Lavoro 18 Aprile 2023 11:39

Aumentare la pensione, riscatto Enpam o Inps? C’è una terza via sicura: l’allineamento dei contributi

Lo strumento a disposizione degli iscritti Enpam consente di allineare i contributi già pagati alla contribuzione più alta versata

Aumentare la pensione, riscatto Enpam o Inps? C’è una terza via sicura: l’allineamento dei contributi

Aumentare l’importo della propria pensione è il desiderio di ogni professionista, per beneficiare il più possibile, e serenamente, di un meritato riposo dopo anni e anni di lavoro. Al di là dei riscatti Enpam o del riscatto agevolato Inps per quanto riguarda il periodo di laurea, la cui comparazione e convenienza resta da valutare caso per caso, esiste un altro modo, ancora poco conosciuto ma molto utile, per ottenere un aumento sostanziale dell’importo pensionistico (e non dell’anzianità contributiva): l’allineamento dei contributi.

L’allineamento dei contributi

Si tratta di uno strumento che Enpam mette a disposizione dei propri iscritti, che consente di allineare i contributi già pagati a una contribuzione più alta versata nei periodi in cui si è lavorato di più e quindi il reddito è stato maggiore, così da ottenere una pensione più cospicua. È importante ricordare che i contributi volontari da riscatto, come quelli ordinari, sono interamente deducibili dalle tasse.

I requisiti

L’iscritto può fare domanda di allineamento se:

  • non ha compiuto l’età per la pensione al momento in cui presenta la domanda;
  • è ancora attivo sul fondo per il quale fa domanda di allineamento;
  • ha maturato un’anzianità contributiva al fondo non inferiore a 5 anni;
  • è in regola con il pagamento di altri riscatti in corso;
  • non ha fatto domanda di pensione d’inabilità assoluta e permanente;
  • non ha rinunciato da meno di 2 anni allo stesso riscatto.

I criteri dell’allineamento

L’allineamento avviene in base al criterio del fondo di appartenenza. Nel caso dei liberi professionisti (Quota B), si allineano i contributi inferiori al contributo più alto dell’ultimo triennio. Mentre per quanto riguarda la Medicina convenzionata e accreditata (assistenza primaria e specialistica ambulatoriale), si allineano i contributi inferiori alla media annua dei contributi versati negli ultimi 36 mesi coperti da contribuzione effettiva.

Come funziona la domanda e il pagamento

La domanda non è vincolante. Una volta ricevuta la proposta da parte degli uffici, l’eventuale accettazione va spedita entro 120 giorni. Trascorso tale termine la proposta decade. I pagamenti possono essere effettuati o in un’unica soluzione tramite bollettino Mav il mese successivo a quello in cui l’accettazione è stata registrata, oppure in rate semestrali, a giugno e a dicembre, tramite Mav spediti per posta dalla Banca popolare di Sondrio. I versamenti sono maggiorati dell’interesse legale in vigore al momento (tasso variabile).

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Dichiarazione dei redditi: tutte le novità per detrarre le spese sanitarie nel 730

A Sanità Informazione Marco Petrillo (Presidente commissione fiscale UNEBA) spiega le regole del modello precompilato. Tra le novità meno documenti da conservare
Salute

Covid: in Cina ondata variante XBB, attesi 65 milioni di casi a settimana a fine giugno

Anche se l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha dichiarato la fine della pandemia, non sono escluse ondate di contagi anche molto forti. Sarà così molto presto in Cina, d...
Salute

Covid: entro il 2025 nuova ondata. Intanto in Asia +454% di casi

L’eventualità di una nuova pandemia da Covid è stata espressa dal biologo Trevor Bedford, del Fred Hutchinson Cancer Center di Seattle, che ha condotto un'analisi statistica conseg...