Lavoro 3 gennaio 2018

Chirurgia mininvasiva a macchia di leopardo in Italia: solo 50 unità operative complesse su 850 sarebbero accreditabili

Le due principali società scientifiche chirurgiche italiane, ACOI e SIC, lanciano il progetto Op2IMISE per sviluppare e applicare una metodologia standardizzata a livello nazionale di formazione dei chirurghi

Immagine articolo

«Se si facesse una valutazione della situazione della chirurgia colon rettale in Italia, vedremmo che su circa 850 unità operative complesse di chirurgia soltanto 50 sarebbero accreditabili». Sono tutt’altro che incoraggianti le parole di Pierluigi Marini, Presidente dell’Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani (ACOI), che fa il punto sullo stato della chirurgia italiana, ponendo in particolare l’attenzione su quella colon rettale.

«Il tumore al colon e al retto sono in questo momento i più diffusi nella popolazione. Oggi – sottolinea il Presidente Marini – possiamo operare in chirurgia laparoscopica garantendo outcome migliori per i pazienti e tempi di ricovero e di recupero più brevi. È vero che si tratta di una chirurgia che tecnologicamente pesa dal punto di vista economico, ma è vero pure che nel lungo termine, grazie ai migliori risultati sul paziente, i costi finali sono migliori. Eppure l’accesso a questo tipo di interventi non è garantito in modo eguale a tutti i pazienti sul territorio nazionale. Ci sono senz’altro – prosegue – delle realtà nel centro e nel nord dell’Italia dove le percentuali sono al livello di quelle del Regno Unito, ma è anche vero che ci sono delle realtà nel centro-sud dove queste percentuali sono pari a 0 o vicine allo 0. Inutile sottolineare le conseguenze di queste mancanze sul turismo sanitario, che è considerato da tutti una piaga sociale. E che probabilmente, se non verranno presi provvedimenti, non farà che aumentare».

Tra i motivi dell’offerta a macchia di leopardo di interventi in laparoscopia, anche la mancata formazione dei chirurghi. E proprio per questo l’ACOI, insieme alla SIC (Società Italiana di Chirurgia), ha promosso il progetto Op2IMISE, che intende sviluppare e applicare una metodologia standardizzata a livello nazionale di formazione per ottimizzare la qualità ed efficienza della chirurgia.

«Considerando la differenza estrema che c’è tra centro-nord e centro-sud, crediamo – specifica il Presidente Marini – che sia necessario intraprendere un percorso formativo importante, per i giovani ma anche per i meno giovani, per dotare i chirurghi delle giuste skills e far sì che le percentuali di adozione di questa tecnica chirurgica siano le stesse su tutto il territorio nazionale. Per far questo è necessario un programma nazionale proprio come Op2IMISE, sostenuto da due società scientifiche importanti come ACOI e SIC, dall’industria, grazie al contributo incondizionato di Medtronic, e speriamo anche dalle istituzioni».

«Il progetto è stato avviato quando ero Presidente di ACOI, un anno e mezzo fa – ricorda il Past President Diego Piazza -. In Italia purtroppo c’è una carenza di formazione e soprattutto una disomogeneità di formazione. È chiaro che per introdurre sul territorio nazionale delle tecnologie così avanzate, proprio come intendiamo fare, sia necessario un percorso formativo come quello proposto da questo progetto. D’altro canto – continua con amarezza – ricordiamo che recentemente è stato chiuso il 10% delle scuole di specializzazione sul territorio nazionale perché non rispettavano i requisiti minimi».

Proprio sul tema delle scuole di specializzazione interviene nuovamente Pierluigi Marini: «Io avverto un notevole disagio degli specializzandi e dei neo specialisti, e credo che il nuovo decreto legge sull’organizzazione delle scuole di specializzazione possa aiutare ad andare nella giusta direzione. La professione chirurgica va difesa perché oggi i chirurghi sono un po’ come i panda: in via di estinzione. Dobbiamo rilanciare l’attività chirurgica, dobbiamo riportare entusiasmo nei giovani e convincerli di fare questo mestiere. E poi continuare a formare sempre i chirurghi, perché l’attività chirurgica è una scienza in continua evoluzione per stare al passo con i tempi bisogna mantenersi costantemente aggiornati».

Articoli correlati
Chirurgia, la cartilagine del naso rigenera quella del ginocchio. Primo intervento a Milano
Primo intervento chirurgico in Italia di riparazione della cartilagine articolare del ginocchio utilizzando cellule prelevate dal setto nasale. Lo ha eseguito il professor Giuseppe Peretti, responsabile EUORR (Equipé Universitaria di Ortopedia Rigenerativa e Ricostruttiva) dell’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano e docente presso l’Università degli Studi di Milano. Questo primo intervento si colloca nell’ambito di uno […]
Formazione, nasce il corso ECM residenziale “empatia e burnout”
L’empatia come strumento per la prevenzione del Burnout è il tema del corso residenziale che si svolgerà in una location unica – la Casa del Divin Maestro – ad Ariccia, a pochi chilometri da Roma. Domandarsi la funzione dell’esercizio empatico nell’ambito delle professioni socio-sanitarie è come domandarsi la funzione dei libri all’interno di una biblioteca. Il concetto […]
Formazione, Paola Kruger: «Il paziente esperto è un valore aggiunto per il medico, non un contrasto»
«Essere un paziente esperto significa saper interloquire con gli altri stakeholders allo stesso livello e con un linguaggio scientifico che serve per veicolare le istanze da paziente nella maniera più corretta e autorevole» così Paola Kruger, Paziente Esperto EUPATI
Università San Raffaele: pubblicati i bandi per l’ammissione ai corsi di laurea per le professioni sanitarie
Sono stati pubblicati i bandi dell’Università Vita-Salute San Raffaele relativi alle ammissioni all’anno accademico 2019/2020 dei corsi di laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia. I test si svolgeranno con la modalità computer based presso le sedi nazionali del centro Selexi Test Center tra l’1 e il 12 marzo 2019 e sarà possibile iscriversi online fino alle […]
Sciopero medici, la voce degli studenti: «Senza programmazione e finanziamenti il nostro futuro è drammatico»
Blocco del turnover, imbuto formativo e precarietà sono solo alcune delle ragioni che hanno spinto tanti studenti di medicina e specializzandi a supportare lo sciopero di venerdì scorso indetto dalla dirigenza medica e sanitaria: «Per noi studenti diventa sempre più complesso capire se avremo un futuro nell’ambito della sanità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...