Lavoro 31 Gennaio 2019

Aggressioni, l’87% medici continuità assistenziale si sente in pericolo. Maio (FIMMG): «Necessaria procedibilità d’ufficio»

Il segretario nazionale per la continuità assistenziale della FIMMG: «Molto spesso i medici vengono minacciati rispetto ad un’eventuale denuncia dell’aggressione subita. Così il fenomeno rimane sommerso»

di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

L’87% dei medici di continuità assistenziale si sente in pericolo durante lo svolgimento del turno. Il 45% ha subito almeno un episodio di violenza, prevalentemente attraverso gestualità intimidatoria e aggressività verbale, ma in qualche caso anche fisica. Numeri enormi, che fotografano la gravità della situazione più volte denunciata, tra gli altri, da Tommasa Maio, segretario nazionale per la continuità assistenziale della FIMMG: «In questo momento – ha dichiarato ai nostri microfoni – c’è in discussione la preparazione di una Legge che dovrebbe finalmente essere lo strumento definitivo per la tutela di tutti gli operatori della salute. Noi speriamo che venga determinata una procedibilità di ufficio nel momento in cui un operatore sanitario, nell’esercizio della sua funzione di tutela della salute, viene aggredito o minacciato. Quella è l’unica soluzione».

LEGGI ANCHE: GIOVANE DOTTORESSA AGGREDITA A BAGHERIA SI SFOGA SU FACEBOOK: «SIAMO SOLI, QUEL POSTO È UN RING». MAIO (FIMMG CA): «SUBITO LEGGE PER PROCEDIBILITÀ D’UFFICIO»

Oltre alla costante violenza in corsia, infatti, la FIMMG continua a registrare anche il fenomeno della mancata segnalazione delle aggressioni: «Molto spesso – continua la Maio – i medici operano da soli o con un contatto diretto, uno a uno, con il paziente, e ricevono anche delle minacce rispetto ad un’eventuale denuncia. Il fenomeno rimane sommerso ed emerge quindi solo nel momento in cui si arriva ad azioni criminose particolarmente gravi».

Per far fronte all’emergenza, la FIMMG si è anche fatta promotrice di un corso di formazione che insegna a medici e operatori sanitari rudimenti di autodifesa essenziali per proteggersi in caso di aggressione. «La formazione, per quello che mi riguarda, non è mai abbastanza», ha commentato Tommasa Maio. E non solo in tema di aggressioni, ma «su qualunque aspetto». A partire dalle vaccinazioni, ad esempio: «Soprattutto per il medico di famiglia, che ha una varietà di soggetti così ampia che deve prendere in carico per tutta la durata della loro vita, essere costantemente formato e informato è fondamentale. Deve conoscere tutti i nuovi strumenti che ha a disposizione».

Tommasa Maio poi evidenzia un altro aspetto, che ritiene importante: la condivisione dei percorsi formativi con gli altri soggetti. «Se noi continuiamo a mantenere separati i sistemi degli attori che contribuiscono a raggiungere coperture vaccinali ottimali, si continueranno a determinare quelle criticità che purtroppo ancora continuiamo a registrare», conclude.

LEGGI ANCHE: VACCINI, I RAPPORTO OSV. IL COORDINATORE: «OGNI REGIONE CON SUA STRATEGIA. ANAGRAFE VACCINALE LONTANA DA ASPETTATIVE»

Articoli correlati
Medicina Generale, Sabatini (FIMMG): «Borse dimezzate rispetto a specializzandi. Serve equiparare»
In concomitanza con la sentenza di appello che conferma il diritto degli ex specializzandi alla giusta remunerazione, i medici di famiglia lamentano un borsa di formazione dimezzata rispetto ai colleghi specialisti
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Vaccinazioni adulti, Maio(FIMMG): «Medico di famiglia è primo front office per il paziente»
Sulle fake news riguardanti i vaccini, il Segretario Nazionale Continuità Assistenziale FIMMG, Tommasa Maio sottolinea: «Pazienti ascoltino fonti attendibili»
Medicina Generale in Università, Stimamiglio (FIMMG): «MMG saranno relatori di tesi»
In Liguria il primo Dipartimento misto Università/Medicina del Territorio. Andrea Stimamiglio (FIMMG Liguria): «“Una casa comune” in cui si collabora ai fini di ricerche e sperimentazioni»
ACN Medicina generale, Scotti (FIMMG): «Sistema non riconosce sforzi a medici con ‘busta paga’ ferma da 10 anni»
Le Regioni non hanno accettato l’idea di una pre-intesa. Il segretario della Federazione dei Medici di medicina generale deluso: «Chiedevamo che il 2017 si chiudesse con un aumento dell’1,79%, in linea con l’indennità di vacatio contrattuale della dipendenza, perché non va bene?»
FIMMG incontra il ministro Grillo, Scotti: «Affrontato il tema della carenza dei medici e della formazione post-laurea»
«Le questioni non sono ancora tutte risolte ma il Ministro - spiega Silvestro Scotti, segretario nazionale di FIMMG - ha mostrato grande sensibilità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...