Lavoro 3 gennaio 2018

Chirurgia mininvasiva a macchia di leopardo in Italia: solo 50 unità operative complesse su 850 sarebbero accreditabili

Le due principali società scientifiche chirurgiche italiane, ACOI e SIC, lanciano il progetto Op2IMISE per sviluppare e applicare una metodologia standardizzata a livello nazionale di formazione dei chirurghi

Immagine articolo

«Se si facesse una valutazione della situazione della chirurgia colon rettale in Italia, vedremmo che su circa 850 unità operative complesse di chirurgia soltanto 50 sarebbero accreditabili». Sono tutt’altro che incoraggianti le parole di Pierluigi Marini, Presidente dell’Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani (ACOI), che fa il punto sullo stato della chirurgia italiana, ponendo in particolare l’attenzione su quella colon rettale.

«Il tumore al colon e al retto sono in questo momento i più diffusi nella popolazione. Oggi – sottolinea il Presidente Marini – possiamo operare in chirurgia laparoscopica garantendo outcome migliori per i pazienti e tempi di ricovero e di recupero più brevi. È vero che si tratta di una chirurgia che tecnologicamente pesa dal punto di vista economico, ma è vero pure che nel lungo termine, grazie ai migliori risultati sul paziente, i costi finali sono migliori. Eppure l’accesso a questo tipo di interventi non è garantito in modo eguale a tutti i pazienti sul territorio nazionale. Ci sono senz’altro – prosegue – delle realtà nel centro e nel nord dell’Italia dove le percentuali sono al livello di quelle del Regno Unito, ma è anche vero che ci sono delle realtà nel centro-sud dove queste percentuali sono pari a 0 o vicine allo 0. Inutile sottolineare le conseguenze di queste mancanze sul turismo sanitario, che è considerato da tutti una piaga sociale. E che probabilmente, se non verranno presi provvedimenti, non farà che aumentare».

Tra i motivi dell’offerta a macchia di leopardo di interventi in laparoscopia, anche la mancata formazione dei chirurghi. E proprio per questo l’ACOI, insieme alla SIC (Società Italiana di Chirurgia), ha promosso il progetto Op2IMISE, che intende sviluppare e applicare una metodologia standardizzata a livello nazionale di formazione per ottimizzare la qualità ed efficienza della chirurgia.

«Considerando la differenza estrema che c’è tra centro-nord e centro-sud, crediamo – specifica il Presidente Marini – che sia necessario intraprendere un percorso formativo importante, per i giovani ma anche per i meno giovani, per dotare i chirurghi delle giuste skills e far sì che le percentuali di adozione di questa tecnica chirurgica siano le stesse su tutto il territorio nazionale. Per far questo è necessario un programma nazionale proprio come Op2IMISE, sostenuto da due società scientifiche importanti come ACOI e SIC, dall’industria, grazie al contributo incondizionato di Medtronic, e speriamo anche dalle istituzioni».

«Il progetto è stato avviato quando ero Presidente di ACOI, un anno e mezzo fa – ricorda il Past President Diego Piazza -. In Italia purtroppo c’è una carenza di formazione e soprattutto una disomogeneità di formazione. È chiaro che per introdurre sul territorio nazionale delle tecnologie così avanzate, proprio come intendiamo fare, sia necessario un percorso formativo come quello proposto da questo progetto. D’altro canto – continua con amarezza – ricordiamo che recentemente è stato chiuso il 10% delle scuole di specializzazione sul territorio nazionale perché non rispettavano i requisiti minimi».

Proprio sul tema delle scuole di specializzazione interviene nuovamente Pierluigi Marini: «Io avverto un notevole disagio degli specializzandi e dei neo specialisti, e credo che il nuovo decreto legge sull’organizzazione delle scuole di specializzazione possa aiutare ad andare nella giusta direzione. La professione chirurgica va difesa perché oggi i chirurghi sono un po’ come i panda: in via di estinzione. Dobbiamo rilanciare l’attività chirurgica, dobbiamo riportare entusiasmo nei giovani e convincerli di fare questo mestiere. E poi continuare a formare sempre i chirurghi, perché l’attività chirurgica è una scienza in continua evoluzione per stare al passo con i tempi bisogna mantenersi costantemente aggiornati».

Articoli correlati
Dissezione su cadavere, l’eccellenza all’università di Bologna: 400 metri quadri al servizio di studenti, chirurghi e ricercatori
L’Italia ferma ad un Regio Decreto del 1933. Ad ottobre 2018, Pierpaolo Sileri (M5S) ha presentato un disegno di legge in tema disposizione del proprio corpo e dei tessuti post mortem a fini di studio, di formazione e di ricerca scientifica
di Isabella Faggiano
Accademia dei pazienti-Eupati Italia, il paziente “esperto” affianca il medico nel percorso terapeutico
Informazione, formazione e competenza: un paziente preparato e consapevole supporta il professionista sanitario con la sua esperienza diretta di malattia, veicola le necessità degli altri ed aiuta ad arginare il fenomeno della disinformazione in salute
San Valentino, le tecniche antistress che salvano l’amore: una vita di coppia sana passa anche dalla regola delle tre “C”
La dottoressa Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista: «Consapevolezza, conoscenza e coscienza per stare bene con se stessi e con il partner. Così lo stress da nemico diventa alleato». On line il primo ebook "Antistress: teoria e pratica”
Ecco il guanto sensorizzato che insegna ad operare, valuta la funzionalità della mano e traduce la lingua dei segni
Sembra uscito da un film di supereroi, il guanto ‘sensorizzato’ inventato dal professor Giovanni Saggio dell’università Tor Vergata di Roma. A vederlo sembra un guanto comune, ma è l’unico in grado di misurare i movimenti della mano, valutando ogni singola articolazione delle dita. Può pilotare a distanza una mano robotica e controllare oggetti virtuali, può […]
Formazione, Vanja Ciolli (CeOR): «Aggiornamento fondamentale, tecnico ortopedico responsabile sicurezza dispositivi e qualità processi di produzione»
«Il tecnico ortopedico è obbligato da norme regionali e nazionali ad aggiornarsi al passo con l’evoluzione continua in medicina e a rispondere ai crediti formativi necessari» dichiara Vanja Ciolli (Amministratore Ce.OR) a Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...