Lavoro 4 Novembre 2020 08:27

Autisti soccorritori, nasce il sindacato FASI. Vernillo: «Puntiamo al riconoscimento della figura professionale»

Il sindacato, guidato dal beneventano Claudio Coppola, punta ad avere potere contrattuale con gli organi governativi. Il vicepresidente Vernillo denuncia le carenze sul Covid: «A volte non abbiamo nemmeno le tute che ci dovrebbero isolare dai pazienti»

«Chiediamo dignità per il nostro lavoro. Non abbiamo un codice deontologico, non abbiamo una normativa professionale, non abbiamo nulla. Navighiamo a vista. Il nostro scopo è quello di far riconoscere la figura dell’autista soccorritore a livello nazionale». Così Benito Vernillo, vicepresidente della FASI (Federazione Autisti Soccorritori Italiani) presenta a Sanità Informazione il sindacato che si qualifica come primo sindacato di categoria.

La Federazione nasce a Benevento dove, si legge sul sito web della FASI, la realtà emergenziale «risulta essere a buon punto di sviluppo se paragonata ad altri territori italiani dove essa presenta carenze ancora a tutt’oggi evidenti all’occhio dell’utenza tutta». «Ma siamo in espansione, puntiamo ad allargarci in tutta Italia» assicura Vernillo. A guidare la federazione è il beneventano Claudio Coppola.

Il tema di fondo è quello portato avanti da anni dalle altre associazioni di categoria come il CO.E.S., da anni in prima linea, e alle quali la FASI mostra pubblicamente la sua gratitudine. Ma ora lancia una sfida più ambiziosa: quella di dare forza ad un nuovo sindacato strutturato che «possa avere potere contrattuale con gli organi governativi».

L’obiettivo dichiarato è quello di creare il profilo professionale di autista soccorritore e avere una formazione almeno biennale riconosciuta dallo Stato. «Tutti gli autisti soccorritori italiano hanno come formazione il BLS, Basic Life Support, impariamo ad usare il defibrillatore – spiega Vernillo -. Però noi sul campo abbiamo sviluppato ben altre competenze anche meccaniche: quando rimaniamo sulle montagne fermi con le ambulanze dobbiamo cambiare le ruote, dobbiamo saper riconoscere i rumori del motore altrimenti rimaniamo a piedi. Siamo spalla a spalla con medici e rianimatori, ma tutto questo non ci è stato mai riconosciuto».

LE DIFFICOLTÀ CON IL COVID E LA MANCANZA DI PRESIDI

Vernillo racconta anche i difficili momenti che stanno vivendo gli autisti soccorritori in questi giorni di seconda ondata di Covid-19 che stanno mettendo sotto stress tutto il Sistema sanitario nazionale: «Sono giorni di lavoro, tensione e stress – racconta il sindacalista -. Non c’è una normativa che ci tutela. Inoltre non sappiamo come comportarci perché la normativa non è uguale in tutta Italia. A volte siamo carenti anche di quelle tute che ci dovrebbero isolare dai pazienti, non abbiamo presìdi, i medici si lamentano perché vogliono che andiamo nelle case ma noi senza protezioni non possiamo andare».

Di fronte allo spettacolo delle ambulanze in coda ai Pronto Soccorso, Vernillo spiega: «I Pronto Soccorso sono congestionati, c’è panico generalizzato perché tutti chiamano a causa del Covid: quando c’è una sintomatologia come febbre e tosse noi siamo tenuti a portarli in ospedale».

«Il problema – ammette – non è tanto per noi, ma per l’utenza in generale perché noi, restando in queste code, lasciamo sguarnito un territorio. Se dovesse accadere qualcosa di più grave può capitare che non ci siano ambulanze libere».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Smi, Cgil Medici e Simet a Speranza: «Rilanciare medicina generale con contratto innovativo e dignitoso»
Pina Onotri, Andrea Filippi e Mauro Mazzoni, in rappresentanza dei tre sindacati, scrivono una lettera al Ministro della Salute sul contratto dei MMG e sul Pnrr
Fp Cgil precisa: «Documento Fnomceo non sottoscritto dai sindacati»
Il segretario nazionale della la Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn Andrea Filippi specifica in relazione al documento Fnomceo sul rilancio della professione: «Recuperare il valore troppo spesso marginalizzato delle relazioni sindacali con le istituzioni»
PNRR, i sindacati medici: «Non saremo complici di riorganizzazione Ssn pagata con salute cittadini»
L’intersindacale si dice al fianco della FNOMCeO e chiede alla Federazione di convocare tutte le rappresentanze
Legge di Bilancio, per la sanità si è fatto abbastanza? Parlano i sindacati
Palermo (Anaao): «Fondo sanitario riportato a livelli più consoni». Vergallo (Aaroi-Emac): «Bene aumento indennità di esclusività». Cimo-Fesmed: «Temiamo per il futuro della sanità»
Minacce no-vax a Claudia Alivernini, Fp Cgil: «Atti ignobili e vili, si colmi il vuoto di informazione da parte delle istituzioni»
«Tutta la nostra solidarietà e il nostro sostegno all’infermiera dello Spallanzani di Roma, Claudia Alivernini, la prima vaccinata contro il coronavirus in Italia, oggetto di una aggressione inaccettabile sui social network. Le gravissime minacce di morte che le sono state rivolte nulla hanno a che vedere con la libertà di opinione o di critica ma […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 dicembre, sono 266.517.100 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.263.777 i decessi. Ad oggi, oltre 8,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Perché nonostante i vaccini i casi di Covid-19 aumentano?

di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi