Lavoro 2 agosto 2016

Banche salve con i contributi dei medici? Frenata dell’Enpam

Verso il dietrofront sull’operazione da 100 milioni per investire nel fondo “Atlante 2” che aveva sollevato dubbi e critiche tra sindacati e associazioni. I Giovani Medici del SIGM al Governo: «Ente si focalizzi su assistenza e previdenza»

Immagine articolo

Offerta tecnica non adeguata. Per questo motivo arriva la frenata dell’Enpam su Atlante 2, il fondo di investimento per il salvataggio delle banche italiane in difficoltà. Nello specifico, l’offerta non soddisfaceva la maggiore autonomia gestionale richiesta dall’ente come presupposto essenziale per partecipare all’operazione di salvataggio del sistema bancario, che prevedeva l’investimento di 100 milioni di euro sul totale di 500 milioni chiesti dal governo all’Adepp, l’associazione che rappresenta 19 casse di previdenza sociale.

L’operazione era stata contestata dal fronte dei no, composto da associazioni e sindacati di categoria, uniti nel manifestare il proprio dissenso nei confronti di una operazione ritenuta inopportuna sotto il profilo etico, politico ed economico. Etico perché dal patrimonio delle casse dipende il futuro previdenziale di milioni di professionisti, politico perché l’operazione viene percepita come una ciambella di salvataggio lanciata ad un governo in chiaro affanno, economico perché l’esito è del tutto incerto considerando che, a fronte di un rendimento atteso del 6%, gli enti dovranno farsi carico di sofferenze bancarie il cui recupero è tutt’altro che scontato.

In particolare, SIGM, la principale associazione di riferimento dei Giovani Medici ha ribadito la finalità pubblica dell’ente, invitandolo a occuparsi di «previdenza e assistenza dando pieno valore al suo ruolo» e a non modificare il proprio DNA, evitando il coinvolgimento in una operazione che «può essere pericolosa per il futuro previdenziale dei giovani medici». Sempre con riferimento ai più giovani, considerati categoria più fragile e quindi più bisognosa di tutela, ha inoltre dichiarato: «Per quanto riguarda le giovani generazioni di professionisti iscritti è ancora più difficile comprendere questo scenario poiché la compartecipazione al flusso in entrata di Fondazione ENPAM dei giovani resta elevata in un momento storico dove c’è chi paga contributi previdenziali senza avere acceso e stabilità nel mondo del lavoro. Critica anche la posizione dello SNAMI (Sindacato nazionale autonomo medici italiani) che ha messo in guardia dagli errori del passato, ovvero «i quasi tre miliardi di euro investiti all’epoca della presidenza Parodi in titoli derivati ad alto rischio, che ancora oggi gravano sul bilancio del nostro Ente di previdenza». SMI (Sindacato dei Medici Italiani), dal canto proprio, pur non esprimendo una valutazione in termini economici come le altre due associazioni, ha sollevato la questione politica dicendosi disponibile  a «discutere su una seria e forte iniziativa a sostegno del Paese e per la tutela dei professionisti, soprattutto i medici oberati da una eccessiva pressione fiscale e con i rinnovi contrattuali bloccati da anni» ma decisamente contraria a rendersi complice di quella che ha definito  una «operazione di palazzo, a salvataggio dell’attuale governo e di un sistema bancario malato».

 

Articoli correlati
Carenza medici, l’assessore Arru (Sardegna): «Con quota cento rischio boom di pensionamenti. Aumentare borse di studio per MMG»
Il titolare della Sanità sarda difende la riforma della rete ospedaliera regionale: «Problema non è la carenza di servizi, ma un eccesso di servizi mal distribuiti che molto spesso non raggiungono i volumi indicati e suggeriti dal Piano nazionale esiti». Poi rilancia la medicina multiprofessionale per affrontare cronicità
Previdenza, la proposta di Oliveti (Enpam): «Creiamo cassa comune che unisca medici dipendenti e non»
Il presidente di Enpam e Adepp elenca le proposte presentate al ministero del Lavoro, dalla costituzione di un fondo di solidarietà intercasse a maggiori investimenti per welfare circolare
Taglio alle pensioni d’oro, Damiano (Pd): «No al ricalcolo retroattivo: è un principio pericoloso»
«Un contributo di solidarietà temporaneo, della durata di tre anni, sulle pensioni al di sopra dei 4-5 mila euro netti mensili. La Corte Costituzionale lo approverebbe». La proposta dell’ex ministro del Lavoro, Cesare Damiano
di Isabella Faggiano
Contratto, parla Carlo Palermo (Anaao): «Per firmare va sbloccata Retribuzione Individuale di Anzianità. Ecco come fare…»
Dai nodi da scogliere per arrivare a sbloccare il contratto alle soluzioni per rispondere alla carenza di specialisti, passando per le “autodimissioni” dei medici ospedalieri fino al taglio delle pensioni d’oro: l’intervista a tutto tondo al segretario nazionale di Anaao Assomed
Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»
Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi prende 4mila euro non è un ladro...». L'ex ministro del Lavoro Maurizio Sacconi: «La strada giusta è quella del prelievo di solidarietà»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila