Lavoro 25 Marzo 2022 17:51

Attività intramuraria libero-professionale, da Agenas il Rapporto sullo stato dell’arte in Italia

Progressivo adeguamento ai parametri richiesti dalla legge. Restano da superare difformità territoriali e recuperare lacune assistenziali post Covid-19

Attività intramuraria libero-professionale, da Agenas il Rapporto sullo stato dell’arte in Italia

Il ricorso alle prestazioni in intramoenia in regime di libera professione deve essere una libera scelta del cittadino, non una scorciatoia all’interno del sistema di cure o, peggio, un tappabuchi per le lacune dell’assistenza pubblica. Ma soprattutto dovrà essere, all’interno del servizio sanitario nazionale, un modello sempre più aderente alle normative che ne regolamentano l’attività, per incardinarsi al meglio nelle innovazioni che coinvolgeranno il settore sanitario italiano, dalla digitalizzazione alla riforma della medicina territoriale. È questo il chiaro messaggio emerso oggi durante il convegno organizzato da Agenas nell’ambito del quale sono stati presentati i dati relativi al Rapporto ALPI sull’esercizio dell’attività libero professionale intramuraria.

Il contesto normativo

La fattispecie è regolata dalla legge quadro n°120 del 2007, su cui si è poi incardinato l’Accordo Stato-Regioni del 2010 che ne ha definito alcuni parametri essenziali come la determinazione in volumi dell’attività erogabile, la determinazione oraria, il monitoraggio a garanzia di un bilanciamento con l’attività istituzionale. Poi, nel 2012 con il decreto Balduzzi, la materia ha conosciuto una profonda innovazione, con la determinazione degli spazi previsti per l’ALPI e l’obbligo di tracciabilità dei pagamenti.

Nel 2020 calo delle prestazioni intramurarie del 33% rispetto all’anno precedente

«L’attività libero professionale intramuraria rappresenta un valore aggiunto per le Aziende e i cittadini nella misura in cui permette agli utenti di accedere a servizi assistenziali aggiuntivi scegliendo il professionista di fiducia – afferma Rossana Ugenti, Direttore Generale delle Professioni Sanitarie e Risorse Umane del SSN presso il Ministro della Salute. – Non può in alcun modo tradursi – aggiunge – in una sostituzione dell’attività istituzionale né costituire un rimedio alle inefficienze del sistema. A fronte di ciò, i dati ci dicono che nel 2020 c’è stato un calo del 33% delle prestazioni erogate in intramoenia rispetto all’anno precedente, mentre il calo sulle prestazioni in regime istituzionale, sempre rispetto al 2019, è stato pari al 26%. Per quanto riguarda invece i professionisti che esercitano attività intramuraria libero-professionali, questi si sono ridotti del 18% dal 2013 al 2020. Le Regioni con il maggior numero di medici che esercitano questa attività sono la Valle d’Aosta, il Veneto e la Liguria, mentre il dato più basso si ritrova in Sardegna e nella Provincia autonoma di Bolzano».

Progressivo adeguamento agli indicatori regionali e aziendali

«La maggior parte delle Regioni e delle aziende è in via di progressivo adeguamento alle linee guida sull’attività libero-professionale intramuraria – afferma Maria Pia Randazzo, Dirigente Ufficio Statistica e flussi informativi sanitari dell’Agenas – anche grazie all’operato degli organi di controllo e monitoraggio. Tuttavia, l’unica Regione ad aver adempiuto globalmente sia per quanto riguarda gli indicatori regionali che quelli aziendali sono le Marche. Il Friuli e la Sicilia sono indietro sugli indicatori regionali, ma nel complesso grossi passi avanti sono stati fatti rispetto al 2019».

In Lombardia presto attivazione monitoraggio regionale su attività intramuraria

«In Regione Lombardia – afferma Letizia Moratti, Vicepresidente e Assessore al Welfare regionale – consideriamo strategico mantenere dati aggiornati sulle prestazioni in libera professione intramuraria, e ci accingiamo a prevedere l’obbligo di rendicontare in dettaglio, anno per anno, tutti gli ambiti dell’attività intramoenia così come già previsto per l’attività istituzionale, attuando contemporaneamente un sistema di monitoraggio delle possibili criticità, come l’eccesso dei volumi erogato rispetto all’attività istituzionale, eventuali scostamenti dei tempi d’attesa previsti per il regime di libera professione rispetto ai corrispondenti in regime istituzionale così da poterci avvalere, come direzione generale welfare, di azioni ispettive e di verifica sul campo».

Necessario superare difformità degli indicatori sul territorio

«I miglioramenti si intravedono, sia rispetto al tracciamento dei pagamenti sia dei luoghi preposti all’intramoenia, con il 91% dei servizi erogato negli spazi previsti, sia rispetto all’agenda, per la quale la maggior parte delle prestazioni viene erogata attraverso i CUP – dichiara Valeria Fava, responsabile coordinamento politiche della salute di Cittadinanzattiva -. Occorre tuttavia accelerare da parte delle regioni l’approvazione dei Piani straordinari per il recupero delle prestazioni sospese a causa del Covid-19, vigilare e rendere trasparenti i dati sull’andamento dei recuperi, sui modelli organizzativi adottati dalle regioni per garantire il ripristino delle prestazioni, sulle tempistiche previste e sull’utilizzo dei fondi stanziati. In alcune realtà il rapporto tra prestazioni erogate in intramoenia e nel canale istituzionale (che non deve superare il 100%, ossia per ogni prestazione erogata nel canale intramurario ce ne deve essere almeno una erogata nel pubblico) evidenzia che per i cittadini il ricorso all’intramoenia non è una libera scelta ma una scelta obbligata. Il rapporto certifica infatti che, in 13 regioni su 21, si rilevano situazioni in cui il suddetto rapporto è superiore al 100% soprattutto nell’ambito della visita e della ecografia ginecologica».

Verso una riforma del settore più aderente ai reali bisogni della cittadinanza

«Non possiamo negare la fuga dal settore pubblico di alcune specialità – commenta il presidente Agenas Enrico Coscioni – e l’appiattimento di questo settore. Su questi aspetti è necessario riflettere per poter dare alla cittadinanza adeguate risposte di salute. Parliamo di nuovi modelli assistenziali e territoriali, ma siamo certi che l’organizzazione ospedaliera sia ancora quella conforme alle esigenze dei cittadini? Fondamentale smantellare impostazione a silos del sistema, soprattutto tra pubblico e privato accreditato, che impoverisce l’uno e l’altro ambito a danno dell’assistenza ai cittadini. Da questo punto di vista – conclude – sarà necessario procedere a una profonda riorganizzazione ospedaliera».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nuovo Quaderno di Monitor, cure primarie in Europa comparate da Agenas
Con il nuovo Supplemento alla rivista Monitor, l’Agenzia intende effettuare un’analisi comparativa dei modelli organizzativi dell’assistenza primaria in sei Paesi europei: Francia, Germania, Italia, Regno Unito, Spagna e Svezia
Effetto Covid sul privato accreditato: prestazioni dimezzate. Per AIOP Lombardia da rivedere la legge
Per Dario Beretta, presidente di AIOP Lombardia, il crollo del settore è da imputare non solo al virus ma anche alla norma che vincola il privato accreditato ai budget del 2011. «Quaranta milioni erogati da Regione Lombardia non bastano, sono una goccia nel deserto»
Crollo intramoenia, CIMO-FESMED: «A perderci sono medici, strutture e pazienti. Rendiamola più attrattiva»
«L’intramoenia viene ancora considerata erroneamente e da più parti la causa delle liste d’attesa - sostiene la Federazione CIMO-FESMED -. Ogni iniziativa adottata contro la libera professione dei medici dipendenti del SSN si tramuta di fatto in un vantaggio per la sanità privata. E forse, viene quindi da chiedersi, è proprio questo l’obiettivo ultimo per qualcuno»
PNRR, Mantoan (Agenas): «Mmg e infermieri di comunità saranno cardine del nuovo modello organizzativo»
Il direttore generale dell’Agenas: «Il Dm 71 è l’anima del PNRR. La definizione degli standard organizzati è la vera innovazione del documento: è stato fissato il numero minimo di professionisti sanitari necessari a garantire l’attuazione dei modelli della sanità del futuro»
Piano Nazionale Esiti 2021: 1,7 milioni di ricoveri in meno rispetto al 2019. Le cause e i miglioramenti da fare
Nel Programma Nazionale Esiti 2021 Agenas presenta i nuovi indicatori e mostra le aree in cui i ricoveri sono scesi maggiormente, alcuni in conseguenza del lockdown, altri per scelta dei pazienti. Nel territorio ridotte le ospedalizzazioni evitabili
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...