Lavoro 10 Dicembre 2018

Blockchain, Scaramuccia (IBM): «Con la FDA tracceremo gli studi clinici e con Carrefour il pollo»

La Director di IBM Health & Life Science elenca a Sanità Informazione i vantaggi della catena dei blocchi in sanità, dalla filiera del farmaco alla sicurezza alimentare

Immagine articolo

Trasparenza, fiducia e sicurezza dei dati. Che siano sanitari, della ricerca clinica o della filiera del pollo. È quanto garantito dalla blockchain, l’innovativa tecnologia formata dalla rinomata ‘catena di blocchi’ alla base delle criptovalute, ma applicabile in un numero infinito di altri ambiti. Dalla ricerca, alla sanità, alla sicurezza alimentare, appunto. La blockchain offre infatti una serie di vantaggi che la fanno rientrare di diritto nella categoria delle innovazioni che cambieranno innumerevoli settori. Ne abbiamo parlato con Daniela Scaramuccia, Director di IBM Health & Life Science, a margine di un convegno organizzato dall’Istituto Superiore di Sanità dedicato proprio alla blockchain in sanità.

CLICCA QUI PER ESSERE AGGIORNATO SULLA RIVOLUZIONE BLOCKCHAIN IN SANITÀ

Dottoressa, perché è così importante la blockchain per la sanità?

«La blockchain è uno strumento che può aiutarci a superare alcune barriere. Si tratta di un registro condiviso, ovviamente non accessibile da tutti, che garantisce a chi ne ha il diritto l’accesso e la trasparenza alle informazioni che vi sono registrate. Permette inoltre di conoscere chi è entrato nel registro e chi ha aggiunto nuovi dati, garantendo l’immutabilità delle informazioni. Quindi, se pensiamo ai problemi legati al monitoraggio delle filiere di produzione, è chiara l’importanza di avere dati certi, sicuri e immutabili. E questo vale per la sicurezza alimentare, la filiera dei farmaci o gli studi clinici, ad esempio. Ecco, la blockchain ci aiuta a costruire questa trasparenza».

Quali sono i principali progetti che state portando avanti?

«Ne abbiamo diversi in vari settori, comprese la sanità e la sicurezza alimentare. In ambito sanitario abbiamo due progetti importanti: uno con la Food and Drug Administration americana, che è l’equivalente della nostra Aifa, per la tracciatura e lo scambio sicuro dei dati della ricerca clinica. L’altro è con il servizio sanitario americano ed il servizio di statistica, e prevede la raccolta volontaria dei dati sanitari dei pazienti che vogliano far parte del progetto, per garantire, ancora una volta, uno scambio sicuro dei dati.

E per la sicurezza alimentare?

«Abbiamo costruito un food trust che consente di monitorare tutto il processo, dalle materie prime e la produzione fino al bancone del supermercato. Adesso la catena Carrefour sta sperimentando un progetto di sicurezza alimentare sulla propria filiera, e ha deciso di partire dal pollo, un esempio complesso in cui ci sono diversi elementi che possono influire sul prodotto. L’obiettivo finale è riuscire a ricostruire tutta la filiera semplicemente scansionando il codice del pollo. Ed è importante non solo per la trasparenza nei confronti dei consumatori, ma anche per le aziende stesse che, in caso di problemi o difficoltà, possono fare un richiamo rapidamente senza perdere tempo. In questo modo, si aumenterebbe la sicurezza degli alimenti che mangiamo».

LEGGI GLI APPROFONDIMENTI DI SANITÀ INFORMAZIONE DEDICATI ALLA BLOCKCHAIN IN SANITÀ 

Articoli correlati
Dati sanitari, Denham (Commissario informazione UK): «Necessario equilibrio tra protezione e utilizzo per ricerca»
«I dati sanitari sono tra i più sensibili. Le persone sono particolarmente preoccupate quando informazioni di questo tipo vengono violate o non si conosce il modo in cui vengono utilizzate». Così il commissario per l’informazione del Regno Unito Elizabeth Denham
Brad Smith, presidente Microsoft: «Cura per il cancro entro il 2030 grazie a intelligenza artificiale e machine learning»
Intervenuto alla conferenza internazionale delle autorità per la privacy in corso a Tirana, il presidente di Microsoft spiega a Sanità Informazione in che modo il colosso sta cercando di proteggere i dati personali degli utenti
di Giulia Cavalcanti e Cesare Buquicchio - Inviati a Tirana (Albania)
Dati sanitari e blockchain protagonisti della conferenza mondiale della privacy di Tirana. Parla Busia (Garante Privacy)
«La blockchain è uno strumento importante. Rappresenta una sfida», spiega il Garante della Privacy, Giuseppe Busia commentando l’iniziativa di Consulcesi Tech dedicata alla blockchain nel corso dell’evento ICDPPC
di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti - Inviati a Tirana (Albania)
Cybersecurity, Chiappetta (Aspisec): «I dati sanitari fanno gola agli hacker. Ecco come proteggerli»
Il settore sanitario è il nuovo bersaglio degli attacchi informatici: gli ospedali e le strutture sanitarie devono mettere in campo strategie adeguate a garantire la sicurezza dei dati dei pazienti. Ci spiega tutto Andrea Chiappetta, Amministratore di Aspisec
Big Data e ambiente, Desideri (ISS): «Il 30% delle cause di mortalità per tumore sono da ricondurre agli stili di vita»
«L’ambiente di vita e di lavoro deve essere al centro delle politiche del sistema sanitario pubblico» ha evidenziato Enrico Desideri, Presidente Fondazione ISS, a margine del congresso Big Data in Health di cui Sanità Informazione è stata media partner. E sul diritto dei cittadini ad intraprendere azioni legali per la mancata tutela della salute: «I cittadini devono alzare la voce e farsi sentire»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Salute

Droga, bambini in astinenza. Parla il neonatologo: «Non c’è un picco, ma a volte conseguenze devastanti»

L'intervista ad Antonello Del Vecchio, neonatologo della Società Italiana di Pediatria: «Mix di droghe devastante, ma il loro utilizzo in gravidanza non è in aumento». E a provocare le crisi non c...