e su tutti coloro che in questi campi lavorano è ora».

Investire in sanità per restituire valore a persone e imprese

«Il Congresso si prefigge oggi due obiettivi – spiega alle nostre telecamere il Segretario Generale Cisl Fp Nazionale Maurizio Petriccioli -: da un lato quello squisitamente interno procedendo all’elezione dei nuovi organismi, dall’altro invece il ragionare proprio sulla necessità di riformare il servizio pubblico alla luce dei due anni di pandemia e delle nuove sfide cui andiamo incontro. I soldi investiti nel pubblico non sono un costo, ma uno strumento per restituire valore alle persone e alle imprese. E questa è la strada – sottolinea – che ci interessa percorrere: costruire dal nuovo un sistema pubblico che possa portare valore alle persone e diventare uno dei motori dello sviluppo. I temi della riduzione dei tempi e della produttività sono strettamente collegati – conclude Petriccioli -. Dobbiamo lavorare in maniera incisiva per realizzare questo grande cambiamento».

Sì alla contrattazione ma soprattutto a nuove opportunità di tutela dei diritti

«Creare tutto dal nuovo è proprio l’idea che stiamo attraversando – afferma a Sanità Informazione Franco Berardi, Segretario Nazionale Cisl Fp -. Non eventi in divenire – specifica – ma una nuova era nella quale dobbiamo costruire più attenzione alle persone e più giustizia. In questo senso dare più opportunità di tutela ai nostri associati è per noi essenziale. Il sindacato infatti – prosegue Berardi – nasce sì per la contrattazione ma soprattutto per la tutela, e la tutela a sua volta nasce non solo dall’azione dei singoli ma anche da azioni aggregate in solidarietà. È in questo senso – conclude – che vogliamo valorizzare offerte che vanno nella direzione di offrire ai nostri associati un supporto valido a rappresentare le istanze che consistono in diritti non sempre garantiti anche attraverso azioni di tutela legale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sanità, Cittadini (Aiop): «SSN pilastro fondamentale, Governo lo tuteli»
Secondo la presidente Aiop Cittadini «oltre ai problemi strutturali che affliggono il sistema da anni, la pandemia, la guerra russo-ucraina e la crisi energetica stanno mettendo in grande difficoltà il SSN e più volte abbiamo evidenziato il pericolo che si debba ricorrere al blocco delle prestazioni sanitarie a causa del caro bollette e di una crisi che investe a catena l’intero indotto del settore»
Oltre il 37% dei medici è pronto a lasciare il SSN per lavorare a gettone
Circa 4 medici su 10 sono pronti a lasciare il posto fisso in ospedale per lavorare come gettonisti. È il risultato emerso da un sondaggio flash proposto dalla Federazione CIMO-FESMED ad un campione di 1000 medici. Si rischia di dover celebrare presto il funerale del nostro Servizio sanitario nazionale
di Redazione
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Grandi dimissioni in sanità: nel 2021 via dal Ssn 3mila medici
Migliore (Fiaso): «Per recuperare attrattività bisogna assumere personale e garantire migliori condizioni di lavoro e retribuzioni adeguate. Incentivi per chi lavora nei pronto soccorso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 30 novembre 2022, sono 642.871.819 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.633.645 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa