Lavoro 31 Gennaio 2019 11:14

Aggressioni, l’87% medici continuità assistenziale si sente in pericolo. Maio (FIMMG): «Necessaria procedibilità d’ufficio»

Il segretario nazionale per la continuità assistenziale della FIMMG: «Molto spesso i medici vengono minacciati rispetto ad un’eventuale denuncia dell’aggressione subita. Così il fenomeno rimane sommerso»

di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
Aggressioni, l’87% medici continuità assistenziale si sente in pericolo. Maio (FIMMG): «Necessaria procedibilità d’ufficio»

L’87% dei medici di continuità assistenziale si sente in pericolo durante lo svolgimento del turno. Il 45% ha subito almeno un episodio di violenza, prevalentemente attraverso gestualità intimidatoria e aggressività verbale, ma in qualche caso anche fisica. Numeri enormi, che fotografano la gravità della situazione più volte denunciata, tra gli altri, da Tommasa Maio, segretario nazionale per la continuità assistenziale della FIMMG: «In questo momento – ha dichiarato ai nostri microfoni – c’è in discussione la preparazione di una Legge che dovrebbe finalmente essere lo strumento definitivo per la tutela di tutti gli operatori della salute. Noi speriamo che venga determinata una procedibilità di ufficio nel momento in cui un operatore sanitario, nell’esercizio della sua funzione di tutela della salute, viene aggredito o minacciato. Quella è l’unica soluzione».

LEGGI ANCHE: GIOVANE DOTTORESSA AGGREDITA A BAGHERIA SI SFOGA SU FACEBOOK: «SIAMO SOLI, QUEL POSTO È UN RING». MAIO (FIMMG CA): «SUBITO LEGGE PER PROCEDIBILITÀ D’UFFICIO»

Oltre alla costante violenza in corsia, infatti, la FIMMG continua a registrare anche il fenomeno della mancata segnalazione delle aggressioni: «Molto spesso – continua la Maio – i medici operano da soli o con un contatto diretto, uno a uno, con il paziente, e ricevono anche delle minacce rispetto ad un’eventuale denuncia. Il fenomeno rimane sommerso ed emerge quindi solo nel momento in cui si arriva ad azioni criminose particolarmente gravi».

Per far fronte all’emergenza, la FIMMG si è anche fatta promotrice di un corso di formazione che insegna a medici e operatori sanitari rudimenti di autodifesa essenziali per proteggersi in caso di aggressione. «La formazione, per quello che mi riguarda, non è mai abbastanza», ha commentato Tommasa Maio. E non solo in tema di aggressioni, ma «su qualunque aspetto». A partire dalle vaccinazioni, ad esempio: «Soprattutto per il medico di famiglia, che ha una varietà di soggetti così ampia che deve prendere in carico per tutta la durata della loro vita, essere costantemente formato e informato è fondamentale. Deve conoscere tutti i nuovi strumenti che ha a disposizione».

Tommasa Maio poi evidenzia un altro aspetto, che ritiene importante: la condivisione dei percorsi formativi con gli altri soggetti. «Se noi continuiamo a mantenere separati i sistemi degli attori che contribuiscono a raggiungere coperture vaccinali ottimali, si continueranno a determinare quelle criticità che purtroppo ancora continuiamo a registrare», conclude.

LEGGI ANCHE: VACCINI, I RAPPORTO OSV. IL COORDINATORE: «OGNI REGIONE CON SUA STRATEGIA. ANAGRAFE VACCINALE LONTANA DA ASPETTATIVE»

Articoli correlati
Chiudere le Usca? Bartoletti (Fimmg): «Prematuro e azzardato parlarne ora»
Il coordinatore delle Uscar nel Lazio a Sanità Informazione: «Per l’Oms la pandemia è ancora in corso, non alle spalle. Stiamo assistendo ad una recrudescenza di casi e farei attenzione a veicolare messaggi ambigui che possono generare confusione»
Crisi sistema emergenza territoriale, le soluzioni del 78° congresso nazionale Fimmg
Fimmg Es lancia la propria proposta per rivedere le modalità di accesso al Sistema di Emergenza Sanitaria Territoriale
Congresso Fimmg, l’appello dei medici in formazione: «Vogliamo essere protagonisti del cambiamento»
Schembri (Fimmg Formazione): «Rivedere programma formativo integrando la formazione-lavoro, ma no alla trasformazione del corso in specializzazione»
Medicina generale, lo studio: «Investire in microteam porterebbe 16,7 miliardi all’economia del Paese»
Un volume economico superiore ai 7 miliardi di euro che diventano 16,7 miliardi per quello che in economia si definisce “effetto diffusivo”. É questo l’enorme impatto economico che i microteam della medicina generale proposti dalla Federazione Italiana Medici di Medicina Generale possono generare sull’economia del Paese se adottati sistematicamente a livello nazionale. A certificarlo è […]
Congresso Fimmg, Scotti: «Medicina generale dipendente solo dalla Convenzione. Pronto a smettere di fare il medico se passa la riforma»
Il segretario generale della Federazione italiana medici di medicina generale sulla riforma dell’assistenza territoriale: «Case di comunità non funzionerebbero in grandi città e aree poco popolate. Progetto previsto da PNRR va integrato con ambulatori di mmg che operino in microteam»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...