Lavoro 3 Gennaio 2018

Chirurgia mininvasiva a macchia di leopardo in Italia: solo 50 unità operative complesse su 850 sarebbero accreditabili

Le due principali società scientifiche chirurgiche italiane, ACOI e SIC, lanciano il progetto Op2IMISE per sviluppare e applicare una metodologia standardizzata a livello nazionale di formazione dei chirurghi

Immagine articolo

«Se si facesse una valutazione della situazione della chirurgia colon rettale in Italia, vedremmo che su circa 850 unità operative complesse di chirurgia soltanto 50 sarebbero accreditabili». Sono tutt’altro che incoraggianti le parole di Pierluigi Marini, Presidente dell’Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani (ACOI), che fa il punto sullo stato della chirurgia italiana, ponendo in particolare l’attenzione su quella colon rettale.

«Il tumore al colon e al retto sono in questo momento i più diffusi nella popolazione. Oggi – sottolinea il Presidente Marini – possiamo operare in chirurgia laparoscopica garantendo outcome migliori per i pazienti e tempi di ricovero e di recupero più brevi. È vero che si tratta di una chirurgia che tecnologicamente pesa dal punto di vista economico, ma è vero pure che nel lungo termine, grazie ai migliori risultati sul paziente, i costi finali sono migliori. Eppure l’accesso a questo tipo di interventi non è garantito in modo eguale a tutti i pazienti sul territorio nazionale. Ci sono senz’altro – prosegue – delle realtà nel centro e nel nord dell’Italia dove le percentuali sono al livello di quelle del Regno Unito, ma è anche vero che ci sono delle realtà nel centro-sud dove queste percentuali sono pari a 0 o vicine allo 0. Inutile sottolineare le conseguenze di queste mancanze sul turismo sanitario, che è considerato da tutti una piaga sociale. E che probabilmente, se non verranno presi provvedimenti, non farà che aumentare».

Tra i motivi dell’offerta a macchia di leopardo di interventi in laparoscopia, anche la mancata formazione dei chirurghi. E proprio per questo l’ACOI, insieme alla SIC (Società Italiana di Chirurgia), ha promosso il progetto Op2IMISE, che intende sviluppare e applicare una metodologia standardizzata a livello nazionale di formazione per ottimizzare la qualità ed efficienza della chirurgia.

«Considerando la differenza estrema che c’è tra centro-nord e centro-sud, crediamo – specifica il Presidente Marini – che sia necessario intraprendere un percorso formativo importante, per i giovani ma anche per i meno giovani, per dotare i chirurghi delle giuste skills e far sì che le percentuali di adozione di questa tecnica chirurgica siano le stesse su tutto il territorio nazionale. Per far questo è necessario un programma nazionale proprio come Op2IMISE, sostenuto da due società scientifiche importanti come ACOI e SIC, dall’industria, grazie al contributo incondizionato di Medtronic, e speriamo anche dalle istituzioni».

«Il progetto è stato avviato quando ero Presidente di ACOI, un anno e mezzo fa – ricorda il Past President Diego Piazza -. In Italia purtroppo c’è una carenza di formazione e soprattutto una disomogeneità di formazione. È chiaro che per introdurre sul territorio nazionale delle tecnologie così avanzate, proprio come intendiamo fare, sia necessario un percorso formativo come quello proposto da questo progetto. D’altro canto – continua con amarezza – ricordiamo che recentemente è stato chiuso il 10% delle scuole di specializzazione sul territorio nazionale perché non rispettavano i requisiti minimi».

Proprio sul tema delle scuole di specializzazione interviene nuovamente Pierluigi Marini: «Io avverto un notevole disagio degli specializzandi e dei neo specialisti, e credo che il nuovo decreto legge sull’organizzazione delle scuole di specializzazione possa aiutare ad andare nella giusta direzione. La professione chirurgica va difesa perché oggi i chirurghi sono un po’ come i panda: in via di estinzione. Dobbiamo rilanciare l’attività chirurgica, dobbiamo riportare entusiasmo nei giovani e convincerli di fare questo mestiere. E poi continuare a formare sempre i chirurghi, perché l’attività chirurgica è una scienza in continua evoluzione per stare al passo con i tempi bisogna mantenersi costantemente aggiornati».

Articoli correlati
Carenza medici, Luca Zaia: «Concorsi deserti in Veneto, problema grave». Marini (Acoi): «Parole di verità, noi pronti a piano straordinario»
Il presidente dell’Associazione nazionale dei chirurghi ospedalieri commenta le parole di Luca Zaia: «Pronti a fornire il nostro contributo alle Regioni così come al Ministero per mettere in campo azioni urgenti che evitino che si superi il livello di guardia e accelerare i tempi di una indispensabile e seria riforma della formazione professionale»
La rivista scientifica della Società Italiana di Chirurgia è l’ottava più autorevole al mondo
Il presidente SIC Paolo De Paolis: «È un successo di tutta la chirurgia italiana»
Giuramento d’Ippocrate, Bartoletti (OMCeO Roma): «Molti colleghi hanno problemi disciplinari perché ignorano il codice deontologico»
Hanno assistito al rito di iniziazione alla professione per seicento neoiscritti i rappresentanti istituzionali del mondo medico. «Il codice non si affigge solo al muro: va letto, osservato e compreso» ha precisato Pier Luigi Bartoletti. Il senatore Sileri: «Mantenete l’entusiasmo e aggiornatevi sempre». D’Amato (Regione Lazio): «Giovani investimento sul futuro»
Specializzazioni mediche, aumentano i contratti. Ecco il decreto del Miur con la distribuzione dei posti
Aumentati i contratti di formazione medica specialistica per il 2018/2019. Sono 8.776. «Dobbiamo superare l'imbuto formativo e dare ai giovani laureati la concreta opportunità di completare il proprio percorso ed esercitare la professione. L’Italia ha bisogno di medici» ha precisato il ministro Marco Bussetti che ha firmato il provvedimento
Marini (Acoi): «Rivoluzionare formazione o usciamo dalle scuole»
«Il ministro Grillo conosce i nodi della sanità’ e voglio ringraziarla per l’attenzione che ha posto sul tema specializzandi e sul nostro progetto degli Ospedale-Scuola. Il tema centrale è la formazione e non c’è dubbio che se alle buone intenzioni non seguiranno i fatti i chirurghi italiani valuteranno l’uscita dalle reti formative nazionali». Lo ha […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...