Formazione 3 Gennaio 2018

Chirurgia mininvasiva a macchia di leopardo in Italia: solo 50 unità operative complesse su 850 sarebbero accreditabili

Le due principali società scientifiche chirurgiche italiane, ACOI e SIC, lanciano il progetto Op2IMISE per sviluppare e applicare una metodologia standardizzata a livello nazionale di formazione dei chirurghi

Immagine articolo

«Se si facesse una valutazione della situazione della chirurgia colon rettale in Italia, vedremmo che su circa 850 unità operative complesse di chirurgia soltanto 50 sarebbero accreditabili». Sono tutt’altro che incoraggianti le parole di Pierluigi Marini, Presidente dell’Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani (ACOI), che fa il punto sullo stato della chirurgia italiana, ponendo in particolare l’attenzione su quella colon rettale.

«Il tumore al colon e al retto sono in questo momento i più diffusi nella popolazione. Oggi – sottolinea il Presidente Marini – possiamo operare in chirurgia laparoscopica garantendo outcome migliori per i pazienti e tempi di ricovero e di recupero più brevi. È vero che si tratta di una chirurgia che tecnologicamente pesa dal punto di vista economico, ma è vero pure che nel lungo termine, grazie ai migliori risultati sul paziente, i costi finali sono migliori. Eppure l’accesso a questo tipo di interventi non è garantito in modo eguale a tutti i pazienti sul territorio nazionale. Ci sono senz’altro – prosegue – delle realtà nel centro e nel nord dell’Italia dove le percentuali sono al livello di quelle del Regno Unito, ma è anche vero che ci sono delle realtà nel centro-sud dove queste percentuali sono pari a 0 o vicine allo 0. Inutile sottolineare le conseguenze di queste mancanze sul turismo sanitario, che è considerato da tutti una piaga sociale. E che probabilmente, se non verranno presi provvedimenti, non farà che aumentare».

Tra i motivi dell’offerta a macchia di leopardo di interventi in laparoscopia, anche la mancata formazione dei chirurghi. E proprio per questo l’ACOI, insieme alla SIC (Società Italiana di Chirurgia), ha promosso il progetto Op2IMISE, che intende sviluppare e applicare una metodologia standardizzata a livello nazionale di formazione per ottimizzare la qualità ed efficienza della chirurgia.

«Considerando la differenza estrema che c’è tra centro-nord e centro-sud, crediamo – specifica il Presidente Marini – che sia necessario intraprendere un percorso formativo importante, per i giovani ma anche per i meno giovani, per dotare i chirurghi delle giuste skills e far sì che le percentuali di adozione di questa tecnica chirurgica siano le stesse su tutto il territorio nazionale. Per far questo è necessario un programma nazionale proprio come Op2IMISE, sostenuto da due società scientifiche importanti come ACOI e SIC, dall’industria, grazie al contributo incondizionato di Medtronic, e speriamo anche dalle istituzioni».

«Il progetto è stato avviato quando ero Presidente di ACOI, un anno e mezzo fa – ricorda il Past President Diego Piazza -. In Italia purtroppo c’è una carenza di formazione e soprattutto una disomogeneità di formazione. È chiaro che per introdurre sul territorio nazionale delle tecnologie così avanzate, proprio come intendiamo fare, sia necessario un percorso formativo come quello proposto da questo progetto. D’altro canto – continua con amarezza – ricordiamo che recentemente è stato chiuso il 10% delle scuole di specializzazione sul territorio nazionale perché non rispettavano i requisiti minimi».

Proprio sul tema delle scuole di specializzazione interviene nuovamente Pierluigi Marini: «Io avverto un notevole disagio degli specializzandi e dei neo specialisti, e credo che il nuovo decreto legge sull’organizzazione delle scuole di specializzazione possa aiutare ad andare nella giusta direzione. La professione chirurgica va difesa perché oggi i chirurghi sono un po’ come i panda: in via di estinzione. Dobbiamo rilanciare l’attività chirurgica, dobbiamo riportare entusiasmo nei giovani e convincerli di fare questo mestiere. E poi continuare a formare sempre i chirurghi, perché l’attività chirurgica è una scienza in continua evoluzione per stare al passo con i tempi bisogna mantenersi costantemente aggiornati».

Articoli correlati
Operarsi al cuore sotto ipnosi. Nonini (Niguarda): «Tempi rapidi e pazienti soddisfatti»
La dottoressa Sandra Nonini, specialista in anestesia e rianimazione, spiega tutte le potenzialità dell’ipnosi in ambito medico e i campi di applicazione: dal prelievo di sangue passando per gastroscopia, broncoscopia e colonscopia fino ad arrivare a interventi di cardiochirurgia
«La formazione manageriale come nudge per il SSN e per il post Covid»
Tra gli elementi che la pandemia ha sollecitato vi è anche quello della complessità dei Sistema Sanitario. L’implementazione di competenze diffuse e trasversali è stata indispensabile per proporre risposte organizzative e di gestione dei bisogni di salute anche in periodo Covid. Strumenti tecnici e human skills che sono necessarie a governare i processi verso obiettivi […]
di Marinella D’Innocenzo, Direttore Generale ASL Rieti e coordinatrice del Corso di formazione manageriale Direttori di Struttura complessa Istituto “Arturo Carlo Jemolo”
Consumerismo critica decreto Scuola: «L’eccellenza del nostro SSN svilita in Parlamento»
Secondo l'associazione dei consumatori, il bonus di 50 crediti ECM è «un sei politico per tutti che sa di premio alla mediocrità»
Covid 19 – Il virus della paura: in un docufilm la lezione da imparare dalla pandemia
Il documentario è pronto a sbarcare ai festival Internazionali e nelle piattaforme on demand. Tortorella (Consulcesi): «Cinema, scienza e tecnologia il nuovo modello internazionale per la formazione del personale sanitario e per una corretta informazione». Il ministro Speranza: «Ridare centralità alla sanità, attraverso la formazione e la ricerca»
‘Covid-19 Il virus della paura’, ecco com’è nato il docufilm che punta sulla formazione di qualità. Venerdì la presentazione
Il progetto verrà presentato il 12 giugno alle ore 11.30 sulla pagina Facebook di Consulcesi Club alla presenza di Ranieri Guerra (OMS), Roberto Speranza (ministro Salute), Giuseppe Ippolito (Spallanzani), Massimo Andreoni (Tor Vergata) e Giorgio Nardone (Centro di Terapia Strategica)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»