Lavoro 10 Novembre 2015 17:06

#BastaTurniMassacranti. Le risposte del Ministro sul 25 novembre

Lorenzin: «Intervenire sul personale. Risponderò a segnalazioni di Sanità informazione». Le voci dal vertice Aran-Sindacati: «Norme sugli orari da rispettare, apriamo confronto su modalità e contratto». Intanto pronti migliaia di ricorsi

#BastaTurniMassacranti. Le risposte del Ministro sul 25 novembre

Credo che per il 25 novembre bisogna proprio farcela. Lo dobbiamo ai nostri medici che hanno dato tanto in questi anni di crisi». La volontà del ministro della Salute Beatrice Lorenzin, espressa ai nostri microfoni, di superare definitivamente la questione relativa agli eccessivi orari di lavoro cui sono sottoposti i camici bianchi italiani c’è. I mezzi per farlo, forse, no. Lo testimoniano le decine e decine di segnalazioni che continuano ad arrivare ogni giorno in redazione da quando Sanità informazione ha lanciato la campagna #BastaTurniMassacranti. Anche il ministro ha chiesto di visionarle personalmente per prendere in carico le situazioni più difficili: «Inviate a noi le testimonianze che vi arrivano dai medici, cercheremo di dare risposte».

Dall’altra parte della simbolica barricata ci sono sindacati e rappresentanti della categoria, anche loro in fibrillazione in vista del 25 novembre. Le loro voci si sono fatte sentire al tavolo convocato dal governo all’Aran (Agenzia della rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni) a cui Sanità informazione ha assistito in esclusiva. «È un confronto difficile ma apprezziamo il senso di responsabilità delle organizzazioni che hanno accettato di avviare un percorso per affrontare punto per punto le implicazioni della norma» spiega Sergio Gasparrini, presidente Aran. «Si prova a risolvere la questione in extremis, ma sembra un tentativo strumentale. È importante scongiurare – afferma Costantino Troise (Anaao-Assomed) – proposte di dubbia legittimità sull’applicazione della direttiva. Ricorsi? Quando fallisce la politica, la parola passa ai giudici…». «La soluzione è politica, prima che contrattuale – ribadisce il presidente Cimo, Riccardo Cassi – bisogna inserire norme cogenti che consentano la definizione della nuova figura professionale del medico e nuove regole per il suo lavoro». «Si è perso fin qui troppo tempo. La questione va risolta attraverso la stabilizzazione dei precari, reperendo risorse ad hoc nella Stabilità – commenta la responsabile Sanità nella Segreteria Nazionale FP CGIL, Cecilia Taranto – e dal 25 novembre invitiamo tutto il personale sanitario ad attenersi alla normativa, compreso il riposo di almeno 11 ore tra un turno e l’altro». «Siamo tutti compatti nel non concedere né deroghe, né proroghe – afferma il Segretario Generale di Cisl Medici, Biagio Papotto – e chiediamo un intervento immediato del Governo in termini di risorse per applicare la Legge e far terminare i turni massacranti che hanno già prodotto migliaia di ricorsi, tutti legittimati dalla violazione di una direttiva europea».

Il tempo è quasi scaduto. L’Italia aveva un anno per mettersi in regola con la direttiva europea 2003/88 ma, da quando si è resa conto di avere un problema e ha tentato di metterci una toppa, poco o nulla sembra essere stato fatto. Arrivati a questo punto il ministro non prende neanche in considerazione l’idea di ulteriori proroghe: «Come sappiamo – ha spiegato ancora ai nostri microfoni – l’Italia è stata messa in infrazione dall’Europa perché non attuava questa specifica direttiva. Per questo dobbiamo metterla in pratica, senza dubbio». A fare le spese di questa brutta storia all’italiana è stato, dunque, finora «il personale sanitario, che io ritengo abbia dato moltissimo in questi anni di crisi economica, e che adesso dobbiamo cominciare ad inquadrare in maniera diversa, dando il via ad una fase in cui affronteremo in maniera più chiara e diretta alcune problematiche relative al personale. Certo, magari non tutte insieme, non tutte subito, ma che almeno ci sia un’indicazione di rotta chiara».

Il ministro dimostra di voler affrontare in prima persona il problema per dare un minimo di sollievo ad una categoria che tanto fa per i cittadini italiani e che non può più reggere orari di lavoro di questo tipo. Solo qualche giorno fa, Consulcesi – che tutela oltre 70mila medici – ha quantificato in 5mila (e in veloce aumento) i ricorsi già avviati dai camici bianchi per ottenere un rimborso per la violazione della normativa europea. Se nulla cambierà, il fronte giudiziario aperto potrà costare caro allo Stato. Anche perché i diretti interessati sembrano essere arrivati al limite: la dottoressa Aurora Landriani, ad esempio, punta il dito non soltanto contro gli orari di lavoro eccessivi, ma anche contro un trattamento economico «non proporzionato alle spese vive di gestione delle professione, alle responsabilità e ai carichi di lavoro propri di un’attività molto delicata, ad alto rischio di stress psico-fisico e di contenziosi». Per il dottor Francesco Bray, invece, quello dei turni massacranti è un problema legato non soltanto agli orari di lavoro, ma anche al modo in cui la classe medica stessa vede la professione in generale: «Bisogna riqualificare la nostra professione – ci scrive – e fare in modo che i medici siano più consapevoli dell’importanza del proprio ruolo».

Queste sono soltanto due delle tante testimonianze che ci arrivano ogni giorno. Da oggi, però, come chiesto dal ministro Lorenzin, ogni segnalazione indirizzata alla casella redazione@sanitainformazione.it verrà girata direttamente al Ministero della Salute.

Articoli correlati
Perché andare nelle Case della Comunità, se lo studio medico è sotto casa? Risponde Pina Onotri (SMI)
Il Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani, in un’intervista a Sanità Informazione ripercorre le principali criticità del PNNR. Le proposte: «Modificare la legge 502/92 e studiare un meccanismo flessibile di equivalenza scelta/ore, che permetta ai medici con un carico assistenziale inferiore al massimale di coprire un debito orario nelle case di comunità, retribuiti a quota oraria o capitaria»
Specializzandi, il 30% lavora più di 70 ore settimanali. «Scarse tutele e condizioni ai limiti dello sfruttamento»
I risultati dell’inchiesta dell’Associazione “Chi si cura di te?” sull’orario di lavoro dei medici in formazione specialistica. Fra orari insostenibili, riposi mancati e diritti negati
Via ai lavori della «Corte d’Appello» dei sanitari, precedenza ai ricorsi contro le radiazioni
Nel corso della prima riunione della nuova Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie, che si è tenuta ieri, sono state stabilite le linee di indirizzo per smaltire le pratiche arretrate: riunioni più frequenti e priorità alle radiazioni
Sanzioni medici, presto ricorsi e sospensive «scongelati»
È previsto per domani l'insediamento della nuova Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie, la Corte d'Appello a cui medici possono presentare ricorso a seguito di un provvedimento disciplinare. Le sanzioni sono rimaste in sospeso da oltre un anno
«Può un infermiere nel 2022 morire di turni massacranti?»
Il nostro sindacato chiede a tutti gli infermieri italiani, in tutti gli ospedali e in tutte le strutture private, da Nord a Sud, di osservare un minuto di silenzio e di raccoglimento. Gli infermieri possono morire a causa dei turni massacranti? La scomparsa della collega Sara Sorge, deceduta in un incidente mortale, sembrerebbe accertato, dopo […]
di Antonio De Palma, presidente Nursing Up
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...