Lavoro 24 novembre 2015

#BastaTurniMassacranti: «È ora di restituire ai medici tempo e salute». L’appello di Roberta Chersevani FNOMCeO

Il tempo è scaduto. I medici non possono più lavorare oltre l’orario consentito. Lo dice la legge, la categoria e migliaia di ricorsi in tribunale. Lo dice la tutela della loro salute e la sicurezza dei pazienti…

Immagine articolo

Il tempo è scaduto. I medici non possono più lavorare oltre l’orario massimo consentito. Lo chiedono loro per primi, a tutela della loro salute e, soprattutto, a tutela di quella dei pazienti. Lo chiedono i sindacati e la politica, che i medici e tutti i cittadini rappresentano.


Lo esigono da questo momento anche l’Europa, con una direttiva del 2003 finora inapplicata, e la Repubblica italiana, con una legge (la 161/2014) appena entrata in vigore. Lo pretendono migliaia di ricorsi che per quella violazione comunitaria si sono accumulati e si accumulano di ora in ora e che vedono i giudici sempre più propensi a far scattare i rimborsi. Si unisce al coro, ai microfoni di Sanità informazione, anche il capo dei medici italiani, Roberta Chersevani, Presidente FNOMCeO: «È ora di dire basta e restituire tempo e salute ai camici bianchi e ai pazienti».

«L’articolo 20 del codice deontologico parla di relazione di cura e descrive molto bene questo rapporto speciale di qualcuno che si affida ad un’altra persona per un bene che è così fondamentale come la salute. L’ultimo paragrafo dice che il tempo dedicato al paziente è tempo di cura. Se vado a vedere certi turni in cui torniamo all’ambito ecografico che è un ambiente che conosco, in 20 minuti si deve fare l’esame, refertarlo, vedere il paziente e comunicare il risultato; molto spesso la comunicazione diventa problematica, tanto più quando le situazioni sono serie (malattie importanti, malattie che richiedono grande dialogo, tarpato perché si è di corsa). Questo è fondamentale da recuperare».

L’Italia in questi giorni si adegua, almeno formalmente, alla normativa europea sul rispetto dei riposi e degli orari settimanali della classe medica. Che succede concretamente?
«Io sono un po’ preoccupata ma d’altra parte noi su tutto ciò che arriva dall’Europa abbiamo un ritardo cronico per cui è verosimile che anche questo diventi cronico. Staremo molto attenti e valuteremo».

Ma un medico che per senso di responsabilità e per tempo dedicato ai pazienti spesso e volentieri si sobbarca turni massacranti quali strumenti ha per tutelare la sua di salute?
«Tornando al codice, cui sono vicina perché ci ho lavorato durante il periodo di revisione, ci sono dei punti in cui effettivamente si dà importanza allo “star bene” del medico. Io arrivo a dire che potrebbe venire a Gorizia, presso l’Ordine di cui sono presidente, e dire ‘Guarda Roberta, io non ce la faccio più’ e probabilmente sarebbe il caso che l’Ordine si attivasse, sentendo la direzione generale e dica ‘guarda, questo ragazzo è in queste condizioni…‘. Se il pilota ha necessità di dormire il giusto e il volo viene rimandato, lo stesso può farsi per il collega medico».

Articoli correlati
FNOPO: «Sempre con le donne per garantire sicurezza anche in caso di scelte dolorose»
«Promuovere e tutelare la salute delle donne è la mission della professione ostetrica rimanendole accanto anche in un momento difficile come la scelta dell’interruzione volontaria della gravidanza (IVG), da realizzare in sicurezza secondo specifico percorso diagnostico terapeutico assistenziale». Commentano così la Giornata internazionale per l’aborto sicuro i vertici della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica (FNOPO). «Pensare […]
Carenza medici, le proposte dei sindacati: tutti d’accordo su aumento borse ma distanze su apertura concorsi a specializzandi
L'Anaao Assomed propone teaching hospital e richiede nuova programmazione del fabbisogno. Fp Cgil medici, Cisl medici e Uil Fpl medici: «Necessario drastico cambio di rotta». CIMO: «Rivedere il sistema attraverso una programmazione seria del fabbisogno del personale e dei meccanismi di accesso alla professione medica»
Carenza Specialisti, AAROI-EMAC: «Affrontare emergenza ma con regole e corretta programmazione»
In Italia – ormai è un dato di fatto – la carenza di Medici Specialisti Ospedalieri, tra i quali gli Anestesisti Rianimatori, sta mettendo a rischio i LEA. Alle Organizzazioni Sindacali di categoria oggi viene chiesto di collaborare per una soluzione che nell’immediato possa assicurare ai cittadini che questo rischio sia allontanato ricorrendo all’utilizzo dei […]
Fondazione Ime, la protesta dei lavoratori: «Chiusura ingiustificabile. A rischio anche il diritto alle cure di molti pazienti da tutto il mondo»
“Ricollocazione”: è questa la richiesta unanime dei professionisti dell’Istituto Mediterraneo di Ematologia che, dopo 15 anni di prestigiosa attività di cooperazione sanitaria internazionale, rischia la chiusura. Lavoratori chiedono un incontro con le Istituzioni
di Isabella Faggiano
Sanità, Cimo propone nuova governance: agenzia unica di contrattazione e passaggio del personale sanitario sotto il Ministero della Salute
Nel pacchetto anche il riconoscimento della specificità e dell’alta professionalizzazione dell’area medica rispetto agli altri settori della pubblica amministrazione, configurando un contratto collettivo diverso da quelli del personale dei ministeri, degli enti locali o altri comparti della PA. Quici: «Vogliamo rilanciare il dibattito sul tema della rappresentanza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...