Lavoro 25 Giugno 2021 11:48

Certificazioni Covid, presentato il volume dell’Ordine dei medici di Roma

Sileri, D’Amato e Anelli hanno riconosciuto all’unisono l’importanza del volume e ringraziato l’Omceo per il “prezioso lavoro che contribuirà alla certezza nelle certificazioni e anche allo snellimento delle procedure”. Sia la Fnomceo che la Regione Lazio si sono dichiarate interessate e disponibili a diffondere il volume a livello nazionale

Alla presenza del sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, del presidente Fnomceo, Filippo Anelli, e dell’assessore alla Sanità del Lazio, Alessio d’Amato è stato presentato nella sede dell’Omceo capitolino il volume “Linee di indirizzo ed aspetti medico legali delle certificazioni mediche“, un manuale che mette insieme il lavoro di 33 autori in 348 pagine per semplificare un tema complesso e offrire un riferimento utile all’attività quotidiana di migliaia di professionisti.

«Il tema oggetto del libro – ha spiegato il presidente dell’Ordine, Antonio Magi – è complesso specie se consideriamo tutti quegli aspetti di carattere medico legale e di responsabilità professionale legati alle certificazioni stesse. Aspetti che essendo innumerevoli possono sfuggire anche ai colleghi più esperti. Districarsi, infatti, tra principi deontologici, responsabilità professionale e norme di carattere civile non sempre è agevole. Avere quindi un manuale di facile consultazione che, solo per citarne alcune, spazia dalle certificazioni sportive al rilascio del porto d’armi passando per le certificazioni in materia di lavoro, previdenziali, assistenza e malattia, fino alla recentissima e dunque attualissima normativa Covid, crediamo possa rappresentare per tutti voi un pratico punto di riferimento atto a fornire chiarezza e dissipare i tanti dubbi correlati alle numerose tematiche trattate».

Dalla responsabilità professionale del medico, con i suoi aspetti deontologici, fino alla recentissima normativa in materia di certificazione correlate alla malattia da Coronavirus SARS Cov 2. In mezzo le decine di certicazioni (per malattia, invalidità civile e pensionabile, gli infortuni sul lavoro, le patenti speciali e non, la maternità, il porto d’armi, la certificazione di morte, i TSO, le certificazioni sportive) oggetto d’interesse quotidiano per i medici ai quali costantemente giungono le più svariate e, spesso, “sui generis” richieste di rilascio attestati. Un lavoro di aggiornamento complesso e importante poiché la disciplina delle certificazioni coinvolge diversi aspetti dell’attività quotidiana del medico.

La curatrice, Cristina Patrizi, ha ribadito che “questo non è un lavoro autoreferenziale. Abbiamo deciso di non rivolgerci a dei professionisti, consulenti esterni ma di coinvolgere le migliori espressioni della nostra professione certi che fosse necessario ascoltare e dare la parola ai nostri colleghi, coloro i quali quotidianamente sono al servizio sia dei cittadini che della professione medica all’interno delle istituzioni coinvolte e del territorio. Siano questi enti pubblici, Inps, Inail, Polizia di Stato che Università, Asl, Medici di famiglia, Specialisti Ambulatoriali ed Ospedalieri”.

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, in collegamento telematico, ha riconosciuto la complessità del lavoro e ha ringraziato in quanto medico «perché – ha spiegato – immagino quanto sia stato complesso generare linee guida e di indirizzo in una giungla di norme, circolari, aggiornamenti e quant’altro. Le complessità in questo volume trovano semplicità, si tratta quindi di uno strumento utile per chi dovrà fare le certificazioni mediche».

Secondo l’assessore regionale Alessio D’Amato, presente in sala «va dato atto all’Omceo Roma di avere creato questo prezioso strumento che contribuirà alla certezza nelle certificazioni e anche allo snellimento delle procedure, perché in un unico volume sono raccolte tutte le indicazioni normative, è una sorta di testo unico che arriva alle ultime disposizioni sul Covid. Noi come Regione abbiamo dato disponibilità a fornirlo a tutti i medici nelle forme che l’Ordine riterrà opportune perché ritengo che sia uno strumento molto importante».

«Le certificazioni – ha riferito Filippo Anelli, presidente Fnomceo, sono parte fondamentale del medico e aver racchiuso insieme in un unico testo tutte le possibili certificazioni suggerendo anche schemi per semplificare l’attività professionale significa aver reso un grande servizio a tutta la nostra comunità professionale. Sono contento- continua Anelli- che oggi Magi abbia detto di essere disponibile a metterlo a disposizione della Federazione».

Il volume da oggi sarà a disposizione degli iscritti all’ordine di Roma in formato Pdf, scaricabile attraverso la propria area personale. Ma l’iniziativa è piaciuta al punto che sia il presidente Anelli che l’assessore D’Amato si sono detti interessati e disponibili a diffonderlo, il primo a livello nazionale attraverso le Omceo provinciali il secondo a distribuirlo all’interno della Regione Lazio.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Rifiuti a Roma, Magi (OMCeO): «Si verifichino rischi». L’igienista Fara: «Attenzione agli animali e ai roghi»
Non accenna a risolversi l’emergenza rifiuti che attanaglia la Capitale. Un problema di decoro ma anche di salute. Magi: «Serve piano strutturale per evitare che riaccada in futuro». Gaetano Maria Fara (professore di Igiene): «Se prendono fuoco rifiuti speciali pericoli per la salute»
OMCeO Roma, Luisa Regimenti nominata presidente della Consulta medico-legale dell’Ordine
«Sarà un punto di riferimento per i professionisti del settore, che operano con grande attenzione e impegno nell’attuale complessità dell’emergenza pandemica» sottolinea Luisa Regimenti
Giornata personale sanitario, la cerimonia dell’Ordine dei Medici di Roma
Una targa con il Giuramento d'Ippocrate e un ulivo i simboli scelti per ricordare i medici deceduti a causa del Covid-19
Vaccino anti SARS-CoV-2. Magi: «Bene l’iniziativa del Lazio di vaccinare anche tutti i sanitari non operanti nelle strutture del SSR»
Tutti gli operatori sanitari in attività nel territorio della Regione Lazio, che non lavorano nelle strutture del SSR, saranno coinvolti nelle prossime settimane nella campagna vaccinale anti SARS-CoV-2. Lo prevede una lettera della Regione inviata a tutti i presidenti di Ordini professionali che operano nella sanità
Ex specializzandi, De Lillo (OMCeO Roma): «Sfruttare occasione della Legge di Bilancio per approvare transazione»
Il vicepresidente dell’Ordine dei Medici di Roma: «Riformare il sistema formativo, dall’accesso a Medicina alle borse di specializzazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva